Ana Sezione di Milano - Content
xxx
Associazione Nazionale Alpini - Gruppo di San Vittore Olona- Via Alfieri - 20028 San Vittore Olona (MI) tel: 3333450040 - sanvittoreolona.milano@ana.it
Visita il sito
 Il Gruppo :
 Home
 Dove Siamo
 Storia del Gruppo

 Attività :
 Protezione Civile
 Squadra Intervento Alpino
 Scuole

 Mediateca :
 Immagini
 Biblioteca
 Archivio Articoli
 Archivio Notiziari

 Statistiche
 Web Links
 

 Downloads

Aggiungi ai preferiti

Contatta il webmaster
17:35:10
Data : 23-07-2024
GMT : +0200

 Cerca :
 Cerca nel sito :



 Cerca fuori :






pagine viste dal September 2007

 Linkaci :


Gruppo Alpini San Vittore Olona


User Info
Benvenuto, Anonymous
Nickname
Password
Codice di Sicurezza: Codice di Sicurezza
Digita il codice di sicurezza

(Registrare)
Iscrizione:
più tardi: MistyPayne
News di oggi: 0
News di ieri: 0
Complessivo: 83

Persone Online:
Visitatori: 118
Iscritti: 0
Totale: 118

Successivo 0 Eventi.

Non ci sono eventi disponibili
tutti gli eventitutti gli eventi festeradunicoriconsiglioincontri
esibizionidisnarelloprotezione civilemanifestazioni 

Ciao Vecio (Luglio 2024)
Gruppo

CIAO VECIO


Sabato 22 giugno eravamo veramente in tanti ad accompagnare nel suo ultimo viaggio il decano del nostro Gruppo Ampelio Frigo spentosi dopo una breve ma dolorosa malattia. Classe 1933 era nato in quel di Mossano, aveva militato nel 6° Rgt. Alpini ed appena trasferitosi a Canegrate si era iscritto al nostro Gruppo che allora si chiamava VALLE OLONA in compagnia di tanti suoi compaesani che come lui avevano lasciato il Veneto per approdare in una regione che offriva più opportunità lavorative e lì si era sposato con la sua Giovanna e formato una famiglia con Gabriella, e gli adorati nipoti Davide e Andrea. Come ho avuto modo di ricordare al termine della funzione religiosa, il ricordo che ho di Ampelio è quello di una persona sempre pacata, tranquilla, mai sopra le righe e che cercava sempre di sdrammatizzare anche le situazioni a volte complicate che si venivano a creare nel Gruppo e che quasi mezzo secolo fa per noi Bocia ha significato l’anello di congiunzione fra i Veci del Gruppo, reduci della guerra e i nuovi arrivati neo congedati. E’ sempre stato presente alle nostre iniziative e manifestazioni, dalla Cappelletta alla costruzione della Sede e ai momenti conviviali come l’ultima volta in sede a marzo quando abbiamo ricordato i nostri Soci “andati avanti” e anche quando ultimamente non poteva più guidare si faceva accompagnare dai nipoti per godere dei momenti insieme. Ci mancherai Ampelio, mancherai a noi e a chi non ha avuto la fortuna di conoscerti e ci piace pensarti nel Paradiso di Cantore con i vari Brunello, Bertacco, Della Foglia, Deu e tutti quelli che hanno fondato e portato avanti il nostro Gruppo e con loro, come cantiamo nella nostra più bella canzone, che il Signore ti conceda di andare per le Sue montagne.

Franco

Postato da morang il (86 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Anche questa è Protezione Civile (Luglio 2024)
Protezione Civile

 ANCHE QUESTA E’ PROTEZIONE CIVILE

Nei mesi di aprile, maggio e giugno alcuni volontari del Nucleo di Protezione Civile della nostra Sezione facenti parte del gruppo TLC (Telecomunicazione Radio) coordinati dal socio Salvatore Li Fonti hanno partecipato ad una serie di incontri presso il polo industriale della Azienda SYENSQO SOLVAY S.p.A. una azienda con 13.000 addetti nel mondo dei quali 1.150 sono presenti in Italia: il 26% è dedicato alla ricerca e nel sito di Bollate c’è uno dei centri strategici a livello globale dove si studiano materiali per la progettazione dell’industria dell’auto, delle batterie, dell’elettronica, dell’aerospazii e dell’oil & gas. E cosa c’entrano gli alpini con la SOLVAY vi chiederete?    Ebbene, l’azienda ci ha chiesto di organizzare degli incontri dedicati al personale preposto alla sicurezza e alle emergenze, preparazione questa che in una azienda di questo tipo riveste una importanza fondamentale ai fini della prevenzione e tutela non solo dei dipendenti, ma anche di tutte le abitazioni, insediamenti ed intera cittadinanza che gravita nell’area produttiva, per spiegare a questi dipendenti il corretto utilizzo delle apparecchiature radio che in caso di emergenza assumono un ruolo determinante nella comunicazione fra i vari addetti e le squadre di intervento. Sono state effettuate sei sessioni di incontro e il risultato è stato veramente soddisfacente per tutti, sia per chi ha saputo spiegare con semplicità il corretto utilizzo a un pubblico veramente interessato che ha dimostrato di apprezzare l’iniziativa tanto da avanzare la possibilità di partecipare insieme ai dipendenti alla esercitazione interna che si terrà a  settembre con lo scopo di testare le apparecchiature e la preparazione degli addetti. Penso che anche queste iniziative volte a prevenire eventuali emergenze e a preparare le persone ad affrontare situazioni di rischio facciano parte integrante della Protezione Civile ed il fatto che l’azienda per ringraziarci abbia deciso di acquistare e regalare al Gruppo TLC un certo numero di radio che potremo utilizzare nelle nostre emergenze sia un valore aggiunto e un gradito riconoscimento per quanto si fa durante tutto l’anno e non solo in occasione di calamità.

Franco Maggioni

Postato da morang il (4 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Le fughe (Luglio 2024)
ANA
   LE FUGHE

 

E chi non le ha fatte durante il servizio militare? Per i non addetti, per fuga si intende un allontanamento più o meno volontario dalla propria caserma per la morosa per la mamma per .. cambiare aria. Ed era una avventura in tutti i sensi. Veniva programmata nei dettagli o a volte era spontanea, improvvisata e secondo me erano le più emozionanti e belle da ricordare. Così mi sono ritrovato numerose volte a percorrere il tragitto Aosta, Nerviano, Aosta, più di trecento chilometri, dal pomeriggio alla sera dello stesso giorno. Avevo già la morosa e questo era indubbiamente uno sprone a tentare l’avventura ma era bello anche solo uscire dagli schemi, sfidare la sorte. Si perché la cosa non era autorizzata, era fatta rigidamente fuori dalle regole, altrimenti diventava una licenza normale. La fuga per essere tale doveva essere fatta rigorosamente in autostop. Ad eccezione infatti dei figli di papà che potevano permettersi un automezzo personale a disposizione, l’unica possibilità di rientrare in caserma nei tempi prestabiliti era di affidarsi alla disponibilità di automobilisti che percorrevano, magari a tratti, il tragitto prestabilito. Devo dire che la divisa militare (allora non era possibile uscire in borghese salvo correre ulteriori rischi) aiutava molto, ma soprattutto il cappello alpino erano dei segnali inequivocabili di richiesta di passaggio per cui non serviva neppure il classico dito alzato. Gli automobilisti si fermavano spontaneamente e a volte si disputavano il passeggero pur di scambiare quattro chiacchiere o semplicemente per fare un favore a un Alpino. E’ stata così anche quella volta che ho visto una berlina blu rallentare con la chiara intenzione, secondo me, di offrirmi un passaggio. Mi preparavo già ad un comodo viaggio verso Milano quando all’ultimo momento mi sono accorto che era l’automezzo di servizio della Scuola Militare Alpina dove prestavo servizio militare. Più precisamente era quello, con autista, utilizzato dal Generale Comandante la Scuola che tutti temevano per la risolutezza dei comportamenti e la severità delle decisioni. E quando si dice che la sfortuna non si presenta mai sola, a bordo c’era il famoso Generale che era tutt’altro che intenzionato a darmi un passaggio. Fuga era e fuga è stata. Il Generale sceso dall’automezzo in alta uniforme con medaglie e mostrine di tutti i colori e con tanto di sciabola, mi ha ordinato di fermarmi e di arrendermi. Io avevo già scavalcato il guard rail e me l’ero data a gambe non avendo nessuna intenzione di obbedire all’ordine. Non capita tutti i giorni di essere inseguito da un generale in alta uniforme e con la sciabola, per fortuna non ancora sguainata! Ma proprio l’”armamentario”mi ha aiutato: correre con una sciabola e con tutto l’ambaradan addosso ha sconsigliato l’alto ufficiale a proseguire nei suoi intenti: e poi dicono che le armi non servono! Considerando statisticamente poco probabile un incontro con un altro personaggio cosi ruvido ho proseguito il mio viaggio, pardon, la mia fuga. Alla sera era previsto il rientro e quindi dopo baci e abbracci eccomi al casello autostradale, in ritardo sulla mia “tabella di marcia” ma fiducioso in un passaggio veloce che me lo avrebbe fatto recuperare. Ma quando le giornate nascono storte! Non solo passavano in pochi ma quei pochi erano diretti da tutt’altra parte. Solo la carovana di un circo in trasferimento si è prestata alla bisogna. Non solo, ma l’unico posto disponibile era un sedile accanto alla gabbia dei leoni! Potevo sempre dire di aver passato una giornata “da leoni”ma purtroppo l’andatura lenta mi ha consentito di arrivare in caserma solo all’alba. La stanchezza mi ha impedito di saltare la recinzione come è buona norma in una fuga seria, così ho preferito consegnarmi all’Ufficiale di Picchetto con le mani alzate. “Ah, sei tu? Il Generale ha ordinato un rastrellamento, pardon, contrappelli multipli (verifica delle presenze) per scovare chi era quel sergente in fuga sull’autostrada”. Quando si dice che le giornate sfortunate sono sempre più di una! Tralascio tutto quello che è avvenuto dopo, perché facilmente intuibile. Per fortuna la fuga, di notizie in questo caso, aveva raggiunto il Cappellano militare con il quale stavo organizzando un coro alpino per l’accompagnamento delle funzioni religiose per cui la punizione è stata ridimensionata: come si dice, un obiettivo così importante …... val bene una Messa!

 

Enrico Girotti

 

 

 

 

 

 

Postato da morang il (2 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Vicenza: un Adunata da record (Giugno 2024)
ANA

VICENZA: UN’ADUNATA DA RECORD

Quella di Vicenza 2024 sarà ricordata come un’Adunata Nazionale da record con numeri che mai si erano visti partecipare a quella che è la più importante manifestazione associativa a titolo gratuito e a spese dei partecipanti e che, grazie alle condizioni meteorologiche favorevoli che ci hanno fatto dimenticare i tre giorni di diluvio di Udine, hanno spronato anche i più restii ad essere presenti. I crudi numeri possono comunque dare l’idea: nelle tre giornate di festa ben 500.000 persone sono state presenti sul territorio, ben 100.000 hanno partecipato attivamente alla sfilata durata ben 13 ore e terminata dopo le 22, i visitatori alla Cittadella degli Alpini sono stati 278.000, mentre le esibizioni di cori e fanfare sono state 130, nei parcheggi dedicati ai pullman sono stati accolti 364 mezzi e migliaia di alpini hanno trovato alloggio nelle 1.123 piazzole allestite dall’organizzazione, mentre 1.700 donne e uomini volontari sono stati coinvolti nell’assistenza ed organizzazione. Anche per la nostra Sezione i numeri sono stati imponenti: fra Soci, Amici, Cori, Fanfare, Consiglieri, Sindaci che hanno voluto dimostrarci la loro vicinanza sfilando con noi, volontari della P.C. e del SOS, ben 700 persone hanno rappresentato Milano in questa kermesse che ha prodotto oltre 100 milioni di euro come indotto sul territorio, impatto superiore a ogni finale di Champions League con un beneficio a tutte le attività commerciali e ricettive dell’intera provincia. Ma a monte di tutti questi, seppur impressionanti numeri, come sempre l’Adunata è stata l’occasione per incontrare nuovi e vecchi amici che magari non si vedevano da anni e che provocavano una intensa emozione nel vedere gli occhi luccicanti nel ritrovarsi con i capelli più radi e certamente imbiancati, ma con lo stesso spirito cameratesco che ha accompagnato l’esperienza della naia, quella naia che a dispetto di chi l’ha considerata una perdita di tempo “rubato” dallo Stato, ha costituito una scuola di vita per tutti noi insegnandoci il senso dell’obbedienza, il rispetto delle regole e il fatto che prima dei diritti ci sono i DOVERI, oltre naturalmente a costruire amicizie e rapporti che sfidano i decenni. La cronaca di queste indimenticabili giornate ognuno di noi la può trovare sugli organi di stampa, comprese le polemiche pretestuose e strumentalizzate, naturalmente espresse in ANTICIPO, riguardo l’invasione della città da parte dei barbari, che come sempre hanno lavorato tutta la notte di domenica per lasciare il lunedì mattina una città molto più pulita ed ordinata di come era stata trovata a dispetto di altre manifestazioni tollerate che lasciano strascichi di devastazione e incidenti, ma anche questo ci sta, non è di questa marmaglia che ci dobbiamo interessare, quanto delle migliaia di vicentini che per ore ci hanno visto sfilare ringraziandoci per quanto abbiamo fatto e continueremo a fare per la nostra bella Italia con il nostro esempio ed impegno. In ultimo vorrei ringraziare l’amico Oddone per l’ospitalità dimostrata nell’accoglierci in casa sua e gli amici del Gruppo di Ceriano Laghetto per le serate e relative cene passate in compagnia e che dire ancora se non arrivederci a Biella 2025.

Franco

Postato da morang il (130 letture)
(commenti? | Voto: 0)



26 aprile: giorno della Liberazione (Giugno 2024)
Gruppo

26 aprile: giorno della liberazione

No, non ho sbagliato data: intendevo proprio il 26 quando finalmente sono finite le polemiche, i cortei, le manifestazioni di una ricorrenza che dovrebbe unire TUTTI gli italiani nel ricordo di una data che ha segnato una svolta epocale nella storia della nostra Nazione così come succede in tutti i paesi civili e democratici e che dovrebbe provocare in queste occasioni un sentimento di fratellanza ed unità, indipendentemente dal credo politico, riconoscendosi sotto l’unico simbolo dell’unità di un Popolo: la Bandiera Nazionale. Non voglio entrare nel merito di quanto successo nelle piazze di alcune importanti città italiane, ma onestamente pensavo che nella nostra piccola realtà di paese fossimo al riparo da ogni strumentalizzazione, tanto da farmi dire all’inizio delle cerimonie indette, a chi manifestava preoccupazioni, che da noi non era mai successo nulla di simile, ma mi sono dovuto ricredere. Ma andiamo con ordine, alle ore 9,30 come da programma in via Libertà una piccola delegazione composta dal Sindaco, dal Comandante della Polizia Locale e dal Maresciallo dei Carabinieri con tre nostri soci ha reso omaggio alla targa ricordo di Gaspare Calini  ucciso proprio alla vigilia della liberazione e successivamente abbiamo raggiunto la piazza del Comune per l’inizio ufficiale della manifestazione che quest’anno è stata particolarmente seguita da un buon numero di persone e soprattutto valorizzata dalla presenza degli studenti delle scuole accompagnati dalle loro insegnanti. Dopo l’Alzabandiera e la deposizione di una corona d’alloro al Monumento ai Caduti ha avuto inizio il corteo che ha sfilato per le vie cittadine raggiungendo ed onorando le targhe a ricordo dell’uccisione di Natale Pessina in Corso Sempione e dei partigiani Bruzzi e Bozzi ricordati dalla Vicesindaca di Corsico, concittadina di Bozzi, quindi il corteo ha raggiunto il Cimitero sostando sul percorso al cippo che ricorda Silvio Giorgetti anch’egli ucciso, come gli altri Caduti, proprio il 25 aprile del 1945 ed è proprio qui, al Camposanto davanti alle tombe dei Sanvittoresi Caduti che, dopo la benedizione del sacerdote e la lettura della Preghiera dei Combattenti e Reduci letta dal sottoscritto, ha preso la parola la rappresentante  di una associazione che ha iniziato un discorso sfacciatamente politico o per meglio dire partitico che nulla aveva a che fare con la ricorrenza e che a un certo punto mi ha spinto a togliermi il Cappello e ad abbandonare la postazione sopraelevata delle autorità e raggiungere i miei alpini dove l’aria era certamente più respirabile, gesto questo notato da tutti e che ha addirittura spinto la Sindaca Daniela Rossi ad interrompere quell’intervento riportando la cerimonia nel giusto contesto. Se tutti noi alpini presenti non abbiamo tolto il nostro Cappello e ritirato il nostro Gagliardetto (come tra l’altro era stato comunque preventivamente comunicato alle autorità) è stato solo per rispetto verso le tombe di quei ragazzi sanvittoresi morti e dei giovani studenti presenti che non meritavano certamente di vedere stravolta una manifestazione alla quale avevano deciso di partecipare malgrado la giornata festiva, ritengo comunque che non sia corretto ne’ giusto approfittare di una manifestazione organizzata e PAGATA da un Comune, quindi da tutti i cittadini, per fare propaganda elettorale o di partito, se qualcuno vuole sentire un comizio, vi partecipa sapendo cosa va a sentire, altrimenti si rischia, come noi, di venire associati con i nostri simboli quali Cappello e Gagliardetto a chi propugna arbitrariamente le proprie idee e gli Alpini a questo gioco non si sono mai prestati ne’ lo faranno mai. Auguriamoci che quanto successo venga ricordato come primo ed unico caso e ci serva da lezione per il futuro e ad essere meno fiduciosi nella “buonafede” altrui.

Franco Maggioni

 

Postato da morang il (14 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Uscita SIA (Giugno 2024)
Squadra Intervento Alpino

 

USCITA S.I.A.

Domenica 21 aprile alcuni componenti della S.I.A. hanno effettuato la prevista uscita addestrativa nella località di Baveno e precisamente sulla Ferrata dei PICASASS inaugurata nel 2016 dalla Sezione CAI di Baveno e il cui nome è stato scelto in onore e ricordo di tutte quelle persone, i “picasass” (scalpellini) appunto che fin dall’800 hanno lavorato all’estrazione e alla lavorazione del famoso granito di quelle cave utilizzato per la realizzazione dei più importanti monumenti, primo fra tutti il Duomo di Milano. Arrivati all’attacco dopo meno di un’ora dalla partenza dal posteggio delle auto, è iniziata la “vestizione” utilizzando i dispositivi obbligatori di sicurezza, casco, imbrago, set da ferrata, il tutto naturalmente omologato per ottemperare alle disposizioni stabilite dal Soccorso Alpino e che dovrebbero essere da tutti osservate, infatti abbiamo dato una controllata a due ragazzi in procinto di salire, uno dei quali utilizzava una imbragatura dell’anteguerra chiaramente non idonea all’uso che ne stava facendo e priva di dissipatore in caso di caduta e consigliandogli di provvedere al più presto alla sostituzione anche perché in caso di intervento del Soccorso, se si riscontrano attrezzature non certificate, si deve pagare di tasca propria le spese relative, oltre al rischio di mettere in pericolo la propria vita per poche decine di euro. Ma finalmente si parte e per un’ora e mezza ci godiamo l’arrampicata, sempre in sicurezza, sulla parete attrezzata e concedendoci spesso la splendida vista del Lago Maggiore, del Golfo di Verbania e delle Isole Borromee sotto di noi, nonché delle cime montane ancora ricoperte di neve che fanno d corollario alle valli e ai laghi e godendo di una giornata ideale per questo tipo di attività con una temperatura gradevole. Come ho detto il percorso è veramente ben studiato ed attrezzato, con molti cambi “volanti”  ma senza eccessive difficoltà se si tolgono due passaggi alquanto tecnici, quali una cengia strapiombante con un terrazzino che “butta fuori” completamente esposto nel vuoto e il ponte tibetano di quelli lunghi monofilo per i piedi da fare quindi in laterale posto appena prima dell’arrivo sulla vetta del Monte Camoscio che segna il termine della ferrata vera e propria e si congiunge con il sentiero normale che sale da valle. Naturalmente non poteva mancare la foto di gruppo per ricordare la bella giornata con sullo sfondo addirittura lo skilab di Milano con le sue torri e grattacieli visibili chiaramente e, dopo esserci tolta l’attrezzatura dell’arrampicata ci siamo concessi il “rancio” e come sempre anche un semplice panino in quell’ambiente e in compagnia diventa un pasto completo dividendosi quanto portato nello zaino. Dopo aver pranzato decidiamo di non scendere subito dal sentiero più breve ma di fare un giro più lungo passando dal Monte Crocino e dall’Alpe Vedabia  non prima di esserci fermati al vicino rifugio “Papà Amilcare” di proprietà degli alpini del Gruppo di Baveno dove abbiamo fatto la conoscenza del Capogruppo intento alla sistemazione in vista di una prossima festa in quota e constatando purtroppo che la riduzione del numero e la scarsa partecipazione dei soci sono un problema associativo comune. Ripresa la marcia e completato il giro che ci eravamo prefissi, in meno di un paio d’ore siamo ritornati al posteggio dove, dopo i saluti e l’arrivederci alla prossima uscita siamo rientrati a casa soddisfatti per una bella e gratificante giornata che ha contribuito a rafforzare l’amicizia che ci lega e che fa da collante ad ogni nostra iniziativa.                                                                       Franco

Postato da morang il (15 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Ciao Mariolina (Giugno 2024)
ANA

CIAO MARIOLINA

A soli 46 anni e dopo una battaglia contro una brutta malattia ci ha lasciato Mariolina Cattaneo, da 20 anni dipendente dell’Associazione Nazionale Alpini e nel comitato di redazione del giornale nazionale L’ALPINO nonché colonna portante del Centro Studi ANA, ma soprattutto una ragazza innamorata degli alpini, della loro storia e delle loro storie, storie che tutti noi abbiamo avuto il piacere di leggere sulle pagine del nostro mensile. Ho avuto la fortuna di conoscerla sia quando mensilmente frequentavo la redazione in via Marsala dove lavorava insieme ai colleghi Valeria e Matteo, dove scambiavo il nostro notiziario con le copie appena sfornate de L’ALPINO che recapitavo in anteprima in sede, sia durante gli appuntamenti associativi in montagna a cominciare dai Pellegrinaggi in Adamello ai quali non mancava mai, si perché l’alpinità la viveva sul campo, con gli scarponi ai piedi e, come diceva sempre, facendosi raccontare dalla viva voce degli ultimi Veci le loro vicende che poi fedelmente riportava sulla carta diventando una enciclopedia vivente delle vicende alpine. Ciao Mariolina e grazie a nome di tutti i nostri Soci per quanto hai saputo donarci e personalmente per avermi dato la possibilità di esserti amico.

Franco

 

Postato da morang il (17 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Le nostre mini-adunate (Giugno 2024)
Gruppo

Le nostre miniadunate

Qualche anno fa, in ufficio ricevo una telefonata: “Allievo Comandante di Squadra Enrico Girotti? Terza compagnia, terzo plotone, ottava squadra?” “Comandi!” rispondo e quasi scatto sull’attenti! I colleghi hanno pensato “E’ il capo che chiama! Ne avrà combinata una delle sue”. “Ciao, sono Guido, abbiamo frequentato la Scuola Militare Alpina (SMALP) vent'anni fa. Ho trovato una tua cartolina di allora e mi sono ripromesso di cercarti. Finalmente ci sono riuscito” il tutto con quella cantilena romagnola (sorbole!) che non lasciava dubbi: non era uno scherzo era Guido, un caro amico della mia stessa Squadra alla SMALP. E in un battibaleno mi sono passati davanti agli occhi le guardie alla caserma Cesare Battisti, le esercitazioni di roccia al Castello, i tiri col garand al Buthier, gli sbalzi a Pollein, il campo invernale a La Thuile. Tralascio l’emozione di quel momento, ma anche la sola chiamata  la dice lunga sui  sentimenti di vera amicizia che si instaurano fra Alpini e in particolare fra chi ha frequentato la SMALP. Non è la solita scontata e un po’ mielosa affermazione: con tutto il rispetto per gli altri corpi militari, fra gli Alpini c’è qualcosa di più, qualcosa di speciale che fa dell’amicizia un sentimento molto solido che perdura nel tempo e che anziché affievolirsi cresce ogni volta che ci si sente o meglio ancora ci si vede. Abbiamo deciso di incontrarci. Era passato parecchio tempo e quindi per riconoscerci abbiamo pensato di presentarci all’appuntamento con il cappello alpino: è l’elemento che ci contraddistingue, il lasciapassare che ti apre tutte le porte che crea simpatia e disponibilità da parte di tutti. In quell’incontro abbiamo deciso di cercare gli altri commilitoni. E il risultato è che da tanti anni un nutrito gruppo di Alpini ex ACS e successivamente Sergenti si  ritrova quasi annualmente con le rispettive famiglie per una miniadunata che per noi conta quasi più dell’adunata nazionale. Provengono da diverse località del Piemonte, del Trentino, dell’Emilia Romagna e della Toscana e qualcuno dalla Svizzera tanto per rendere internazionale l’adunata. Ogni anno uno di noi a turno si incarica di organizzare il “miniraduno”nella località di  residenza: pernottamenti, ristoranti ma soprattutto visite fuori dagli itinerari turistici tradizionali andando a cercare particolarità e facendoci accompagnare da guide che sanno raccontarci qualcosa di inusuale e poco conosciuto. Così abbiamo scoperto una Torino nascosta, una Madonna di Campiglio con paesaggi particolari, una Versilia fra mare e cave di Colonnata, una Ravenna segreta, solo per citarne alcune. Vi lascio solo immaginare le degustazioni locali e i pranzi in luoghi sconosciuti a Tripadvisor ma di grande soddisfazione culinaria e gradimento del palato nonché di apprezzamento delle libagioni locali. Quando è toccato a me ho organizzato l’incontro nelle vicinanze del lago di Como. Era d’obbligo iniziare l’adunata in uno dei rifugi raggiungibili solo a piedi del triangolo lariano; e qui mi sono preso gli improperi di alcune mogli: ma cosa ci posso fare, siete voi che avete sposato degli Alpini, potevate scegliere qualcuno della buffa! L’incontro è proseguito con la tradizionale Messa in ricordo di chi purtroppo è andato avanti. E qui la particolarità: il celebrante è un nostro compagno di Corso che terminata la ferma militare ha pensato di rispondere a un’altra “chiamata” divenendo per noi tutti e per i suoi parrocchiani Don Sergente! Alla nostra obiezione: ma che cosa ti è venuto in mente? La risposta è stata “dopo aver convinto i riottosi muli della Testafochi (caserma di Aosta del IV Alpini) volevo vedere se ero in grado di guidare dei Cristiani.” Quando ha fatto l’ingresso come Parroco è stato scortato da un generale, suo ex comandante, e da noi tutti suoi compagni di Corso che hanno imposto alla banda del paese di suonare il trentatre’! Attualmente è Parroco in un paese del comasco ovviamente di montagna ma appena può lascia le sue pecore in ovile e ci raggiunge nei nostri raduni. Raduni nei quali il ritornello è sempre lo stesso: ti ricordi quella volta che…. con episodi e aneddoti che rimandano all’esperienza vissuta assieme, a momenti nei quali si è creata e nel tempo consolidata una vera amicizia. E ci chiediamo, senza darci una risposta, cosa abbia contribuito a renderla così forte, tanto che un nostro compagno, andato avanti durante il periodo di covid, ha lasciato nel testamento la richiesta di organizzare una miniadunata con lui presente ( le sue ceneri) nella quale dovevano comunque rimanere immutate la convivialità e l’allegria. E le sue volontà sono state puntualmente rispettate.

 

Enrico Girotti

 

 

Postato da morang il (15 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Un colpo ... di fortuna (Giugno 2024)
Gruppo

                                                 Un colpo…di fortuna

 

Esercitazioni di tiro notturno. Si raggiunge il poligono quando è ormai buio pesto. Sistemate le sentinelle in punti strategici per bloccare eventuali intrusi o, considerando l’ora, coppiette in camp...agna, iniziano le operazioni. Primi colpi con il vecchio garand, con gli “zappatori“ che escono dai ripari per indicare i risultati dei tiri. Si passa al FAL (Fucile Automatico Leggero) con colpi singoli e successivamente sventagliate di colpi a ripetizione. Terminata l’esercitazione, ispezione delle armi aiutandosi con pile considerando il buio e l’ora ormai tarda. Si rientra in caserma rigidamente a piedi con una bella marcia tanto per gradire il freddo notturno. Le armi vengono riconsegnate all’armeria con l’armiere che effettua un ulteriore controllo di ciascuna arma. E’ notte fonda e stanchi morti ci sdraiamo nelle brande quando…….un colpo secco ci fa sobbalzare e spaventare! Accorrono tutti guardie, Sergente d’ispezione, Ufficiale di picchetto: cos’è stato? Sembrava un colpo? Chi ha sparato? Proprio dietro la mia branda osservo il muro sbriciolato, e considerando che la mia camerata confinava con l’armeria non c’è voluto molto a capire che il colpo proveniva proprio da quell’ambiente. Verificata la traiettoria del colpo si è capito che era partito da un’arma che, malgrado il doppio controllo, aveva trattenuto un colpo in canna che poi era accidentalmente partito trapassando e sbriciolando il muro di separazione con la camerata. Commissione di indagine, ricerca del colpevole che non aveva fatto la corretta ispezione alla fine dei tiri, e via la burocrazia del caso. Fra le scartoffie, gli interrogatori e le minacce di punizioni nessuno si è accorto della candela comparsa nella cappella della Madonna nella chiesetta della caserma!

 

Enrico Girotti

 

 

 

 

 

Postato da morang il (13 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Serata Caccia Dominioni (Maggio 2024)
Gruppo

                                 Serata sul Conte Caccia Dominioni di Sillavengo

 

Bella e interessante serata quella organizzata in sede per illustrare la storia ma soprattutto gli aspetti meno conosciuti della grande figura di Paolo Caccia Dominioni, architetto, pittore e disegnatore, illustratore, scrittore (Premio Bancarella) e soldato, personaggio di livello internazionale, cui è intitolato il nostro Gruppo.  Il relatore dott. Rossetti, Segretario Provinciale dell’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci e  appassionato cultore delle vicende storiche della famiglia Caccia Dominioni è riuscito a tratteggiare  la figura di Paolo Caccia Dominioni in maniera singolare, rifuggendo gli stereotipi normalmente utilizzati in queste presentazioni e illustrando in maniera originale la tumultuosa vita del Conte. Peccato che non sia potuta intervenire per un improvviso malore la figlia,  Baronessa  Anna Caccia Dominioni perché la testimonianza diretta di vicende così importanti  avrebbe reso ancora più avvincente la serata. Franco, comunque, a nome di tutti ha ringraziato la Baronessa anche per il messaggio che ha voluto gentilmente far pervenire e che è stato fatto ascoltare all’inizio della serata. Ricordate le origini storiche e nobiliari del casato Caccia Dominioni di Sillavengo, l’oratore si è soffermato sui tratti caratteristici della personalità del Conte, uomo di grande personalità e cultura acquisita anche attraverso i molteplici viaggi e permanenze all’estero seguendo il padre diplomatico in numerose cancellerie. E unitamente alla cultura una singolare vena artistica che lo portava a rappresentare attraverso disegni e schizzi momenti significativi della vita militare e non. Tratteggi che sicuramente hanno ispirato successivamente, come riconosciuto dallo stesso autore Hugo Pratt, i disegni delle storie di Corte Maltese. E accanto alla cultura e alla vena artistica sono forse più importanti di queste la sensibilità e l’altruismo di Caccia Dominioni. Lo tormentava in particolare l’ansia per l’oblio cui erano destinati i militari caduti ancor giovani e a volte giovanissimi sui campi di battaglia, sensibilità che lo porterà nel secondo dopoguerra alla campagna di ricerca e degna sepoltura dei caduti di ogni nazionalità e credo religioso nella battaglia di El Alamein. Bravo Rossetti a intercalare queste propensioni personali del Conte, con il racconto delle condizioni di vita e purtroppo di morte dei nostri militari al fronte che denotano una profonda conoscenza della storia militare e delle vicende occorse nelle due guerre mondiali. E nel corso dei due conflitti si sviluppa la storia e la carriera militare di Caccia Dominioni caratterizzate da avventurosi e tumultuosi cambiamenti, da agente segreto e informatore a fondatore di reparti di attacco particolarmente audaci quali i lanciafiamme, a comandante di battaglioni del genio guastatori.
Ma non solo militare, anche ingegnere e architetto. Le due lauree del Conte lo hanno portato parallelamente dalle vicende storiche a importanti interventi di progettazione e realizzazione di significativi complessi immobiliari come l’ambasciata italiana ad Ankara, dove tra l’altro furono impiegate numerose maestranze di nostri paesani sottratti alla repressione fascista, o ancora più avanti il mausoleo a ricordo dei caduti di El Alamein. Interessante e particolareggiata la ricostruzione della battaglia di El Alamein dove Rossetti ha dimostrato una profonda conoscenza della situazione bellica e delle forze schierate in campo. Con anche la “chicca” del battibecco epistolare fra il Conte e il generale Montgomery. Purtroppo il tempo a disposizione non ci ha permesso di approfondire altri aspetti della poliedrica e avventurosa vita del Conte fra i quali la sua appartenenza alle formazioni partigiane. Argomenti che potranno essere trattati in successivi incontri.

 Enrico Girotti

 

 

Postato da morang il (30 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Alpini a Monza (Maggio 2024)
Sezione ANA Milano

ALPINI A MONZA PER LA GIORNATA REGIONALE DELLA RICONOSCENZA

Sabato 6 aprile si è celebrata la giornata regionale della riconoscenza per la solidarietà e il sacrificio degli alpini, istituita con la legge regionale del 30 settembre 2020
al fine di: promuovere le numerose attività di aiuto, di supporto e di volontariato che da sempre ne caratterizzano l'operato e di diffonderne i valori storici, sociali e culturali, soprattutto tra le generazioni più giovani e in età scolastica. L’assessore Regionale Paolo Franco presente su delega del Presidente Attilio Fontana ha portato il saluto della Regione evidenziando il senso di gratitudine e affetto verso gli Alpini. Le ‘Penne Nere’ incarnano alla perfezione lo spirito dei lombardi, l’attaccamento al territorio, alle tradizioni e al Tricolore”. “Regione Lombardia – ha proseguito Franco – si è sempre dimostrata vicina agli Alpini e alla loro Associazione Nazionale: siamo e saremo sempre dalla parte di chi si spende con abnegazione, tenacia e coraggio per la nostra gente, onora la Patria e vive per la solidarietà. Gli Alpini hanno scritto la storia dell’Italia e della Lombardia e sono in prima fila ogni qual volta è richiesto il loro aiuto. Penso, da bergamasco, all’ospedale da campo costruito in tempi record nella fiera di Bergamo, nei giorni più bui della pandemia. Penso a tutte le circostanze in cui, senza chiedere nulla in cambio, si sono adoperati per aiutare il prossimo con dedizione ed entusiasmo. La Lombardia e l’Italia non possono fare a meno degli Alpini e noi, come Regione Lombardia, non smetteremo mai di ringraziarli”. L’ organizzazione della manifestazione quest’anno è stata affidata  alla Sezione di Monza che nell’occasione ha celebrato il suo 95° anniversario di fondazione e bisogna proprio dire che il risultato è stato veramente eccellente, grazie anche alla splendida giornata con una temperatura decisamente estiva ma che ha contribuito alla buona riuscita. Il programma prevedeva l’ammassamento presso l’avancorte della Villa Reale e i numerosi alpini come noi giunti con notevole anticipo hanno approfittato dell’occasione per visitare e godersi il bellissimo parco situato alle spalle della Villa, prima di schierarsi in attesa dell’inizio della manifestazione che ha preso il via con gli Onori resi ai Gonfaloni delle decine di Comuni presenti scortati dai Sindaci, al Labaro dell’Associazione Nazionale Alpini e ai Vessilli Associativi e seguito dalla sempre sentita cerimonia dell’Alzabandiera con l’Inno di Mameli cantato da tutti i presenti. Al termine ha avuto inizio la sfilata accompagnata dalla Fanfara Alpini di Asso che ha percorso le vie Regina Margherita, P.za Citterio, Carlo Alberto, P.za Roma, Italia, Vittoria, per arrivare infine in P.za Trento e Trieste dove si è proceduto alla deposizione di una corona al Monumento e agli Onori ai Caduti, seguiti dalla lettura della Preghiera dell’Alpino al termine della quale l’Ammaina bandiera ha decretato il termine “ufficiale” della manifestazione.  Infatti successivamente si è tenuto un incontro con le autorità nell’Aula Magna del Liceo Zucchi seguito dalla Conferenza “Alpini e IMI(Internati Militari Italiani): una storia di sacrificio e solidarietà” con il prof. Luca Frigerio.

F.M.

Postato da morang il (16 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Giuramento a Milano (Maggio 2024)
Sezione ANA Milano

GIURAMENTO A MILANO

 

Sabato 23 marzo presso l’Arco della Pace di Milano, si è svolta la cerimonia di Giuramento degli Allievi della Scuola Militare TEULIE’ appartenenti al corso “FUMI III”, alla presenza del Presidente del Senato della Repubblica, Sen. Ignazio La Russa, del Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Carmine Masiello e del Comandante per la Formazione, Specializzazione e Dottrina dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Carlo Lamanna. Dopo lo schieramento nel piazzale antistante l’Arco della Pace dei giuranti, degli allievi del corso precedente e delle delegazioni delle Associazioni d’Arma e della rappresentanza dei numerosi ex allievi, il simbolico “passaggio della stecca” fra i rappresentanti dei due corsi, c’è stato il momento più significativo con il fragoroso “LO GIURO” gridato in coro dai 74 Allievi all’allocuzione del Comandante della Scuola, Colonnello Antonio Calligaris e al cospetto della Bandiera d’Istituto, decorata di medaglia di Bronzo al Valore dell’Esercito quale solenne atto di fedeltà alla Repubblica Italiana che ne sancisce l’ingresso a pieno titolo nei ranghi dell’Esercito. Rivolgendosi agli allievi, il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito ha sottolineato che “la Scuola è un luogo in cui si apprende il valore dell’essere generosi e disponibili verso il prossimo e si impara ad essere coraggiosi e consapevoli; virtù che si fortificano nel senso del comune dovere e alla luce di regole identitarie e di un codice comportamentale improntati alla disciplina, alla coesione e all’insegnamento dell’etica militare. Siate fieri della vostra scelta coraggiosa, dimostrando sempre, qualunque siano i vostri sogni per il futuro, quanto i principi e i valori in cui credete sono solidi e quanto la passione e l’entusiasmo di essere un allievo della Scuola Militare “Teulié” possono essere contagiosi.

Postato da morang il (15 letture)
(Leggi Tutto... | 6799 bytes aggiuntivi | commenti? | Voto: 0)



Festa del Gruppo (Aprile 2024)
Gruppo

17 Marzo 2024   Festa del Gruppo


Domenica 17 Marzo ci siamo ritrovati in Sede per festeggiare il sessantanovesimo anniversario della fondazione del nostro Gruppo. Era il 1955 quando un gruppetto di penne nere sanvittoresi si trovarono per decidere di dar vita al gruppo alpini Valle Olona con Sede presso il Circolo Combattenti e Reduci. Presidente fu eletto Oreste Sala con vice Della Foglia Luigi. Qualche anno dopo la Sede si traferì presso il Circolo Bel Sit per poi nell’ottobre del 1997 trasferirsi definitivamente ( almeno così speriamo ) nella attuale Sede di Via Alfieri. Negli anni 90 il gruppo modificò la denominazione in quella attuale di Gruppo alpini San Vittore Olona. I lavori richiesero tre anni di tempo compreso il trasferimento del prefabbricato recuperato da quelli assegnati al Friuli dopo il terremoto del 1976. Possiamo essere orgogliosi dell’attuale sistemazione apprezzata da tutti per la sua eleganza oltre al contesto che la circonda. Importante e da sottolineare il clima che tutti, io per primo, percepiscono quando entri e ti guardi in giro; possiamo essere davvero  orgogliosi di tutto e speriamo che quanto sopra scritto convinca l’Amministrazione Comunale in occasione del prossimo rinnovo della convenzione. Veniamo alla giornata di Domenica 17 Marzo. Alle ore 09:30 ritrovo in sede, presenti un bel gruppetto di penne nere, in attesa della Santa Messa delle ore 10:00. Non mancavano ( ci sono sempre ) gli amici componenti del gruppo bandistico guidati da ‘Maestro Nicola’ e capitanati dal presidente Bianchi Agostino. Alzabandiera con Inno di Mameli cantato dai presenti e Santa Messa celebrata all’aperto aiutati dal clima favorevole.

Postato da morang il (368 letture)
(Leggi Tutto... | 4560 bytes aggiuntivi | commenti? | Voto: 0)



Alla prossima (Aprile 2024)
Gruppo

ALLA  PROSSIMA

Lo scorso anno,2023, il gruppo salutò il coro “VOCI DEL ROSA” con la promessa/augurio di ritrovarsi l’anno successivo ed è quello che  avvenne il 3 marzo u.s. Tutto si svolse seguendo il programma ormai collaudato ossia il pomeriggio presso la casa di riposo di San Vittore O. per condividere con gli ospiti un pomeriggio allietato dalle cante eseguite dal coro . Alpini e amici convenuti ebbero ancora una volta l’opportunità di  gustare, applaudire quelle canzoni che ormai fanno parte della nostra storia  popolar/musicale : patria, alpini, storie d’amore, motivi paesani e chi più ne ha più ne metta. E’ stato molto bello vedere gli   ospiti, gli ex giovani, applaudire, entusiasmarsi e forse per un attimo, tornare, speriamo con matura serenità, alla loro gioventù fatta di momenti  più o meno belli,ad una vita trascorsa anche se ora sul viale del tramonto. Ho scritto “ ex giovani” perché con la parola “anziani” mi sarei dato la zappa sui piedi visto che gli anni del sottoscritto non sono “ rosa e fiori” ma …tirem innanz … Fra un applauso e l’altro la mente rifletteva sul nome del coro “Voci del Rosa “.   Monte Rosa, splendida montagna assieme al Resegone di manzoniana memoria e il Campo dei Fiori di Varese :  è lo splendido panorama che mi affascinava ogni volta che salivo all’ultimo piano dell’ospedale di Busto Arsizio particolarmente durante le terse giornate invernali. Mi sono scoperto ad avere analoghe sensazioni mentre ascoltavo le canzoni  eseguite dal coro, dai coristi  che cantavano con tale  e tanta passione da coinvolgere totalmente gli uditori e tutto ciò è stato  semplicemente splendido … Tornando alla cronaca : il pomeriggio canoro finì giustamente con , sottinteso, la tacita richiesta per il prossimo anno. Non sono un mago ma credo che l’assenso all’invito sia già scontato … sarà solo questione di stabilire la data compatibile con gli impegni del coro …  La giornata richiedeva il rispetto della sperimentata  tradizione che vuole  assolutamente l’apertura delle porte della nostra sede dopo l’impegno corale e cosi avvenne . Una cosa  bella  è vedere come gli amici del coro si sentano  a loro agio in casa nostra. Le canzoni, in genere uniscono, fanno gruppo proprio come avvenne quel pomeriggio. Tutti in coro:stonati o meno ,sotto la guida del maestro,fra una portata e l’altra, il dolce e caffè con rimorchio o rinforzo che dir si voglia, si diede il via ad un festival senza uguali .. è possibile anche che qualche volta il maestro abbia diretto con la forchetta piuttosto che con la bacchetta rispettando il  folclore in queste situazioni …  comunque si arrivò tutti sani e salvi a riva, alla conclusione di questa bella giornata. Peccato per gli assenti privati di questa bella occasione alla quale si potrà rimediare abbastanza in fretta e visto che il tempo scorre più velocemente di quanto non si creda , come dice il titolo: teniamoci pronti “alla prossima …”

                                                                               PIO

Postato da morang il (36 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Assemblea Sezionale (Aprile 2024)
Sezione ANA Milano

 

ASSEMBLE SEZIONALE

Domenica 3 marzo, ospitati nell’aula magna  dell’Istituto Leone XIII a Milano si è svolta l’annuale Assemblea generale della Sezione di Milano preceduta come di consueto dalla deposizione di una corona di allora al monumento all’Alpino situato nella piazza antistante l’istituto alla presenza dei rappresentanti dei Gruppi con relativi Gagliardetti. Sbrigate le formalità di registrazione alle 9,30 ha avuto inizio l’assemblea e dopo il doveroso saluto alla Bandiera e la nomina del Presidente, del segretario e degli scrutatori si è entrati nel vivo della mattinata con l’approvazione del verbale della seduta precedente e la consegna delle medaglie ricordo ai Soci con 50 anni di iscrizione all’Associazione, mentre sono stati ricordati i Soci andati avanti nel corso dell’anno passato. Successivamente il Presidente Fusar Imperatore ha consegnato il Gagliardetto agli alpini del nuovo Gruppo della nostra Sezione, il 47° quello di Tribiano ed è stato significativa la presenza sul palco dei rappresentanti dell’amministrazione comunale di quel paese che da oggi può contare sulla presenza degli alpini che saranno certamente un punto di riferimento per tutta la comunità perché, per usare le parole della Sindaca di Brescia Laura Castelletti in Piazza della Loggia in occasione dell’anniversario di Nikolajewka: “Gli alpini sono una risorsa importante della vita delle nostre comunità, un collante della società, strumento di coesione, testimoni di solidarietà e capacità di operare: fortunato è ogni comune in cui ci sia un alpino che insegna l’impegno civile” ….(parole sue). Si è quindi dato seguito all’ordine del giorno che prevedeva la lettura della relazione morale del Presidente e l’esposizione di quella finanziaria da parte dei responsabile economico, seguiti dagli interventi relativi alle relazioni e ad argomenti associativi, che è possibile visionare sul sito sezionale o sul prossimo numero di Veci e Bocia,  al termine dei quali il Presidente ha dato le sue risposte. Si è proceduto quindi all’approvazione delle relazioni e si è proceduto all’elezione dei nuovi Consiglieri e del Presidente, quest’ultima per alzata di mano in quanto presente un unico candidato ed è stato quindi rieletto Valerio Fusar Imperatore al quale facciamo gli auguri per un altro mandato alla guida della Sezione di Milano. Dichiarata chiusa l’assemblea sono state ritirate all’uscita le schede relative alla votazione dei nuovi consiglieri tra i quali è risultato eletto il nuovo Consigliere addetto al nostro Gruppo: Gino De Finis di Magenta al quale inviamo le felicitazioni e che è già stato presente alla nostra festa quale sua prima uscita.

F.M.

Postato da morang il (39 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Fare memoria (Marzo 2024)
Scuole

Fare memoria: gli Alpini incontrano gli alunni di terza media

 

Mercoledì 31 gennaio e martedì 6 febbraio abbiamo incontrato le classi terze della Scuole Secondarie di primo grado “Giacomo Leopardi” di San Vittore Olona e “Giuseppe Ungaretti” di San Giorgio su Legnano. Gli incontri, che hanno riguardato un centinaio di studenti, fanno parte del programma definito con la Direzione Didattica volto a far conoscere ai ragazzi che studiano la prima guerra mondiale, aspetti concreti della vita dei soldati al fronte e si inquadrano nel compito previsto dal nostro Statuto di “tenere vive e tramandare le tradizioni degli Alpini”. La presentazione è stata coordinata con gli insegnanti Stefania Paola e Emanuela Fiore di San Vittore Olona e Laura Ori di San Giorgio su Legnano al fine di completare la formazione degli studenti con la presentazione, effettuata in particolare  da Franco con l’aiuto di supporti audiovisivi, degli aspetti sociali, logistici e organizzativi del fronte, nonché della dura vita dei soldati durante le lunghe ore di attesa nelle trincee. Le montagne, che fino ad allora erano state luogo di pastori,  diventavano il teatro di scontro ma anche di integrazione di culture diverse e di conoscenze fino ad allora inesistenti. Particolarmente coinvolgenti le esemplificazioni e gli aneddoti dell’esperto oratore che hanno reso viva la partecipazione all’evento e suscitato numerose domande consentendo di far percepire concretamente le aspettative, le ansie, le fatiche e i dolori sopportati dai soldati al fronte. Curiosità ha destato la presentazione storica e l’illustrazione dei resti della linea Cadorna, l’impressionante fortificazione ancora visitabile per alcuni tratti a poca distanza da casa nostra. Ancora più interesse gli studenti hanno mostrato nel vedere e poter toccare con mano alcuni reperti presentati durante l’incontro. Frammenti di granate, proiettili, un elmetto come testimonianza viva della battaglia e una gavetta come esemplificazione della sopravvivenza in trincea. Infine il frammento di un rampone da applicare allo zoccolo dei muli ci ha permesso di raccontare anche l’impegno e il grande sacrificio dei mai dimenticati amici a quattro zampe degli alpini. In un momento storico come l’attuale nel quale riaffiorano venti di guerra, la presentazione è servita a far riflettere su quanto sia insensato cercare di risolvere controversie con l’uso della forza: l’auspicio è che tragedie come quella della prima guerra mondiale non abbiano a ripetersi.

 

Enrico Girotti

 

 

 

Postato da morang il (83 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Altro giorno, altra scuola (Marzo 2024)
Scuole

ALTRO GIORNO, ALTRA SCUOLA

 ….e una settimana dopo, esattamente martedì 6 febbraio,  abbiamo replicato in un altro plesso e precisamente alla Scuola Secondaria di Primo Grado “G: Ungaretti” di San Giorgio su Legnano, invitati dalle insegnanti a ripetere l’esperienza, per noi nuova in quel paese, per dare modo, come richiesto da loro,  anche a quegli studenti di usufruire della possibilità di un salto nella storia così come i loro compagni sanvittoresi e questa è l’ennesima dimostrazione del fatto che se gli insegnanti condividono i nostri ideali la strada è già certamente tracciata. Infatti sin dal momento dell’accoglienza ci siamo subito sentiti a casa e abbiamo potuto fare la conoscenza delle ragazze e ragazzi delle classi 3°D e 3°F tutti riuniti nella stessa aula video che coordinati dai docenti Fiorella Cerini, Marta Malgrati, Antonella Buonanno e Roberto Gelli, hanno condiviso per quasi due ore l’incontro che ha cercato di coinvolgerli nella dura realtà che ha purtroppo accompagnato soldati e civili costretti a vivere gli orrori della guerra. Infatti lo scopo di questi incontri non è certamente quello di illustrare le cause e le conseguenze del primo conflitto mondiale, in questo gli insegnanti sono certamente e naturalmente più qualificati e preparati di noi, ma di far capire le condizioni di vita che hanno accompagnato per oltre 4 anni i soldati e una popolazione catapultati in uno scenario di morte e privazioni che andavano ad assommarsi ad una vita già grama di suo, con uno strascico di difficoltà e disagi protrattosi anche dopo la fine del conflitto a causa dei tantissimi feriti e soprattutto mutilati che, tornati a casa, diventavano quasi un “peso” in una società prevalentemente agricola a causa della propria invalidità che inibiva il lavoro manuale. E le immagini che venivano proposte, a volte crude, mostravano lo stato di degradazione in cui dovevano sopravvivere per giorni e mesi nelle trincee, fra sporcizia, malattie e a volte inedia in una snervante attesa, nonché le ardite opere ingegneristiche realizzate, specialmente in alta quota, per sopravvivere in condizioni meteorologiche estreme. E dobbiamo dire che l’iniziale timore derivante dal fatto di dover tenere una quarantina di ragazzi in aula per due ore si è alla fine dimostrata infondata, infatti tutto è andato nel verso giusto e grazie all’esperienza maturata in tanti anni di incontri ho potuto notare, a parte alcuni fisiologici casi,  un interesse verso le parole e le immagini che venivano loro proposte ed alla fine il fatto di avere un numero maggiore di “pubblico” ci ha permesso di affrontare la mattinata senza bisogno di guardare l’orologio col timore di “sforare” il tempo a disposizione e dando modo ai ragazzi di entrare più in sintonia con noi. Che dire quindi se non rinnovare il ringraziamento alla Direzione e alle insegnanti per la possibilità concessaci di assolvere all’art. 2 del nostro Statuto associativo:  "l'Associazione Nazionale Alpini si propone di tenere vive e tramandare le tradizioni degli Alpini, difenderne le caratteristiche, illustrarne le glorie e le gesta" e naturalmente agli Alpini noi associamo ogni soldato di qualsiasi arma e di qualsiasi nazionalità anche perché come diciamo ai ragazzi, le possono anche chiamare “bombe intelligenti” ma non potranno mai sopperire all’ignoranza umana.

Franco Maggioni

Postato da morang il (32 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Falò di S. Antonio (Febbraio 2024)
Gruppo

Falo’ di S Antonio

 

Sabato 13 gennaio è andata in onda la ventiquattresima edizione del tradizionale falò di S Antonio, una delle più riuscite a detta dei numerosi partecipanti. In particolare i "gourmet" del falò hanno apprezzato l’accensione, il regolare avvio e la grande esplosione della vampata centrale nonché il collassamento della struttura, roba che neanche un diavolo professionista e specialista saprebbe fare! E di specialisti, meglio ancora di appassionati in questo campo, il Gruppo Alpini di San Vittore Olona ne ha forgiati parecchi. In periodi in cui questa festa tradizionale  è andata via via scomparendo, il Gruppo Alpini ha voluto mantenere pervicacemente viva la tradizione organizzando al meglio e con grande passione l’evento. Alcuni si ricordano ancora quanto questa festa fosse attesa e come era caratteristico vedere il falò in una serata di fitta nebbia (scighera) o addirittura con la neve. Era un momento topico dell’inverno aspettato con trepidazione e curiosità che esercitava un fascino inconfondibile. I contadini addirittura traevano presagi sull’andamento dei raccolti. Tradizione che è andata scomparendo, si diceva. Molte sono le cause che hanno contribuito a questo declino: l’impegno che richiede l’organizzazione di un evento all’esterno, in pieno inverno e condizionato dal tempo, la disponibilità di materiale idoneo da ardere, ma soprattutto le norme di sicurezza e di tutela e rispetto dell’ambiente. Di fronte a queste sfide che hanno scoraggiato quasi tutti coloro che organizzavano questa manifestazione, gli Alpini di San Vittore Olona non si sono arresi e con coraggio e determinazione, ma soprattutto con responsabilità hanno ancora una volta affrontato questo impegno. L’obiettivo quindi è stato quello di realizzare l’evento rispettando le normative, coinvolgendo le autorità, le forze  dell’ordine, i distaccamenti locali e provinciali dei vigili del fuoco e predisponendo durante la manifestazione un impeccabile servizio d’ordine e di pronto intervento con transennamenti e la dislocazione di batterie di estintori. La preparazione della pila di legna è iniziata al mattino presto con l’accatastamento di parecchi quintali di pallets e di cartoni da ardere, selezionando accuratamente il materiale e scartando parti inquinanti non compatibili con la combustione a cielo aperto. Un privato ha chiesto di poter portare rami e sterpaglie e dopo una rapida trattativa gli è stato concesso dietro la corresponsione di adeguata fornitura di barbera. Nel frattempo Enryttricista ha predisposto l’impianto elettrico di illuminazione e filodiffusione. D’obbligo la preparazione di cioccolata, panettone e soprattutto di vin brulé considerando la serata fredda. La serata poi è andata per il meglio. Forte affluenza di pubblico e autorità che al suono di “O mia bela Madunina” eseguito dalla banda sanvittorese hanno potuto godere di uno spettacolo veramente unico. In questa occasione gli Alpini avevano garantito cielo stellato con la luna, e così è stato. Per le prossime ricorrenze, a richiesta, possono assicurare “l’atmosfera”creata dalla scighera o dalla neve: agli Alpini nulla è impossibile! Ultimo, ma non ultimo il ricavato delle offerte raccolte durante la serata. Generose le persone intervenute che hanno permesso di raccogliere e devolvere al Centro Giovanile una somma veramente consistente! E per gli Alpini? A loro basta il grazie sincero degli intervenuti che scalda il cuore molto di più del sia pur forte calore sprigionato dal falò di S. Antonio!  Arrivederci al prossimo anno!

Enrico Girotti

Postato da morang il (79 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Si fa prestp a dire disnarello (Febbraio 2024)
Gruppo

Si fa presto a dire disnarello….


Ma forse non tutti sanno che cosa c’è dietro questa cenetta organizzata mensilmente presso la nostra sede. C’è un grande lavoro di squadra per fornire ai partecipanti un menu vario preparato da uno staff competente rispettando la cucina a chilometro zero e valorizzando le ricette della tradizione lombarda! Tutto comincia con una sapiente programmazione che sposa la tradizione culinaria con i periodi dell’anno ( il cotechino, la trippa, lo stracotto al momento giusto!). Il tutto descritto in tabelle che riportano per ciascuna ricetta i quantitativi dei singoli ingredienti in relazione al numero di commensali previsti. E’ poi gli acquisti, fase delicata per contenere i costi rispettando la qualità dei prodotti. E qui si esprimono al meglio gli acquisitori che sulla base delle migliori quotazioni di mercato per ciascun ingrediente e di gare fra fornitori che si disputano il titolo di “Fornitori degli Alpini”, approvvigionano le materie prime. (Uffici Acquisti così farebbero l’invidia alle più blasonate Direzioni Approvvigionamenti). La preparazione è tutta da vedere: i giorni precedenti vengono impiegati per preparare accuratamente le diverse pietanze rispettando le norme igienico sanitarie, curando la catena del freddo, pulendo e predisponendo gli ingredienti (ho visto pulire delle cozze come un ristorante giapponese non saprebbe fare). La serata della cena inizia per i cuochi nel primo pomeriggio fra i profumi dei soffritti, la lenta cottura degli arrosti, la predisposizione degli antipasti. Non mancano le discussioni fra i tradizionalisti e chi sposerebbe un po di nouvelle cusine, ma su alcuni piatti non si transige: la cassoeula è quella e non si discute! Un discorso a parte meritano i vini: e qui non c’è discussione, il palato deve essere quello giusto e l’accostamento alle pietanze da sommelier. Il risotto è preparato al momento giusto. Ma su questo piatto così come su altri si diffonde un leggero nervosismo una inquietudine, un interrogarsi con gli occhi: il brodo reggerà la prova del supervisore? Infatti quando arriva c’è un attimo di silenzio e di suspense fino a quando sentenzia: non male, ma serve un dado in più rispetto agli otto che avete messo! La preparazione della sala da pranzo non è un fatto secondario, si cerca di rispettare le affinità di carattere e di assecondare nei limiti del possibile le richieste dei gruppi di amici. Lo svolgersi del pranzo lo lascio immaginare, non serve molta fantasia per vedere un andirivieni di amici alpini che si improvvisano camerieri sotto la supervisione del Capo (sala, in questo caso). Al termine inizia il lavoro di pulizia di piatti, stoviglie e quant’altro utilizzato in cucina nonché della sala da pranzo, ed è bello vedere amici che si improvvisano perfetti addetti di un’impresa di pulizie. Ma quanti sono gli amici che provvedono a tutto questo e in particolare alle fasi più impegnative? Si contano sulle dita di una mano, a volte monca di qualche dito! I nomi non si fanno tanto li conoscete tutti. E’ a loro che va la riconoscenza e il sentito ringraziamento per l’impegno e la dedizione con vero spirito alpino!

Enrico Girotti

Postato da morang il (47 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Protezione Civile (Febbraio 2024)
Protezione Civile

PROTEZIONE CIVILE: CORSO HCP


Nell’ambito delle normative dettate dal Dipartimento di P.C. e dalla Regione Lombardia, si è tenuta nella giornata di sabato 20 gennaio presso l’aula-studio del 3P di Cesano Maderno un corso Idro Alto Pompaggio HCP (Higt Capacity Pumping) riservato ai Volontari del 2° Raggruppamento (Lombardia ed Emilia Romagna) già in possesso dei requisiti del corso idrogeologico base e finalizzato all’utilizzo delle motopompe GODWIN con capacità di utilizzo fino a 500 metri-cubi all’ora. La presenza a questo corso è stata preceduta dalla compilazione nei giorni precedenti di un questionario riportante la disponibilità dei volontari all’intervento H24 e la partenza entro le 24 ore dalla chiamata in caso di calamità. Erano presenti 25 volontari che sotto la guida dei due docenti Paolo Brambilla e Luca Vianello hanno impegnato la mattinata con la parte teorica riguardante il corretto utilizzo, le prestazioni delle macchine, il comportamento da tenere durante le emergenze anche sotto il profilo della responsabilità accentuata dalle dimensioni dei macchinari e delle attrezzature utilizzate, forti anche dell’esperienza maturata sul campo nel corso dello scorso anno con gli interventi a Bagnacavallo in Emilia Romagna e a Campi Bisenzio in Toscana zone gravemente colpite dalle terribili inondazioni. Infatti possiamo studiare, prevenire ed immaginare ciò che bisogna fare, ma è dall’esperienza sul campo che scaturiscono le criticità e i problemi reali che, a bocce ferme, vengono analizzati, risolti ed entrano a far parte delle regole e comportamenti da applicare in futuro. Prima di iniziare il corso è intervenuto il coordinatore del 2° Raggruppamento, Ettore Avietti, che ha portato il saluto è l’augurio per la giornata rimarcando l’importanza di una formazione adeguata all’impiego operativo perché ora più che mai non è più possibile intervenire armati della sola buona volontà ma occorre essere formati, essere in possesso dei brevetti richiesti dalla legge e rispettare le disposizioni in materia antinfortunistica, unico modo questo per essere sempre in regola e per non rischiare di diventare a nostra volta parte del problema che dovremmo risolvere.

Postato da morang il (40 letture)
(Leggi Tutto... | 5318 bytes aggiuntivi | commenti? | Voto: 0)



Uscita SIA (Febbraio 2024)
Squadra Intervento Alpino

USCITA S.I.A.

Domenica 21 gennaio la squadra della S.I.A. ha effettuato la prevista uscita addestrativa in ambiente innevato prevista con simulazione della ricerca dispersi sotto valanga. Le condizioni climatiche che prevedevano un elevato rischio di valanga hanno sconsigliato di rispettare il programma originario che prevedeva l’uscita in Val Vannino, una traversa della Val Formazza, convincendo i partecipanti a ripiegare su una più sicura destinazione quale il Monte Cazzola all’Alpe Devero. Erano presenti una decina di soci che, chi con ciaspole e chi con sci,  hanno intrapreso la salita attraverso il bosco sino ad arrivare ai piedi del Cazzola passando dal bellissimo alpeggio dell’Alpe Misanco sfidando un clima veramente glaciale che ha alla fine intralciato non poco lo svolgimento dell’esercitazione la cui finalità è stata comunque raggiunta riuscendo ad accumunare ed unire elementi “storici” con nuove entrate che, ci si augura potranno portare avanti la tradizione della Squadra così come immaginata e realizzata 30 anni fa dal fondatore Franco Mazzucchi.

G.M.

Postato da morang il (41 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Verbale Assemblea (Gennaio 2024)
Gruppo

Verbale Assemblea Generale di Gruppo 1/12/2023

 

Presenti: Maggioni, Tacchia,Terragnoli, Candiotto, Cagalli, Frigo, Verzeni, Parini, Morlacchi M., Rogora,  Cavallaro, Vegezzi C., Formenti,  Gentilucci, Sala, Ciapparelli, Di Leonardo, Morlacchi A., Fontana,  Girotti (segretario)

Presiede l’Assemblea  Ciresa.

Come da prassi dopo il saluto alla bandiera e il ricordo di quanti sono “andati avanti”, si procede all’approvazione del verbale dello scorso anno. Segue la relazione morale del Capogruppo mirata ad illustrare le svariate attività svolte nel corso dell’anno che hanno raccolto il plauso della popolazione e delle Amministrazioni Pubbliche. Peraltro, per continuare a svolgerle e per migliorarne ancora di più la visibilità e l’apprezzamento, viene fatto un forte richiamo a un maggiore coinvolgimento e partecipazione da parte di tutti: oltre ai diversi momenti pubblici si sottolinea la necessità di contribuire alle attività per il mantenimento della sede sociale. Un passaggio viene riservato alla comunicazione e al ruolo del nostro mensile Penna Nera. L’anno prossimo sarà il trentottesimo di ininterrotta pubblicazione mensile del notiziario che, quantomeno a frequenza, rappresenta un ottimo risultato se non un record da molti invidiato. Si passa alla lettura della relazione finanziaria che riporta favorevolmente una inversione di tendenza rispetto agli anni scorsi evidenziando un attivo sia pur contenuto. Quota associativa: si propone il mantenimento della quota dello scorso anno. Si procede alla votazione delle due relazioni e della decisione riguardo alla quota associativa: il tutto viene approvato all’unanimità. Come da programma si passa al rinnovo di due consiglieri in scadenza per il biennio 2024/2025. Risultano al termine del mandato Erminio Cagalli e Cinzio Vegezzi entrambi rieleggibili. Cinzio Vegezzi rinuncia al rinnovo mentre viene riconfermato all’unanimità Erminio Cagalli. Elezione di un rappresentante degli Amici degli Alpini in Consiglio: viene proposto Candiotto, un Amico degli Alpini di lunga data e attivamente presente nella vita associativa e di Gruppo. Candiotto parteciperà al Consiglio nel rispetto della normativa vigente. La proposta viene approvata a maggioranza. L’Assemblea si chiude alle 22.30.

Girotti Enrico

 

 

 

 

 

 

Postato da morang il (73 letture)
(commenti? | Voto: 0)



SIA e PC (Gennaio 2024)
PHP-Nuke

NOTIZIE S.I.A. e PROTEZIONE CIVILE


Sabato 16 dicembre presso la sede operativa di Cesano Maderno si è tenuta l’annuale Assemblea del Nucleo di Protezione Civile della Sezione di Milano alla presenza del Presidente Sezionale Fusar Imperatore, del Vice Coordinatore del 2° raggruppamento Benzi e dei responsabili sezionali Brach e Fusar Bassini, nel corso della quale è stato presentato il nuovo organigramma della complessa macchina organizzativa che deve gestire i 240 volontari iscritti, molti dei quali erano presenti. L’aumento del numero dei volontari, molti dei quali giovani, sull’onda lunga del periodo COVID dove gli alpini sono stati in prima fila nell’emergenza, se da una parte è motivo di soddisfazione dall’altra ha creato un sovraccarico lavorativo nell’organizzazione che si è ritrovata a gestire in poco tempo un numero quadruplicato di persone che devono obbligatoriamente frequentare corsi, ottenere abilitazioni e patenti per poter operare in sicurezza come prevede la legge. A tal fine si è iniziato a raccogliere e digitalizzare una sorta di “carta di identità” del volontario riportante tutte quelle notizie indispensabili per estrapolare in tempo rapido in caso di emergenza quali nominativi sono più adatti per ogni richiesta di intervento, dai dati personali, ai DPI (dispositivi di protezione individuale) in possesso, ai corsi effettuati e ai brevetti ottenuti ecc. Tutte le “novità” sono state accolte favorevolmente dai presenti e penso di interpretare il pensiero di tutti ringraziando i responsabili per l’impegno profuso in questo nuovo progetto che sarà d’aiuto ad ognuno di noi. Al termine della riunione ci siamo trasferiti sotto i tendoni allestiti precedentemente dai volontari per la funzione della S. Messa come sempre officiata dall’amico Don Nicola che ha saputo coinvolgere tutti i presenti con parole toccanti e partecipate riferite alla giornata. E come da tradizione, al termine della cerimonia religiosa sono stati allestiti i tavoli per la cena conviviale allietata dai canti e dalla musica di due validi fisarmonicisti che ci hanno accompagnato sino al termine della serata perché l’indomani….ma questa è un’altra storia. Infatti il giorno successivo, rispettando il programma, i componenti della S.I.A. hanno effettuato l’uscita “addestrativa” un po’ particolare, infatti la meta era costituita dalla salita al Rifugio Piazza sul Monte S. Martino che si affaccia sull’abitato di Lecco con panorama sulla sponda orientale del Lago di Como per il tradizionale ricordo degli amici “andati avanti”, lo scambio di auguri, l’esame di quanto fatto nel corso dell’anno trascorso e la stesura del programma per quello entrante. Come sempre è stata anche l’occasione per ritrovarsi fra amiche e amici compresi quelli che magari durante l’anno non hanno potuto essere presenti e rinnovare la volontà di portare avanti l’iniziativa voluta dal compianto Franco Mazzucchi 40 anni fa. Nel mese di novembre invece, precisamente il giorno 12, la squadra ha effettuato una uscita in ambiente innevato con il programma  della salita al Monte Bregagno una montagna nelle Prealpi Luganesi posto a quota 2.107 mt. sulla sponda occidentale del lago di Como, ma a causa delle avverse condizioni meteorologiche che già si erano palesate alla partenza da Monti di Breglia, dopo essere arrivati nei pressi della Chiesetta di Sant’Amate ed avendo constatato la presenza di molto ghiaccio, abbiamo deciso di modificare il percorso raggiungendo il Rifugio Menaggio posto alle pendici del Monte Grona dove abbiamo consumato il rancio prima di fare ritorno a valle per il rientro. Tanto la montagna rimane sempre là e la sicurezza resta sempre l’elemento fondamentale.

 

Franco

 

 

 

 

Postato da morang il (52 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Musica in Sede (Gennaio 2024)
Gruppo

 

MUSICA IN SEDE

Anche quest’anno l’amico Stefano Quaglia è venuto a trovarci in sede e questa volta non da  solo ma accompagnato dai  componenti il neo gruppo musicale quindi: serata  musicale con i ROWAN TREE.  Gli anni precedenti Stefano si presentava   con le sue cornamuse e strumenti similari, per carità non chiedetemi il nome dei vari “strumenti” e ci favoriva  l’ascolto   di musiche e melodie prevalentemente nordiche, per l’esattezza irlandesi e scozzesi. Nella serata del 24  novembre u.s. ecco il neo complesso formato in primis ovviamente dalle cornamuse assieme a chitarra, violino e percussioni.  La capacità del  maestro è stata quello di trovare un punto  d’insieme e di fusione musicale dei vari strumenti con un risultato meritevole di applauso.  La presenza dei soci, sempre migliorabile  numericamente, unita agli altri intervenuti hanno potuto gradire i vari brani musicali, sia singoli  e d’insieme, presentati e  commentati da Stefano con l’intento di favorire la comprensione di una musica  non usuale alla più parte di noi: in conclusione una bella serata  musicale creatasi  e dai singoli strumenti e dalla coralità nell’esecuzione dei vari pezzi eseguiti. Non sono un tecnico e men che meno un critico d’arte musicale  quindi non mi azzarderò a valutazioni in merito, ma sono sicuro che la serata sia stata apprezzata da tutti i partecipanti. Non è scontato che si abbia sempre l’opportunità di simili occasioni ma  noi siamo fiduciosi che il gruppo Rowan Tree il prossimo anno ci venga  a trovare   e  Stefano e company sanno di essere graditi.     

                                                               PIO     

 

Postato da morang il (83 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Messa in Duomo (Gennaio 2024)
Sezione ANA Milano

 

Alpini a Milano per la tradizionale celebrazione della Messa in Duomo

 

Tante penne nere a Milano Domenica mattina per l’annuale appuntamento in Piazza Duomo e per la successiva Messa, voluta da Peppino Prisco per ricordare gli Alpini andati avanti e in particolare i caduti durante la campagna di Russia e celebrata fin dal 1955. Giornata soleggiata ma caratterizzata da un freddo pungente che però non ha scoraggiato migliaia di penne nere che hanno voluto manifestare con la loro presenza l’attaccamento a questa tradizionale manifestazione. All’arrivo del Labaro nazionale scortato dal presidente Sebastiano Favero e seguito dal Consiglio ANA al completo è seguito l’alzabandiera e la rassegna dello schieramento delle rappresentanze civili e militari da parte del Generale Comandante le Truppe Alpine, Ignazio Gamba. Dal Sottosegretario alla Difesa Isabella Rauti e dal Presidente Favero. Poi Santa Messa in Duomo. All’altare i gonfaloni di Milano e di tantissimi Comuni della Lombardia, fra cui anche quello di San Vittore Olona accompagnato dal Sindaco. Nutrita come si diceva la partecipazione degli alpini provenienti anche da località lontane e, solo per citarne alcune, dalla Valle d’Aosta, dal Friuli e dall’Emilia Romagna. Migliaia gli alpini fieramente schierati dietro i Labari Sezionali e rappresentati da centinai di gagliardetti dei Gruppi, fra cui anche il nostro, in perfetto allineamento nella navata centrale. Dopo la messa, sul sagrato del Duomo intervento delle autorità civili e militari che hanno ringraziato gli alpini per quello che rappresentano e soprattutto per quello che fanno con ammirevole spirito di servizio. Quindi ammaina bandiera e sfilata per le vie della città fra due ali di folla fino a S Ambrogio dove è stata deposta una corona. Infine un doveroso ringraziamento al Servizio d’Ordine Ana, dove tra l’altro siamo ben rappresentati come Gruppo, per l’organizzazione e la disciplina di tutta la manifestazione.

Enrico Girotti

 

Postato da morang il (45 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Banco Alimentare (Gennaio 2024)
Gruppo

BANCO ALIMENTARE


E anche quest’anno come Gruppo abbiamo dato il nostro contributo alla Giornata della Colletta Alimentare con un presidio di 12 ore presso il Supermercato Eurospin di San Vittore Olona che ci ha permesso di raccogliere oltre una tonnellata di generi alimentari che verranno distribuiti alle famiglie bisognose della nostra zona e anche in questa occasione la ricompensa maggiore è stata quella di sentirci dire la solita, ma sempre apprezzata, frase: “Se ci sono di mezzo gli Alpini, allora mi fido”. Un ringraziamento ai soci che si sono resi disponibili per la buona riuscita dell’iniziativa.

Postato da morang il (53 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Ricordo di un eroe (Gennaio 2024)
Gruppo

RICORDO DI UN EROE

Domenica 19 novembre una piccola delegazione del nostro Gruppo, su richiesta della Baronessa Anna Caccia Dominioni, figlia del Col. M.O.V.M. al quale il nostro sodalizio è intitolato, ha partecipato a una semplice ma sentita cerimonia presso la tomba dell'eroe di Al Alamein e realizzatore del Sacrario Italiano laggiù realizzato che raccoglie le salme dei caduti in terra egiziana. Erano presenti anche le delegazioni dei Bersaglieri e Paracadutisti le quali Sezioni sono come noi sono dedicate all’illustre figura ed insieme abbiamo reso il doveroso omaggio.  Caccia Dominioni nacque nel 1896 e all'inizio della Grande Guerra si arruolò volontario come soldato semplice nei Bersaglieri per poi frequentare la Scuola Ufficiali e passare da tenente al Genio pontieri guadagnandosi una Medaglia di Bronzo al V.M. e combattendo sul Carso, Brenta e in Libia sino al termine del conflitto. Richiamato in servizio per la guerra d'Etiopia e nella campagna del Nord Africa, partecipò alle due battaglie di Al Alamein dove ricevette la Croce di Ferro dal Gen. Rommel passando successivamente nei Paracadutisti della "Folgore" guadagnandosi un Medaglia d'Argento al V.M. Rientrato in Italia assunse il comando del Genio Guastatori ad Asiago fino all'8 settembre 1943 quando entrò a far parte della 106° Brigata Partigiana "Garibaldi" e nel '44 arrestato e scarcerato per due volte diventò Capo di Stato Maggiore del Corpo Volontari Lombardi per la libertà e per la sua partecipazione alla lotta per la liberazione ricevette una Medaglia di Bronzo al V.M. Dopo la guerra iniziò la missione di recupero nel deserto africano alla ricerca dei Resti delle salme dei Caduti di ogni nazionalità che vennero tumulati nel Sacrario Italiano da lui progettato e voluto ad Al Alamein. Si spense a Roma all'età di 96 anni nel 1992. Nel corso della cerimonia voluta dalla figlia Anna, che ha ricordato con commozione la figura del padre, sono state recitate le preghiere delle tre Armi presenti alla commemorazione svoltasi in modo intimo ma sicuramente molto più sentita perché vissuta col cuore.

 

Franco Maggioni

Postato da morang il (47 letture)
(commenti? | Voto: 0)



... e brava Martina (Dicembre 2023)
Gruppo

…. e  brava Martina ...

Diventa un po’ difficile scrivere quattro righe su quanto sia stato fatto recentemente dal gruppo dato il periodo.  Infatti  nel giro di pochi giorni, ha coinvolto i soci con la partecipazione ai vari impegni di vita associativa e sociale, soliti  avvenimenti questi ultimi   che  si ripetono ogni anno seguendo una sequenza sempre uguale. Avere per l’occasione del 4 novembre il sorvolo delle “Frecce Tricolori” sul cielo del nostro comune sarebbe solamente pura fantasia.   Già dal primo novembre, come tutti sanno, ci siamo ritrovati ad onorare i nostri soci “andati avanti” sepolti nel  nostro cimitero  e in quelli dei dintorni (con ben otto tappe) per poi partecipare nei giorni a seguire  alle cerimonie commemorative del 4 novembre: quella “ufficiale” con onore al monumento dei Caduti, deposizione delle varie corone … Fratelli d’Italia, il Piave,  ecc … ecc … Cose che tutti sanno ma che, PURTROPPO, anno per anno vengono sempre più disattese dalla popolazione. I pochi e sparuti partecipanti, visti dall’esterno, sembrano  essere quasi delle “mosche bianche” incolonnate dietro ad una banda musicale assieme alle rappresentanze comunali in un corteo che non dice niente a nessuno,  condannate fra qualche o pochi   anni    alla completa estinzione. Ma cosa centra  Martina in tutto questo?   C’entra,  c’entra. In realtà si tratta di una piccolissima cosa che però apre alla speranza: sempre di quella si parla,  ma veniamo al dunque. Come già detto, fra le varie scadenze annuali il Gruppo, in questo periodo, rispettando una tradizione quasi trentennale, ha in calendario anche l’incontro con le scuole del nostro paese: elementari e medie.  Scolari e alpini, con lo scopo di farci conoscere  come una associazione fatta di date, di esempi e di valori sempre attuali  e,  in questa maniera, mettere in pratica quanto ci hanno esortato a fare i nostri veci: ”Per non dimenticare”,  comandamento alpino scolpito sulla colonna mozza lassù in Ortigara. Ad  onor del vero dobbiamo sottolineare la buona volontà e la disponibilità delle   insegnanti che cercano di preparare gli alunni all’incontro sia nelle aule sia accompagnando gli alunni  al cimitero presso la tomba dei Caduti sanvittoresi.  Al momento d’incontro in classe  è ovvio che dai ragazzi ti puoi aspettare di tutto,  dalle domande più inattese a quelle chiaramente suggerite. Fu così che Martina, da subito, si presentò con un foglietto in mano, sì quello della fotocopia che ho dovuto  ricalcare solamente per esigenze di fotocopia e di stampa.      Ha voluto leggerlo davanti a tutti, precisando d’averlo scritto da sola  la mattina prima di uscire per la scuola. Ora, almeno per quanto mi riguarda, non siamo qui per giudicare se quanto ha scritto sia avvenuto sotto “dettatura”: ma come fai a chiederglielo quando lei da subito ti evidenzia che quelle parole sono “farina del suo sacco?“ Personalmente mi ha colpito e quando, quasi con timore, ho chiesto a Martina se me lo regalava si è preoccupata di assicurarmi che “non c’erano errori di ortografia” solo questo,   rimarcandomi ancora una volta di esserne  l’unica autrice. Alla fine di tutto se questa ragazzina delle Scuole Medie è arrivata a scrivere queste poche righe, a leggerle bene, un po’ di speranza ti viene assieme alla fiducia   che qualcosa rimanga in lei anche nel suo futuro,  sarebbe già un gran bel risultato.

                                                            Pio

 

 

 

          

Postato da morang il (69 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Castagnata con i nonni (Dicembre 2023)
Gruppo

CASTAGNATA CON I NONNI

Su invito della direzione della RSA di San Vittore Olona anche quest’anno un manipolo di alpini ha partecipato alla castagnata presso la locale casa di riposo al fine di donare un pomeriggio in allegria agli anziani ospiti. Piazzato il braciere ed acceso il fuoco abbiamo subito dato via alla cottura delle castagne, a dire il vero già tagliate, e dopo alcune “padellate” abbiamo raggiunto i nonni all’interno dove abbiamo intonato diverse canzoni (chiediamo umilmente perdono per le immancabili stonature) del repertorio alpino mentre le castagne venivano distribuite ed apprezzate. Un ringraziamento particolare alle operatrici Simona, Valentina, Mara (e tutte le altre di cui non ricordo il nome) per la disponibilità e l’affetto come sempre dimostrato nei confronti degli ospiti e un arrivederci alla prossima occasione.

Postato da morang il (53 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Mario Rigoni Stern (Dicembre 2023)
Gruppo

Mario Rigoni Stern   Scrittore ed Alpino

 

Riuscitissima serata quella di venerdì 3 novembre su “Mario Rigoni Stern - Scrittore ed Alpino”. Il Professor Giancarlo Restelli è riuscito a coinvolgere l’affollata platea nel racconto delle vicissitudini degli alpini durante la ritirata di Russia attraverso la lettura e il commento di alcune pagine del libro di Mario Rigoni Stern," il Sergente nella Neve".  La descrizione delle vicende belliche in Russia (allora Unione Sovietica)  del Corpo di spedizione italiana in Russia CSIR prima e successivamente nel 1942 dell’Armata italiana in Russia ARMIR e la rappresentazione grafica dello schieramento delle divisioni alpine Tridentina, Julia e  Cuneense nell’ambito dell’ottava armata italiana dell’ARMIR, sono state il quadro per la comprensione dello scenario in cui si sviluppa il romanzo. Le divisioni furono impiegate inizialmente per favorire l’accesso al Caucaso,  zona ricca di petrolio, delle truppe tedesche e successivamente, dopo la battaglia di Stalingrado, schierate lungo il Don in  uno scenario bellico di oltre 270 chilometri di lunghezza. Dopo aspri combattimenti con le soverchianti forze nemiche armate tra l’altro con i potenti carri armati di 28 tonnellate contro i carri italiani di sole 3 tonnellate,  le divisioni alpine furono sacrificate in quanto truppe particolarmente resistenti, per consentire il ripiegamento di altri soldati, anche di diversa nazionalità, dal teatro di guerra.  Ed è nel Natale del 1942 che inizia il romanzo di Rigoni Stern con le pagine che raccontano la delusione  e l’amarezza per essere stati destinati a un simile sacrificio senza essere stati avvisati preventivamente della decisione della ritirata.

Postato da morang il (54 letture)
(Leggi Tutto... | 4545 bytes aggiuntivi | commenti? | Voto: 0)



652 articoli totali
(22 pagine - 30 articoli per pagina)

Vai alla pagina

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22
Calendario Eventi
Luglio 2024
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
Nessun evento oggi.

Notiziario
Documento senza titolo
Ultimo numero del notiziario Luglio 2024

www.ana.it
Documento senza titolo
Visita il portale ufficiale dell'Associazione Nazionale Alpini

ana.milano.it
Documento senza titolo
Dalla sezione

Veci e Bocia
Documento senza titolo
Leggi il notiziario della Sezione

WikiPedia
Cerca in WikiPedia

made for PHP-Nuke
by Claus Bamberg


Sondaggio
Cosa pensi di questo sito?

Ummmm, niente male
Bello
Orribile
Il migliore!
Discreto



Risultati
Sondaggi

Voti: 52
Commenti: 78


 
Web site powered by PHP-Nuke Versione WL-Nuke a cura di Weblord.it

All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2007 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
Engine PHP-Nuke - Powered by WL-Nuke