Ana Sezione di Milano - Content
xxx
Associazione Nazionale Alpini - Gruppo di San Vittore Olona- Via Alfieri - 20028 San Vittore Olona (MI) tel: 3333450040 - sanvittoreolona.milano@ana.it
Visita il sito
 Il Gruppo :
 Home
 Dove Siamo
 Storia del Gruppo

 Attivitą :
 Protezione Civile
 Squadra Intervento Alpino
 Scuole

 Mediateca :
 Immagini
 Biblioteca
 Archivio Articoli
 Archivio Notiziari

 Statistiche
 Web Links
 

 Downloads

Aggiungi ai preferiti

Contatta il webmaster
10:11:47
Data : 18-10-2021
GMT : +0200

 Cerca :
 Cerca nel sito :



 Cerca fuori :






pagine viste dal September 2007

 Linkaci :


Gruppo Alpini San Vittore Olona


User Info
Benvenuto, Anonymous
Nickname
Password
Codice di Sicurezza: Codice di Sicurezza
Digita il codice di sicurezza

(Registrare)
Iscrizione:
più tardi: normanveltri4756
News di oggi: 0
News di ieri: 0
Complessivo: 77

Persone Online:
Visitatori: 72
Iscritti: 0
Totale: 72

Successivo 2 Eventi.

Data Evento Descrizione
23/10/21
15:00
 
al
 
19:00
 50° gruppo di Crescenzago
24/10/21
08:30
 
al
 
12:00
 Centenario del Gruppo di Lodi.
tutti gli eventitutti gli eventi festeradunicoriconsiglioincontri
esibizionidisnarelloprotezione civilemanifestazioni 

Si torna a scuola (Ottobre 2021)
Protezione Civile

SI TORNA A SCUOLA


E finalmente, dopo le restrizioni dovute alla pandemia, sembra che si possa, seppur con le dovute precauzioni, tornare a trovare i ragazzi nelle scuole per portare la nostra modesta esperienza in tema di sicurezza e Protezione Civile. Contattato dall’Assessore Ghilardi, addetto alla zona 7 del Comune di Milano, l’amico e volontario di P.C. della nostra Sezione, Antonino Zanghi sta incontrando gli studenti di diverse scuole medie e superiori per parlare della Protezione Civile, delle problematiche legate all’eventuale emergenza in caso di emergenza idro-geologica, dei rischi presenti nella nostra zona, nonché dei comportamenti da tenere per evitare incidenti. Mercoledì 15 settembre ho quindi avuto il piacere di affiancarlo in due sessioni di incontro con 6 classi delle prime superiori, per un totale di circa 170 ragazze e ragazzi, dell’Istituto di Istruzione Superiore “SRAFFA” che si trova in via Zoia in zona S. Siro, grazie alla disponibilità della Direzione Scolastica e all’impegni dei docenti coordinati dalla Referente Prof.ssa Galliano

Postato da morang il (23 letture)
(Leggi Tutto... | 3153 bytes aggiuntivi | commenti? | Voto: 0)



Fondi ben spesi e buoni frutti (Ottobre 2021)
ANA

FONDI BEN SPESI E BUONI FRUTTI

Nel corso delle mie vacanze estive, girovagando in moto per la Penisola, ho voluto fare ritorno in Abruzzo e ho fatto tappa per un paio di giorni all’Aquila per rivedere quella bella città che nei miei ricordi significava morte e distruzione a seguito del disastroso terremoto che nella notte fra il 5 e 6 aprile 2009 provocò 309 vittime e che mi vide, in compagnia di tanti amici alpini, prestare soccorso a quelle povere genti private di tutto in un lungo attimo. Il terribile ricordo di quelle giornate passate ad aiutare nella gestione del Campo Globo e ad accompagnare gli sfollati a recuperare le poche cose rimaste nelle loro abitazioni, è stato solo in parte mitigato da quello della grande Adunata Nazionale del 2015 quando l’Associazione Nazionale Alpini decise di tornare in massa su quei luoghi tanto provati per dare un segnale di rinascita ed un aiuto concreto all’economia di una zona altrimenti destinata ad un lento declino. Se nel periodo dell’emergenza terremoto il clima era di grande dolore, quello dell’Adunata che, seppur rispecchiando un senso di comunanza ed allegria che voleva essere da sprone alla popolazione, era comunque, come tutte le nostre Adunate, molto caotico e troppo affollato per consentire di apprezzare le bellezze della città. 


 

 

 

 

Postato da morang il (6 letture)
(Leggi Tutto... | 4859 bytes aggiuntivi | commenti? | Voto: 0)



A proposito (Ottobre 2021)
Gruppo

A PROPOSITO


… del mio articolo apparso sull’ultimo numero del  Penna Nera vi giro un commento fatto da un’ amico “alpino purosangue“  al quale giro mensilmente il nostro giornalino. E’ uno che a parer mio sa  usare la penna molto ma molto meglio del sottoscritto; del resto ci vuole  poco e  sono certo che me ne dirà quante ne sa però io, forte della sua amicizia, mi permetto questo e se necessario tanto altro.  Concordo con lui per quanto scrive sull’argomento “alpini/amici degli alpini” non condividendo comunque la sua conclusione quando si  dà per sconfitto;  in fondo in fondo neanche lui ci crede. E’ una speranza che può sembrare illusione ma è positivo che rimanga sempre presente: è inammissibile pensare che uno qualsiasi  sia un vero alpino    cioè uno che agisce motivato da quella alpinità come la intendeva  il famoso Peduzzi  solo perché porta un cappello con la penna,  ci vuol ben altro,  ma ecco quanto l’amico mi ha scritto. Adesso aspetterò il suo benevolo mugugno.  Dal Penna Nera “ciao tenente non si può essere bravi in tutto “. 

                        Pio

Postato da morang il (5 letture)
(Leggi Tutto... | 4117 bytes aggiuntivi | commenti? | Voto: 0)



Pedalando (Ottobre 2021)
Gruppo

PEDALANDO

Il nostro Socio Andrea M. questa estate ha portato a termine un tour ciclistico di circa 1700 Km. in Islanda e nelle Isole Faroe tenendo sempre ben esposto sulle borse il Tricolore.

Chi fosse interessato a visionare l’impresa può visitare i seguenti link:

https://m.youtube.com/watch?v=GtAVoaYafUO

https://m.youtube.com/watch?v=CsRqgJDo210

 

Postato da morang il (6 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Ricordando un amico (Settembre 2021)
Gruppo

RICORDANDO UN AMICO


… purtroppo ancora una volta la morte ha bussato alla porta della nostra baita, il nostro gruppo è stato colpito dalla perdita di un socio. Sono cose che non si vorrebbero mai scrivere ma si sa che contro di lei non si può nulla. Spulciando fra le varie definizioni della morte emerge quella di San Francesco che la chiama quasi con affetto:  la nostra sorella morte corporale e dalla qual, aggiunge, nullo omo vivente può scappare … SORELLA … una parola e … noi non siamo San Francesco. La lunga ed inesorabile malattia prima seguita dalla perdita del nostro amico  ancora una volta ha listato a lutto il nostro gagliardetto. Per la burocrazia alpina,  Angelo Amboldi  era un’amico degli alpini ma in realtà ERA UN’ALPINO. Iscritto da subito, dall’inizio nel nostro gruppo di San Vittore Olona, fu uno di quei tanti di allora che non si diedero mai per vinti davanti alle difficoltà  di ogni tipo che, e  maggiormente a nostri giorni, accompagnarono la costruzione  materiale della sede  supportata dall’entusiasmo  piuttosto che dalla ricchezza di mezzi. Angelo c’era  sempre con la sua esperienza e conoscenza nell’ambito edilizio. E siccome era un’alpino  sapeva anche essere di quella compagnia che si toccava con mano nella vita ordinaria, nelle manifestazioni di gruppo ed in sede, nella sua manutenzione,  nella condivisa  gestione della cucina, nelle rocambolesche avventure chiamate Adunate ricche anno dopo anno di  varianti  che solo chi le ha vissute può comprendere.


 

 
Postato da morang il (51 letture)
(Leggi Tutto... | 5103 bytes aggiuntivi | commenti? | Voto: 0)



Ciao Francescone (Settembre 2021)
Protezione Civile

CIAO FRANCESCONE


Francesco Cornelli, per tutti Francescone, anzi “ul Francescun” classe 1943, Alpino D.O.C. del Gruppo di Melzo è andato avanti improvvisamente ed inaspettatamente mercoledì 14 luglio. Tra i soci fondatori della S.I.A. e sin dalla prima ora volontario della nostra unità di Protezione Civile è sempre stato presente nel corso delle calamità che hanno visto operativa la nostra Sezione nelle emergenze e nel volontariato anche in ambito locale guadagnandosi il rispetto e la riconoscenza di quanti l’hanno conosciuto ed hanno avuto la fortuna di lavorare con lui. Fra questi ho l’onore di riconoscermi avendo in più occasioni avuto la fortuna di intervenire in diverse occasioni quando, per intenderci, si operava con i mezzi personali e attrezzature se non di fortuna, certamente sconosciute alla dicitura “omologazione”, nonché le innumerevoli uscite addestrative in montagna dove lui, socio CAI, portava la sua esperienza acquisita in anni di ascensioni. Se c’è un aggettivo che mi sento di attribuirgli è “tranquillo”, posso dire di non averlo mai visto arrabbiato, certamente non l’ho mai sentito alzare la voce (a differenza del sottoscritto) e ogni cosa che diceva, anche se magari polemica o di rimprovero, era sempre improntata alla massima educazione e pacatezza. Mi ritengo fortunato anche di avere potuto passare con lui alcune delle sue ultime ore di vera gioia, infatti tre giorni prima della sua scomparsa ci eravamo trovati per una grigliata, la prima dopo un anno e mezzo di pandemia e mi è cara una foto che ci ritrae insieme mentre ci godiamo una bella cantata al suono della fisarmonica, sono sicuro che anche per lui sia stato uno dei più bei momenti dell’ultimo anno e personalmente me lo porterò nel cuore.

Postato da morang il (8 letture)
(Leggi Tutto... | 3944 bytes aggiuntivi | commenti? | Voto: 0)



CIAO BEPPE (Luglio 2021)
ANA

CIAO BEPPE


Venerdì 18 giugno, siamo in sede (purtroppo in pochi) e stiamo parlando di come riprendere la nostra vita associativa specialmente superando lo scoglio rappresentato dalla latitanza anche dei soci “storici”, quando un messaggio arriva sui cellulari: Beppe Parazzini, il “nostro” (past come ora vengono definiti) Presidente nazionale è andato avanti. E’ una di quelle notizie che ti lasciano sconcertato ed incredulo, non può essere, stiamo parlando di una icona dell’Associazione Nazionale Alpini, che si identificava nella Sua figura e personalità, di qualcuno che davi per scontato sarebbe sempre stato presente per consigliare e suggerire la strada migliore da seguire con quel suo modo pacato, ma deciso e graffiante che non ammetteva repliche perché in fondo quello che diceva trovava poi riscontro. Classe 1944 aveva iniziato la sua  vita alpina nel 1969 con il 57° corso Auc e successivamente inquadrato nel 5° Rgt. Battaglione Edolo e successivamente congedato si iscrive al Gruppo di Bareggio della nostra Sezione ed inizia a condividere la passione alpina con la professione di notaio che ha svolto sino ad un paio di anni fa. Dal 1998 al 2004, per due mandati è stato Presidente dell’A.N.A. succedendo a Leonardo Caprioli e diventando bandiera della protesta civile inscenata dai soci dell’Associazione nel 2002 che occuparono pacificamente Roma per una mattina per protestare contro la sciagurata legge che “sospendeva”  il servizio di leva con i risultati che sono oggi sotto gli occhi di tutti arrivando a presentare all’allora Presidente della Repubblica Ciampi una memoria in cui si paventava una perdita dei valori che si è poi rivelata profetica.

Postato da morang il (184 letture)
(Leggi Tutto... | 5533 bytes aggiuntivi | commenti? | Voto: 0)



RELAZIONE MORALE 2020 (Luglio 2021)
Gruppo

 

RELAZIONE MORALE 2020


Come si può chiaramente supporre, questa relazione non potrà evitare di  tenere conto della situazione particolare causata dalla maledetta epidemia del COVID-19 che ha letteralmente stravolto la vita di tutti noi e di conseguenza anche quella associativa a tutti i livelli, dalle iniziative di Gruppo sino all’annullamento della nostra Adunata Nazionale per il secondo anno consecutivo. Ma se tutto ciò ha comportato un malessere morale e psicologico per aver dovuto rinunciare alla possibilità di incontrarci, stare insieme e poterci dare la possibilità di adempiere ai nostri doveri associativi, anche nei confronti delle gente, la perdita maggiore riguarda la scomparsa all’interno di Gruppi e Sezioni specialmente delle zone del nord, le maggiormente colpite, di tanti, troppi alpini ed amici che nel corso dell’anno ci hanno lasciati, a volte senza neppure poterli salutare ne’ accompagnare nell’ultimo viaggio così come è da sempre nostra abitudine. Anche il nostro Gruppo è stato purtroppo colpito da questi lutti nelle persone di Bruno Polingher, Socio e valido Consigliere e di Ignazio Torno, capogruppo di Arconate da molto tempo sempre presente alle nostre manifestazioni e papà di Cristina, compagna del nostro Angelo Morlacchi, invito quindi tutti a ricordarli insieme agli altri nostri sconosciuti fratelli di penna con un attimo di raccoglimento.

Postato da morang il (24 letture)
(Leggi Tutto... | 13376 bytes aggiuntivi | commenti? | Voto: 0)



SUCCEDE (Luglio 2021)
Gruppo

SUCCEDE


 il trascorrere dei giorni è costellato da momenti    con valenze negative e positive: non si tratta per forza di  grandiosità ma  normalmente  di tante piccole cose, di semplicità che  possono essere  anche negative ma  su queste non vorrei soffermarmi, non penso  sia il caso. Vorrei invece coinvolgere, ammesso sia possibile, coloro che leggono queste righe,  in un fatto piccolo, piccolo, insomma cronaca casereccia ma per me molto gratificante. Ora, com’è noto, fra noi Alpini, molti sono impegnati nella protezione civile con l’intento di  rendersi disponibili alla comunità in svariati modi e vengo al punto. Una domenica mi trovavo come volontario al centro di vaccinazione in quel di Cerro Maggiore. Caldo da vendere, gente che si accalcava, seppur in maniera discretamente  ordinata … non mancavano le battute “grandi alpini …  siete sempre presenti … io ero della Taurinense … io ero dei parà … quell’altro guardando suo figlio sospirava  … quanto ci vorrebbe adesso un po di naja  ecc, ecc.  Purtroppo,  al nostro buon Fabio, capitò la frecciata di un signore che si sentì autorizzato ad insinuare che gli alpini approfittavano dell’occasione, scavalcando la fila, “per fregare” il vaccino a quelli con il diritto di priorità;I pseudo intelligenti si fanno sempre riconoscere.  Il mio incarico, espresso  in termini militari, era di addetto alla sbarra, di piantone  e,  “armato con il mio cappello alpino“, dovevo indirizzare  quanti si presentavano per accedere all’incontro informativo con i medici prima della vaccinazione vera e propria. Piccolo aneddoto, quasi una barzelletta: un sudamericano piccolo così mi chiese dove  poteva acquistare un cappello simile al mio,  hai voglia di spiegargli che non si trattava di un particolare tipo di “sombrero” , che non aveva niente da  spartire con un simpatico oggetto di  folklore, ignoro se abbia capito perché l’ho lasciato leggermente dubbioso, ma forse non mi sarò spiegato bene.

Postato da morang il (24 letture)
(Leggi Tutto... | 7698 bytes aggiuntivi | commenti? | Voto: 0)



Verbale Assemblea Annuale (Giugno 2021)
Gruppo

ASSEMBLEA  ANNUALE DI GRUPPO


Come da regolamento in data 7/5/21 avvenne l’assemblea che invitò tutti i soci a ritrovarsi in sede con lo scopo di  fare il punto della situazione: vita di gruppo, analisi economica, eventuali elezioni a motivo di scadenza delle cariche  e altro  riassumibile nella frase classica: varie ed eventuali. La particolare situazione  causata dall’epidemia ci impose l’osservanza di norme stabilite vale a dire: distanze fra i partecipanti, previo controllo della temperatura di ognuno al momento dell’ingresso  nonché il rispetto legato all’orario di chiusura. L’afflusso dei soci superò le aspettative: in effetti tenendo presente a  quanti non potevano presenziare  si è potuto essere soddisfatti del numero dei partecipanti: va  evidenziato come un ns. socio fosse collegato in video-conferenza dal  Friuli… La presenza dei consiglieri  Rodeghiero di Magenta e  Piccioni  di Legnano ufficializzò la presenza della Sezione  per cui all’ora convenuta ebbe inizio la riunione previo saluto alla Bandiera seguita  dalla relazione sociale del capogruppo e da quella economica tenuta dal revisore dei conti. Ambedue, a disposizione di ognuno presso la segreteria, furono approvate  dall’assemblea, seguite dall’elezione dei due consiglieri  scaduti : riconferma di  Cestarolli  assieme al  neo eletto Stefano Parini. Sommariamente: il capogruppo relazionò sull’anno  trascorso evidenziando il difficile momento attraversato segnato dalla morte del socio nonché consigliere nella persona di  Bruno Polingher  e   dall’epidemia che troncò ogni tipo di  attività sia di gruppo che nell’ambito comunitario  causando anche difficoltà di relazione ed incontro fra i soci  accompagnate dagl’immancabili problemi economici sempre presenti, spese  e bollette per intenderci, che  a ben guardare  contrassegnano la vita di ogni gruppo dell’Associazione e non solo.

Postato da morang il (349 letture)
(Leggi Tutto... | 6526 bytes aggiuntivi | commenti? | Voto: 0)



Una divisa, un giurammento, un impegno. (Giugno 2021)
ANA

UNA DIVISA, UN GIURAMENTO, UN IMPEGNO


Lo so che gli alpini non dovrebbero fare politica, o meglio partitica perché la politica e cioè il bene della POLIS inteso come bene comune lo facciamo da sempre, ma ci sono alcune occasioni in cui tacere diventa veramente difficile.   Mi riferisco alla polemica innescata dal Governatore della regione Campania Vincenzo de Luca nei confronti del Generale Francesco Paolo Figliuolo, Commissario per l’emergenza Coronavirus, perché (secondo lui) “Andando in giro in mimetica rischia di trasferire sulle Forze Armate la polemica politica mentre l’immagine dell’Esercito deve restare fuori  da ogni polemica”. Ebbene caro Governatore, mai come ora l’immagine dell’Esercito ha goduto di una fiducia simile da parte degli ITALIANI, quegli italiani che si sono resi conto della serietà della persona che stai cercando di denigrare, un militare si, un servo dello Stato che non ha MAI CAMBIATO CASACCA  e che sta gestendo questa emergenza con lo stesso spirito che anima noi volontari durante le emergenze: prima si obbedisce, poi magari si mugugna, ma intanto si lavora.    E i risultati si vedono.    Se poi caro Governatore ti da tanto fastidio vedere una tuta mimetica, guardati un po’ in giro e ne vedrai tante in tutte le città italiane indossate da giovani che ci consentono di poter passeggiare tranquillamente e questo, a parte te, agli ITALIANI dà sicurezza e fiducia, quella fiducia che la classe politica oramai si sogna.

Franco Maggioni

Postato da morang il (28 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Premessa - Presidente Draghi (Maggio 2021)
Gruppo

PREMESSA

Soltanto per una breve considerazione. Ieri mi è arrivato con la posta l’Alpino e, come sempre, da subito mi leggo l’editoriale del Direttore, Don Fasani che in quest’ultimo numero riflette sul recente programma televisivo  “La caserma” argomento già trattato dal sottoscritto in un articolo, “articolo: parola grossa”, sul Penna Nera di aprile a titolo  “Progetto”. Fino a  qui niente di che. La cosa che mi ha ulteriormente meravigliato l’ho trovata alla pagina successiva dove nella rubrica “Lettere al direttore” leggo  quella  inviata alla redazione  a firma Gen. Di Dato ex direttore dell’Alpino che commenta con toni  non certo benevoli l’attuale malattia nazionale chiamata anglofilia a tutti i costi.  Eh no,  non può  essere; ma guarda caso: sto per consegnare al nostro “direttore” del Penna Nera quattro righe già preparate da qualche giorno attinenti allo stesso problema: che strano. E mi è venuto in maniera spontanea, quasi schizofrenica un piccolo pensiero: vuoi vedere che qualcuno dei tre copia l’altro, quasi un plagio? o non penserete che io “penna biro” di un giornalino di gruppo mi metta a  “scopiazzare” o in competizione con queste “Penne d’oro” di valenza nazionale? non sarà piuttosto  una piacevole coincidenza meritevole alla fine di un balsamico sorriso?   AMEN.

PRESIDENTE  DRAGHI

 Dio ti benedica. Chiariamo: qui la politica non ha niente a che vedere e mi spiego riandando a quanto da lui detto, credo alla Camera,  ad un certo momento di un suo intervento: perché io devo parlare in  inglese e,  io aggiungo,   non usare termini che esistono e ci sono tranquillamente nella lingua italiana? Siamo alle solite. Lo so di ripetermi sull’argomento ma se un tale Signore sbotta con questa espressione un motivo ci sarà e  per di più non deve essere suffragato dal mio parere. Io non ho nulla contro la lingua inglese anzi mi dispiace di non conoscerla ma non si può conoscere e sapere tutto. Ai miei   tempi  e lo posso dire, accidenti a quanti anni sono passati, alle medie vigeva  il quasi obbligo della lingua francese  dopo le quali  per altre  lingue inglese, tedesco ecc … ci si rivolgeva al liceo linguistico   come  adesso: ma per non perdere il filo del discorso,  posso solo ricordare con  un certo  brivido il “mazzo” che mi hanno fatto, dalle prime nozioni nelle elementari   alla maturità  per  lo studio della lingua italiana, dal Petrarca  a tutta l’enorme quantità di autori e scrittori che si sono succeduti durante i secoli e, guai  dimenticare i Promessi Sposi,   chiudere in gloria con la Divina Commedia. I ben informati mi dicono che oggi l’italiano  sia la quarta lingua più studiata nel mondo;  magari nel mondo forse,  in Italia  credo  sia la più massacrata.

Postato da morang il (204 letture)
(Leggi Tutto... | 11756 bytes aggiuntivi | commenti? | Voto: 0)



Congratulazioni (Maggio 2021)
Gruppo

CONGRATULAZIONI

E’ con grande soddisfazione che tutti i Soci del nostro Gruppo si complimentano con gli amici del Gruppo Cinofili di Nerviano che, quali volontari di Protezione Civile, fanno parte della Sezione tramite il nostro Gruppo e che hanno ricevuto dal Comune di Nerviano nella persona del Sindaco Massimo Cozzi, l’attestato di civica benemerenza per la disponibilità, la presenza e il contributo dimostrato nel corso della pandemia e come esempio di senso civico.

E’ confortante e gratificante constatare come l’opera svolta dagli amici di Nerviano, al pari delle migliaia di Alpini e Amici in tutta Italia che da subito si sono resi disponibili ad aiutare, venga riconosciuta dai rappresentanti della comunità, e da parte nostra  un plauso ai nostri cinofili per averlo dimostrato in questo difficile periodo.

 


Postato da morang il (37 letture)
(commenti? | Voto: 0)



PROGETTO (Aprile 2021)
Gruppo

 

PROGETTO

Così è stato definito il recente prodotto televisivo intitolato  “LA CASERMA”. Sono sicuro che avrà suscitato molteplici  reazioni da parte dei telespettatori.  Neanche a farlo apposta sull’ultimo numero del nostro mensile “L’ALPIN0” una signora invia al direttore una lettera inerente a questo programma.  Una valutazione  sullo stesso argomento “la famosa caserma”  mi era venuta immediata già dalla prima puntata,  prima di quella famosa lettera. Mi sono scoperto  curioso e nello stesso tempo leggermente diffidente, sarà una baggianata, un solito minestrone dettato da esigenze televisive e/o  di spettacolo ma con tutta l’ingenuità che posso avere, alla fine non l’ho trovata poi tanto male. Ovviamente non sono in grado di valutarne la tecnica televisiva, la regia c… e men che meno mi  azzardo a conclusioni a dir poco avventate però mi sono scoperto a  riflettere su quanto mi aveva suscitato  da subito. Seduto sul divano mi sono ritrovato   fra quei ragazzi  alle prese con  “Figaro”  l’inesorabile e sadico barbiere, alla vestizione,  al … va là che ti vanno bene camicie, mutandoni più meno felpati abbinati a  pantaloni ascellari … non parliamo poi del cappotto che a tutti i costi era perfetto anche se lo pestavi … non si osava neppure pensare che il maresciallo, lo stilista militare addetto al magazzino  vestiario si sbagliasse … devo essere sincero: si preoccupò seriamente con un tocco di umanità che gli scarponi  fossero perfetti, personalizzati, antivesciche (provali, cammina avanti e in dietro però datti una mossa, sù, sù, desgrubia, sbranina; parole da me mai sentite ma intuite subito, al volo). Lui, burbero benefico,   sapeva bene a cosa  andavamo incontro.

Postato da morang il (483 letture)
(Leggi Tutto... | 10632 bytes aggiuntivi | commenti? | Voto: 0)



La Video Lezione (Marzo 2021)
Gruppo

LA VIDEO LEZIONE

Mercoledì 3 febbraio, su invito della Prof.ssa Baroni del Liceo Linguistico Statale di Arconate e d’Europa, ho avuto il piacere di partecipare ad un incontro con gli studenti di quarta che stanno lavorando su un progetto storico – naturalistico riguardante la zona del Monte Orsa nel varesotto, sovrastante la Val Ceresio. Il mio ruolo sarebbe stato quello di illustrare la parte storica in particolar modo quella riguardante la linea Cadorna che, nelle postazioni collocate sulla cresta che univa il Monte Orsa al Monte Pravello, costituiva uno dei punti più impostanti e fortificati di tutto il sistema difensivo che costituiva la Frontiera Nord comunemente chiamata appunto Linea Cadorna. Confesso che, pur essendo oramai abituato ad intervenire  nelle scuole, nutrivo una certa preoccupazione sul coretto svolgimento dell’incontro in quanto, a causa della situazione pandemica che vieta la presenza fisica di chi non è studente o docente, il tutto si sarebbe svolto in video conferenza, cosa che a uno come me mette già l’agitazione addosso, ma devo dire che alla fine con l’aiuto paziente delle insegnanti tutto è andato bene. Anzi, se possibile oserei dire che il risultato è andato oltre le aspettative, infatti l’incontro che era previsto durasse circa 45 minuti, alla fine si è protratto per quasi due ore con i ragazzi che non finivano più di fare domande che, se all’inizio vertevano sul tema della Linea Cadorna, dopo un po’ si sono spostate in massa  sul volontariato, la Protezione Civile, e particolarmente sugli alpini, la loro storia, l’organizzazione e le finalità associative, insomma alla fine della fiera siamo finiti a fare una lezione…su di noi.

Postato da morang il (127 letture)
(Leggi Tutto... | 3747 bytes aggiuntivi | commenti? | Voto: 0)



Uscita SIA (Marzo 2021)
Squadra Intervento Alpino

 

USCITA S.I.A.

E finalmente domenica 14 febbraio, dopo un anno di forzata inattività, abbiamo ripreso, seppure in forma ridotta le uscite della S.I.A. cercando di rispettare le rigide norme che comunque persistono a limitare i nostri spostamenti e anche in un ambiente come quello montano, costringono a rispettare norme di comportamento che di solito diamo per scontato ad iniziare dal contatto fisico e dalla gioia di poterci vedere in faccia, salutandoci quando ci si incontra o scambiandoci un “bicchierino” dopo il panino in vetta. E’ proprio vero che questa pandemia ha stravolto la nostra vita anche nelle piccole cose che davamo per “normali” e alle quali non abbiamo mai fatto caso ma che ora rimpiangiamo ed andiamo a ripescare nella nostra memoria dove le custodiamo come tesori, augurandoci di potere tornare a goderne, questa volta assaporandone la bellezza pur nella loro semplicità. Ma passiamo alla cronaca, l’idea era quella di raggiungere la località dei Piani di Artavaggio, visto fra l’altro il divieto di uscire dalla propria Regione, partendo da due punti diversi e cioè dal Culmine di San Pietro sopra l’abitato di Moggio in Valsassina da parte del sottoscritto e dell’amico Giuseppe del Gruppo di Ceriano Laghetto, e da Vedeseta sul versante bergamasco ad opera degli amici del gruppo di Melzo.

Postato da morang il (57 letture)
(Leggi Tutto... | 3570 bytes aggiuntivi | commenti? | Voto: 0)



Incontro capigruppo (Febbraio 2021)
Sezione ANA Milano

INCONTRO CAPIGRUPPO


Lunedì 18 gennaio si è tenuta la consueta riunione mensile dei Capigruppo della nostra Sezione purtroppo in modalità di videoconferenza, cosa questa che, seppur nella sua oramai collaudata formula, inizia ad essere veramente opprimente perché l’impossibilità di vederci, stare insieme e condividere personalmente quello che più ci sta a cuore mina alla base quello che da sempre ci ha contraddistinto e che è la nostra forza, appunto l’unione e la fisicità dei nostri rapporti. Dopo il doveroso e tradizionale saluto alla Bandiera, seppur virtuale, il Presidente Boffi ha aperto la riunione ricordando l’amico Cesare Lavizzari che giusto due anni fa nella stessa data ci lasciava prematuramente privandoci di una presenza che avrebbe sicuramente potuto dare molto alla nostra Associazione  alla quale aveva dedicato tutta la sua vita. La situazione dettata dalla pandemia sta avendo forti ripercussioni sulla nostra vita associativa impedendo di fatto a Gruppi e Sezioni di svolgere le attività che da sempre sono il fulcro del sodalizio e il fatto che tutte le assemblee sono state posticipate al 15 giugno e che pure la nostra Adunata Nazionale per ora spostata ulteriormente a settembre salvo potere partecipare tutte le persone realmente vaccinate diventa una chimera.

Postato da morang il (159 letture)
(Leggi Tutto... | 3310 bytes aggiuntivi | commenti? | Voto: 0)



Gennaio 2021 (Febbraio 2021)
Gruppo

 

GENNAIO 2021

Pensare ad un articolo in questi tempi per il nostro Penna Nera è un’impresa a dir poco  acrobatica. Come tutti sappiamo la  realtà associativa è al limite dell’esistenza. Tutti in casa bloccati da questa pandemia che sta mettendo in ginocchio  anche l’ipotesi di una qualsiasi fattibilità  e   il tempo trascorre in maniera monotona con la fantasia di ognuno che tenta di inventare  costantemente    quanto si   possa fare per evitare di cadere nell’abulia più penosa. Detto ciò  spulciamo fra le piccole cose e/o avvenimenti  che sono successi. Abbiamo avuto  in sede un’incontro serale, breve a  causa del successivo coprifuoco,   un mini incontro durante il quale fra le altre cose si è approfittato al  rinnovo del bollino per i presenti  con l’invito,  passa parola e successivo inserto sul nostro giornalino, per  quanti non erano intervenuti . Giorni fa parlando con un alpino di un altro gruppo gli raccontavo dei nostri tentativi per tenere uniti i soci   accennando  alla modalità della video-conferenza. La sensazione è stata di meraviglia nonché di approvazione  forse con  una  segreta speranza  d’imitazione.  Tornando a noi, dopo i vari tentativi per migliorare  questa modalità  relazionale  intrapresa dal nostro capogruppo in sinergia con il segretario ai quali ad onor del vero vanno riconosciuti un costante impegno nell’attività nascosta di segreteria, amministrazione e relazione con la nostra Sezione di Milano senza dimenticare il  notiziario Penna Nera, dicevamo, finalmente   è stato raggiunto  un buon risultato . Sembra poca cosa ma io credo  d’estrema importanza.  Non va dimenticato  che a partire dal sottoscritto le capacità d’ interagire con app., Pc  e telefonini, più volte siano naufragate  in  cordiali risate …. ma ora ci stiamo riuscendo: proprio venerdì 18 u.s. ci siamo ritrovati in un numero considerevole  di   ” informatici “ e con un ottimo esito. Ormai chi ci ferma? Sicuramente  positivissimo il poterci vedere e relazionare seppur  attraverso un monitor con quanti sono impossibilitati per svariati motivi  a frequentare  la sede; forse varrebbe la pena di mettere a calendario  qualche  riunione-video a beneficio di queste persone. Una serata ogni tanto  non guasterebbe o sbaglio?

Postato da morang il (64 letture)
(Leggi Tutto... | 11000 bytes aggiuntivi | commenti? | Voto: 0)



13 Dicembre 2020 (Gennaio 2021)
Gruppo

 

13  dicembre 2020


Domenica 13 dicembre: quest’anno per noi alpini   ha significato la Messa nel duomo di Milano in occasione del Natale e per continuare quanto si era proposto  l’Alpino Prisco  ossia ricordare  i compagni d’arme che ha lasciato nelle steppe della Russia, in  quella disgraziata campagna durante la seconda guerra mondiale. Da allora gli anni sono passati, anche Prisco ha raggiunto i suoi Alpini però ha lasciato un impegno all’Associazione, continuare  a ricordare. Così ogni anno l’ANA puntualmente  si ritrova in dicembre sia per continuare l’impegno iniziato da Prisco  unendo nella  memoria  i caduti di tutte le guerre  e sia per augurarci un  Natale  che ci aiuti a sperare in un futuro sempre più migliore. Forse mai come in quest’anno la speranza cozza contro una realtà che ci sta opprimendo e spaventando, sì spaventando,  come non succedeva da anni.  Dal dopoguerra, la seconda, si sono succeduti  periodi veramente brutti, dalla difficoltà del ricupero economico  ai famosi anni di piombo, dalle lotte  sindacali a quelle politiche; roba che tiene banco anche  nei nostri giorni, seppur in modo alquanto diverso  e delle quali è meglio non parlarne, almeno in queste righe. Ora questa realtà, questa BESTIA chiamata Covid-19 ci sta perseguitando, colpendo in tutto il mondo, costringendo l’umanità ad una corsa-difesa che non trova paragoni e questo vale  anche per quanti non vogliono arrendersi all’evidenza dei fatti chiamati morti. Non era scontato che quest’anno si potesse  “festeggiare” il Natale,  anche il Vescovo lo ha fatto notare in duomo durante l’omelia, ma gli Alpini seppur ridotti di numero per imposizioni sanitarie ci sono riusciti e si sono  ritrovati attorno ai propri vessilli schierati prima in Duomo e successivamente nella piazza antistante.

Postato da morang il (181 letture)
(Leggi Tutto... | 7688 bytes aggiuntivi | commenti? | Voto: 0)



Alluvione in Emilia (Gennaio 2021)
Protezione Civile

ALLUVIONE IN EMILIA

 

Giovedì  10 dicembre, mentre con altri volontari alpini, stavamo facendo ritorno al 3P dopo essere stati per un servizio a Varese dove, presso la Casa Circondariale, avevamo sostituito una tenda adibita al controllo tampone COVID riservato ai reclusi che era letteralmente crollata a causa della nevicata dei giorni precedenti, arrivava la richiesta di intervento a Nonantola, paese di 16.000 abitanti ad una decina di Km. da Modena dove l’esondazione del fiume Panaro e di alcuni torrenti suoi affluenti aveva provocato una devastante alluvione. Il tempo di rientrare a casa, preparare la borsa e subito ritorno a Cesano Maderno dove era fissato il punto di ritrovo per i volontari della Lombardia facenti parte del 2° raggruppamento che, inquadrati in colonna, verso le 19 partivano alla volta dell’Emilia dove si arrivava  verso le 22,30 nella zona di Formigine dove era stato predisposto il pernottamento. Dopo la cena, un briefing fissava la sveglia alle 6 del mattino successivo per la colazione e partenza per le zone alluvionate che raggiungevamo l’indomani nel piazzale antistante l’Istituto Comprensivo che anche dall’esterno recava i segni della devastante ondata che aveva raggiunto il metro e mezzo di altezza all’interno delle aule e che, ritiratasi l’acqua, lasciava a terra una patina di una ventina di cm. di fango che aveva impregnato tutto quello che era posato a terra, dai computer, alle cassettiere, agli armadi, alle attrezzature da cucina, oltre a banchi, cattedre, giochi fino alle trombe degli ascensori letteralmente sommerse e successivamente svuotate, per non contare tutte le prese elettriche che per 24 ore erano rimaste sommerse.

Postato da morang il (169 letture)
(Leggi Tutto... | 5379 bytes aggiuntivi | commenti? | Voto: 0)



Il viaggio di un simbolo (Gennaio 2021)
Sezione ANA Milano

IL VIAGGIO DI UN SIMBOLO


Nella sua storica sede di Milano, situata in Galleria Vittorio Emanuele, la locale Sezione del CAI aveva posizionato un bassorilievo e una lapide commemorativa che riportava i nomi di 71 Soci, molti dei quali militanti nelle Truppe Alpine, caduti in guerra. Negli ultimi tempi, a seguito dell’uscita dalla sua storica sede, per il Consiglio Direttivo del CAI, è nata la necessità di togliere questo cimelio dalla sua originaria sede e la volontà di ricollocarlo in un ambiente più consono e rappresentativo per ciò che l’opera rappresenta e la scelta è caduta sulla sua collocazione presso la sala intitolata a Carletto Negri, uno dei fondatori della scuola di alta montagna del CAI, presso il Rifugio Carlo Porta posto a 1.426 mt.  ai Piani dei Resinelli, da sempre considerato la sede in ambiente montano del sodalizio milanese. Nasceva a questo punto il problema di asportare l’opera senza rovinarla, portarla dal salone principale al piano terra, trasferirla e ricollocarla all’interno del Rifugio Porta tenendo presente che la stessa, seppur suddivisa in 4 pezzi, pesava circa una tonnellata. Ed è qui che entrano in scena gli alpini della Protezione Civile di Milano che sotto la direzione del Vicepresidente Carlo Tagliabue portano a termine l’impresa sino ad arrivare al fatidico giorno di sabato 26 settembre quando nel corso di una cerimonia, purtroppo in forma raccolta a causa delle limitazioni legate al Coronavirus, è stata inaugurata la (si spera definitiva) collocazione di questo documento marmoreo destinato a ricordare alcuni dei tanti non tornati dalle brutture della guerra.

Postato da morang il (119 letture)
(Leggi Tutto... | 4895 bytes aggiuntivi | commenti? | Voto: 0)



RIUNIONE DEI CAPIGRUPPO (Dicembre 2020)
Gruppo

RIUNIONE DEI CAPIGRUPPO

Pensavamo di avere raggiunto il punto più basso nelle nostre relazioni effettuando le ultime 3 riunioni dei Capigruppo presso il grande spazio del 3P a Cesano Maderno in modo di rispettare le norme di distanziamento, ma siamo ricaduti nel baratro e l’ultima riunione dello scorso 9 novembre è tornata a svolgersi in video conferenza ed il fatto che fossimo collegati in 45 non ha mitigato l’amarezza di non poter essere presenti fisicamente, che è poi quello che principalmente costituisce la nostra forza, lo stare insieme. Comunque l’ordine del giorno è stato rispettato e così, dopo il saluto alla Bandiera, il Presidente Boffi è passato ad illustrare i punti in programma iniziando dalla Legge Regionale approvata dall’intero Consiglio Regionale Lombardo che ha istituito, con cadenza il giorno 2 aprile di ogni anno, la Giornata della Riconoscenza Alpina quale riconoscimento per l’impegno che Veci e Bocia hanno fatto e continuano a fare per il bene della collettività, al di sopra di ogni ideologia partitica e per l’esempio che da sempre l’A.N.A. porta alle nuove generazioni con l’impegno nel volontariato, nel tramandare i valori che da sempre sono alla base dell’Associazione. Saranno anche messe a disposizione delle risorse al fine di incrementare e sostenere le nostre iniziative ad iniziare dai Campi Scuole e dagli incontri con gli studenti. Fortunatamente alla fine di ottobre è stato possibile celebrare una S. Messa in ricordo degli alpini andati avanti e, seppur forzatamente, non potendo contare su una grande partecipazione, l’importante è stato mantenere viva anche questa fiammella che si unisce alle tradizioni per noi importanti.


 

Postato da morang il (208 letture)
(Leggi Tutto... | 4686 bytes aggiuntivi | commenti? | Voto: 0)



Natale in Russia 1942 (Dicembre 2020)
Gruppo

 Natale in Russia 1942                                     

Mancavano tredici giorni al Santo Natale il fronte era calmo si pensava di festeggiarlo in buona armonia  avevamo il presepe fatto da un soldato di Guastalla con dei blocchi come il gesso che prendeva nel scavare i camminamenti, li scolpiva con un temperino la prima che aveva fatto la  Madonna  me la fa vedere a me, li dico che sei  bravo poi il S. Giuseppe  e il bambino li dico sei un artista fanne ancora che a Natale li faremo festa, difatti fa tutto, tante statuine i pastori ,i ramponari la stella, un angelo.  Li metto nel forno della casa che eravamo, l’angelo di fuori in alto  dal forno con la stella, il bambino al centro del forno, in fondo del forno la mangiatoia con il bue e l’asinello ,era un presepio meraviglioso, non pensavo più che un soldato della mia squadra era capace di fare quel lavoro, lo guardano tutti i soldati del plotone, che erano in quella casa. L’altro plotone era in un altra casa sono stati informati  e  venivano a vederlo. Ma a Natale avevamo già fatto 400 chilometri di ritirata mi veniva in mente da quel bel  presepio che abbiamo lasciato che non abbiamo potuto festeggiarlo. Ma ero tanto contento di essere salvato da quel fronte terribile quel presepio è rimasto in quella casa dei Russi che anno dovuto sfollare per entrare noi per ripararsi dal freddo, ma quando sono tornati chissà cosa hanno detto di quel presepe meraviglioso, hanno un ricordo degli Italiani che erano nella loro casa. L’ avranno fatto vedere a quelle case che stavano vicino, quel presepio l’avrà visto anche lo starosta del paese che magari l’avrà posto per farlo vedere a tutti quelli del paese e altri ancora che quel presepio era davvero bello, le bambine di quel paese mi chiedevano delle immagini erano tanto devote ai santi e alla madonna. Ci scrivevo a casa di mandarmi delle immagini per darle alle bambine  mi davano un pezzo di pane erano tutti contenti e anche noi con un pezzo di pane non si soffriva per il mangiare. Ma quando hanno visto quel bel presepio chissà quando lo pagavano per averlo. Quel soldato di Guastalla  era del 1921 un mio coscritto del suo nome non sono capace di andare a saperlo ma perché son passati 40 anni ma nella ritirata non mi ricordavo più; venne un suo paesano che faceva l’autista a trovarlo lo chiamava per nome e poi era della mia squadra so tutti i nomi dei altri ma il suo non sono capace  di ricordarlo mi pare  che incominciava con la V. In ritirata non l’ho visto, di caduti sono stati tanti e tanti prigionieri e feriti speriamo che è tornato anche lui sano e salvo da quel fronte tanto pericoloso.  Che ha un ricordo in Russia del presepe che tanti non li credeva ma io sono testimone del suo bel presepe che a fatto ai primi giorni di Dicembre 1942 in Russia.

                                                                                         

 Croci Luigi

Postato da morang il (81 letture)
(commenti? | Voto: 0)



GIORNATA DELLA RICORRENZA ALPINA (Dicembre 2020)
ANA

GIORNATA della RICORRENZA ALPINA


Come spiegato quindi nell’articolo sulla riunione dei Capigruppo, su proposta del Consiglio Regionale Lombardo, dal prossimo anno quindi, il giorno 2 aprile, verrà celebrata questa Giornata della Ricorrenza Alpina e se questo non può che farci piacere, come ha ricordato il Presidente Boffi anche nel corso della tavola rotonda tenutasi lo scorso 10 ottobre a Milano, è preciso dovere di ogni Socio e, aggiungo anche, di tutti quelli che ci vogliono bene a noi e alla nostra Patria, fare capire ad ogni livello, a tutti gli amministratori, da quelli locali, alle Province, Regioni sino ai massimi gradi istituzionali, che se è vero che gli alpini ci sono sempre quando servono dalla manifestazione in paese, alla costruzione di un ospedale COVID, alle emergenze in caso di calamità nazionale ed estera, è pur vero che gli alpini non sono immortali e che 15 anni di vuoto dovuto alla sciagurata legge che ha “momentaneamente sospeso” il Servizio di Leva ha creato una falla nel serbatoio umano che da 100 anni costituiva il naturale ricambio generazionale dell’Associazione con il risultato che andando avanti ci saranno sempre meno alpini disponibili a fare quello che oramai si dà per scontato e cioè che basta chiamare e si è pronti ad aiutare.  Noi continuiamo e continueremo a fare come sempre il nostro dovere, dovere di chi ci amministra e governa invece è fare in modo che noi lo si possa continuare a fare, aiutandoci nelle nostre iniziative, appoggiandoci nelle proposte e nel trasmettere ai giovani quello che i nostri Veci  ci hanno insegnato, perché  quando non saremo più in grado, per evidenti ragioni anagrafiche, di poter operare allora sarà troppo tardi perché ci ritroveremo con attrezzature, macchinari e risorse che nessuno saprà o vorrà usare vanificando un operazione sociale durata un secolo.

Franco

Postato da morang il (123 letture)
(commenti? | Voto: 0)



QUALCHE GIORNO FA... (Dicembre 2020)
Gruppo

QUALCHE GIORNO FA’…


Devo smentire qualche mia riga  (il termine ”articolo” è troppo impegnativo) sul numero precedente del nostro notiziario. Vengo  al punto. Mi ero illuso: volevo solo far presente che l’attività associativa pian piano si poteva riprendere. Era passata la prima ondata pagata a caro prezzo e la prospettiva di un’ allentamento  delle misure imposte ci aveva confortato: era quasi finita,  massì, con un po’ di attenzione era  fatta … si potrà ripartire. Lo credevamo un po’ tutti, alcuni forse troppo, dimenticando quanto ci era stato raccomandato: attenzione,  prudenza  ma forse ci sembravano  un po’ tutti degli esagerati … ma i cosiddetti esagerati, purtroppo, avevano ragione. Adesso eccoci alla seconda ondata di questa pandemia, di questa BESTIA come l’avevo definita e che bestia. l’Italia pressoché alle corde e  da subito, tre regioni no tre paesi,  zona ROSSA”, ospedali allo stremo, personale sanitario ormai al limite  ridiventato eroico dopo la dimenticanza estiva;  ora siamo  bloccati in casa costretti da leggi ancora più stringenti  rispetto agli inizi dell’anno e la prospettiva di una soluzione definitiva che si perde nella nebbia della speranza.  Uno spiraglio di vita associativa però c’è  stato:  la prima domenica di novembre, ligi alle disposizioni  vigenti, quattro soci  su due macchine si sono recati per un momento di raccoglimento nei vari cimiteri, sulle tombe dei nostri “andati avanti“ e   che non possono essere dimenticati: glielo dobbiamo.

Postato da morang il (83 letture)
(Leggi Tutto... | 7421 bytes aggiuntivi | commenti? | Voto: 0)



Notizie dalla SIA (Novembre 2020)
Squadra Intervento Alpino

NOTIZIE DALLA S.I.A.


Lunedì 21 settembre un gruppetto della SIA ha raggiunto il Rifugio Porta al Pian dei Resinelli per recuperare una attrezzatura utilizzata in occasione del ricollocamento del bassorilievo del CAI che sarebbe stato inaugurato qualche giorno dopo e terminata l’operazione di recupero ed essendo già in Grigna a quota 1.200 mt., seppur con un meteo abbastanza sfavorevole, abbiamo deciso di sfruttare la giornata per assolvere a un compito che ci stava particolarmente a cuore: salire alla targa Mazzucchi per rendere omaggio a chi, seppur inconsciamente, è stato motivo di creazione della Squadra. Breve riassunto per ricordare i fatti: il 23 aprile del 1982 Giorgio Mazzucchi alpino di Milano, allora ventiseienne, nel corso di una scalata in Grigna, perdeva la vita precipitando in un canalone ed il corpo veniva recuperato solo dopo alcuni mesi a causa della neve. Il padre Franco, indimenticato Vicepresidente sezionale, fu l’ideatore e fondatore della SIA (Squadra di Intervento Alpino) finalizzata nella ricerca e recupero dei dispersi in montagna alla quale hanno aderito nel corso di questi 35 anni anche molti soci del nostro Gruppo, e due anni dopo la scomparsa di Giorgio ha voluto realizzare un sentiero (il numero 8A che risale dal Caminetto Pagani sulla Direttissima) nonché posizionare sul luogo dell’incidente una targa commemorativa presso la quale da sempre qualcuno di noi si reca a deporre un mazzo di stelle alpine (naturalmente coltivate).


Postato da morang il (218 letture)
(Leggi Tutto... | 3733 bytes aggiuntivi | commenti? | Voto: 0)



Giornata del ringraziamento (Novembre 2020)
Protezione Civile

GIORNATA DEL RINGRAZIAMENTO

Mercoledì 23 settembre, su invito del Sindaco di Milano, i rappresentanti delle associazioni di volontariato facenti capo alla Protezione Civile, sono stati invitati ad una cerimonia di ringraziamento per l’opera prestata in occasione dell’emergenza COVID-19 che come si sa riguardava la distribuzione di farmaci, pasti, mascherine ecc. alla popolazione. Alla cerimonia, che si è tenuta sul piazzale del Duomo, sono intervenuti il Capo del Dipartimento della Protezione Civile Angelo Borrelli, il Prefetto di Milano Renato Saccone, l’Assessore alla P.C. della Regione Lombardia Pietro Fioroni e per il Comune di Milano l’Assessore Anna Scavuzzo, in rappresentanza del Sindaco Sala assente. Tutti gli intervenuti hanno avuto parole di elogio per l’opera prestata durante l’emergenza e sottolineato l’importanza della collaborazione e sinergia fra le varie componenti della P.C. e lo spirito di abnegazione dimostrato dai volontari, e terminata la parte istituzionale, tutti i partecipanti sono entrati nella Cattedrale per assistere alla S. Messa. Unica nota stonata, se permettete, riguarda il fatto che l’UNICA Associazione che si è attenuta alla richiesta di far presenziare UN rappresentante, tanto da richiedere nome, cognome e codice fiscale quale autocertificazione per le attuali norme di anti assembramento, è stata l’A.N.A. rappresentata dal solo sottoscritto, mentre tutte le altre erano numericamente ben rappresentate ed è un peccato visto quanto hanno fatto gli alpini anche solo con l’ospedale di Bergamo e il fatto che l’unico cappello alpino presente faceva da sfondo a molte foto, ma tant’è fare senza dire e senza far vedere…

Franco

Postato da morang il (79 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Addio ad un amico (Novembre 2020)
Squadra Intervento Alpino

ADDIO A UN AMICO


All’età di 81 anni l’alpino Giancarlo Cantoni è “andato avanti” in quel di Groppello D’Adda dove si era trasferito proveniente da Melzo del quale Gruppo Alpino faceva parte. Giancarlo è stato nel novero dei fondatori della S.I.A. dai tempi dell’indimenticato Franco Mazzucchi ed è sempre stato attivo partecipante sia nelle esercitazioni che negli interventi di Protezione Civile quando, per dirla con parole non mie, non esistevano divise e mezzi, ma solo una tuta e tanta buona volontà, questo sino a quando la salute glielo ha consentito. Sicuramente anche quei tanti giovani che negli anni scorsi hanno fatto parte della Squadra o semplicemente venivano con noi in montagna lo ricordano per il suo carattere sempre gioviale e a proposito a loro dico: perché non valutate l’idea di ritornare in montagna con gli alpini?  Grazie Giancarlo per la tua amicizia e l’esempio che ci hai dato.

Postato da morang il (86 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Dopo le ferie ... (Novembre 2020)
Gruppo

 Dopo le ferie …


… almeno per chi le ha fatte! Dunque:  la vita sociale del Gruppo dovrebbe ripartire. A sto punto io la immagino come un carro con le ruote quadrate: a furia di spingere, tirare o trascinare, queste ruote dovranno prima o poi smussarsi, levigarsi e girare come Dio comanda. E’ la speranza di tutti noi. In effetti fa strano pensare all’attività  esercitata  fino a sei mesi  or sono  e adesso avere tutto vietato da decreti, seppur salutari  e necessari a causa di questa ” BESTIA” che non faceva sconti prima e che ancor oggi colpisce centinaia, migliaia di vite; ma  fino a quando?  Ora ci stiamo provando  dopo il rientro  nella vita di tutti i giorni. Durante  tutti quei mesi di incognite e di paura … diciamolo pure “PAURA” … siamo rimasti  in contatto aiutandoci anche con qualche video-conferenza ma  ora, piano  piano, ci stiamo ritrovando, quasi un risveglio da un letargo imposto ma   sempre ligi nell’osservanza delle leggi. Come tutti sanno tutte le attività sociali   sono rimaste in parcheggio e mi riferisco a rievocazioni o festeggiamenti di   Gruppo o di Sezione  e a    manifestazioni storiche / sportive indette o patrocinate dall’Associazione: tutto è stato rimandato in attesa di  tempi migliori. Detto ciò, purtroppo, al di là della volontà di rimettersi in marcia bisogna far presente come  alcuni soci, a volte dimentichino l’esistenza della nostra sede. Farebbe   piacere la loro presenza,  meglio se frequenza, oltre ai soliti tre o quattro  perché, come già ricordato, la vita del gruppo sta riprendendo a piccoli passi  anche se non in modo plateale  vivendo i  momenti  dello stare insieme  che non sono sempre piacevoli  ma  purtroppo anche tristi, come la morte di Ignazio Torno Capogruppo di Arconate, uno di casa nella nostra sede:  una persona che sarà ricordata specialmente  per la volontà e  tenacia con la quale ha combattuto  ANNI per realizzare, ricostruire la nuova Sede del suo Gruppo dopo il doloso e vigliacco incendio di quella precedente,  fino a raggiungere  la vigilia della completa  realizzazione del suo sogno, a  pochi passi dall’inaugurazione;  la voleva a tutti  i costi  ma la vita lo ha tradito impedendogli di coronare il frutto di tanta battaglia perché tale è stata.

Postato da morang il (195 letture)
(Leggi Tutto... | 8125 bytes aggiuntivi | commenti? | Voto: 0)



La casa degli alpini (Ottobre 2020)
Gruppo

LA CASA DEGLI ALPINI


Questa estate, dopo tanti anni, ho trascorso le mie vacanze sulle Dolomiti avendo come base la località di Malga Ciapela ai piedi della Marmolada sul versante veneto, ed ho avuto l’occasione di conoscere alcune persone con le quali ho passato del tempo dopo cena. Con una di queste, un emiliano, una sera ho intavolato una discussione sull’importanza per un alpino riguardo la propria sede, sia di Gruppo che di Sezione, considerazioni nate dal fatto di frequentare da una quarantina d’anni,  con una certa assiduità, un posto che agli occhi dei più, è un semplice “luogo” ma che per l’alpino rappresenta qualcosa di speciale. Questo nuovo amico insisteva nel dire che una sede associativa, di qualunque associazione, altro non è che un locale piuttosto che una struttura che può essere tranquillamente sostituita da un’altra al bisogno senza che venga sminuita la sua importanza, mentre il sottoscritto era di tutt’altro parere e si lanciava nella “sua” spiegazione. La sede di un Gruppo alpino, dicevo al mio interlocutore,  non è solo una sede, ma fa parte della vita dell’alpino stesso, non per nulla la maggior parte di noi quando ci si da appuntamento lo fa dicendo: “ci vediamo in baita”, si baita, non sede, baita come quella che nella domanda del capolavoro “Il sergente nella neve” di Mario Rigoni Stern, il fido Giuanin rivolgeva continuamente: “Sergentmagiu, ghe rivarem a baita?” dove baita, appunto, stava per Nazione, paese, casa e affetti che racchiudevano il mondo sicuro dove poter fare  ritorno e stare finalmente in pace.

Postato da morang il (352 letture)
(Leggi Tutto... | 6964 bytes aggiuntivi | commenti? | Voto: 0)



546 articoli totali
(19 pagine - 30 articoli per pagina)

Vai alla pagina

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19
Calendario Eventi
Ottobre 2021
  1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
Nessun evento oggi.

Notiziario
Documento senza titolo
Ultimo numero del notiziario Ottobre 2021

www.ana.it
Documento senza titolo
Visita il portale ufficiale dell'Associazione Nazionale Alpini

ana.milano.it
Documento senza titolo
Dalla sezione

Veci e Bocia
Documento senza titolo
Leggi il notiziario della Sezione

WikiPedia
Cerca in WikiPedia

made for PHP-Nuke
by Claus Bamberg


Sondaggio
Cosa pensi di questo sito?

Ummmm, niente male
Bello
Orribile
Il migliore!
Discreto



Risultati
Sondaggi

Voti: 44
Commenti: 76


 
Web site powered by PHP-Nuke Versione WL-Nuke a cura di Weblord.it

All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2007 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
Engine PHP-Nuke - Powered by WL-Nuke