Ana Sezione di Milano - Content
xxx
Associazione Nazionale Alpini - Gruppo di San Vittore Olona- Via Alfieri - 20028 San Vittore Olona (MI) tel: 3333450040 - sanvittoreolona.milano@ana.it
Visita il sito
 Il Gruppo :
 Home
 Dove Siamo
 Storia del Gruppo

 Attivitą :
 Protezione Civile
 Squadra Intervento Alpino
 Scuole

 Mediateca :
 Immagini
 Biblioteca
 Archivio Articoli
 Archivio Notiziari

 Statistiche
 Web Links
 

 Downloads

Aggiungi ai preferiti

Contatta il webmaster
12:28:31
Data : 06-10-2022
GMT : +0200

 Cerca :
 Cerca nel sito :



 Cerca fuori :






pagine viste dal September 2007

 Linkaci :


Gruppo Alpini San Vittore Olona


User Info
Benvenuto, Anonymous
Nickname
Password
Codice di Sicurezza: Codice di Sicurezza
Digita il codice di sicurezza

(Registrare)
Iscrizione:
più tardi: henryk55
News di oggi: 0
News di ieri: 0
Complessivo: 82

Persone Online:
Visitatori: 260
Iscritti: 0
Totale: 260

40° Anniversario al S. Matteo (Ottobre 2014)
Postato il di morang

Gruppo

40° PELLEGRINAGGIO AL S. MATTEO

Domenica 17 agosto, organizzato dal Gruppo A.N.A. Valfurva della Sezione Valtellinese, si è svolto il 40° Pellegrinaggio al monte S. Matteo in ricordo dei tanti giovani, di entrambe le parti in conflitto, che 100 anni fa lasciarono la propria vita su queste montagne. Il programma prevedeva una salita alle ore 6 dal Rifugio Berni in prossimità del Passo Gavia fino al Bivacco Battaglione Skiatori Monte Ortles posto a 3.122 mt. dove sarebbe stata celebrata la S. Messa al campo e successivamente in veloce discesa, ritorno a valle (per modo di dire…) per la cerimonia ufficiale con i discorsi ed una nuova funzione religiosa.  Essendo in quel periodo ospiti del Campeggio a Santa Caterina Valfurva il sottoscritto, Angelo, Enrico e mio figlio Andrea avevamo programmato che il bocia partecipasse alla parte “alpinistica” riportando poi a noi il Gagliardetto per la parte ufficiale senonché il diavolo ci ha messo lo zampino facendo arrivare in loco l’amico Elia del Gruppo di Ceriano Laghetto accompagnato dalla morosa Giorgia e così tra una cosa e l’altra decidevamo alla fine di andare tutti quanti ad entrambi gli appuntamenti.



Sveglia all’alba quindi e la piacevole sorpresa di trovare una delle rare belle giornate di tutta l’estate che ci ha fatto dimenticare la levataccia dandoci la carica per partire in perfetto orario sulla tabella di marcia e tra una battuta e l’altra ci siamo ritrovati in largo anticipo al Bivacco dove gli amici del Gruppo locale che avevano passato la notte lassù accoglievano gli ospiti con bevande di vario gusto… Il tempo di prendere fiato e mangiare qualcosa ed in perfetto orario alle ore 9 il parroco Don Andrea iniziava la celebrazione in un panorama davvero unico, circondati come eravamo da una catena ininterrotta di montagne innevate con una visuale di 360° sull’Adamello, il S. Matteo, il Gran Zebrù, il Tresero e le decine di cime che formavano uno scenario di incredibile bellezza e maestosità così come lo avevano osservato i Veci di vent’anni dislocati allora su quelle cenge. Durante la S. Messa guardando i presenti non potevo fare a meno di immaginarli trasformati negli alpini e nei loro “nemici” di un tempo uniti dallo stesso destino, costretti a vivere non per una sola mattina, ma per lunghi mesi in condizioni estreme e a volte disumane lottando contro l’uomo e soprattutto la natura, aspettando probabilmente momenti come quello che stavamo vivendo noi per riappacificarsi con il mondo se è vero quanto si dice che in occasione di un Natale i militari degli opposti eserciti abbiano condiviso per una notte la stessa funzione religiosa siglando una tregua non scritta, ma dettata dal desiderio di pace e normalità anche perché in quella guerra spesso su fronti opposti si trovavano amici di caccia, di lavoro e a volte addirittura famigliari. E’ stata una grande emozione che ha preso un po’ tutti culminata al termine della Messa in uno spontaneo quanto improvvisato “Signore delle Cime” cantato da tutti con grande partecipazione, a mio modesto parere uno dei più belli che abbia mai sentito cantare e dentro di me ho voluto dedicarlo a quei ragazzi che non sono più tornati e che certamente ci stavano ascoltando cominciando dal Capitano Arnaldo Berni che con i suoi alpini da oltre un secolo riposa tra quelle nevi quasi a presidiare in eterno le postazioni a lui affidate. Riposti Vessilli e gagliardetti ci si rimetteva rapidamente in cammino per tornare al Rifugio Berni dove alle 12 si è svolta la cerimonia ufficiale con l’intervento delle autorità presenti e la partecipazione di numerosi rappresentanti di Associazioni che hanno seguito l’intera cerimonia mentre un’aria gelida iniziava a scendere dalle cime presagio di una nuova ondata di maltempo che puntualmente ci ha raggiunto in serata  ma questa è un’altra storia, per quel giorno non possiamo che sentirci più che soddisfatti.

Franco


 
Links Correlati
· Inoltre Gruppo
· News by morang


Articolo più letto relativo a Gruppo:
Curiositą (Maggio 2015)


Valutazione Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente


Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


"40° Anniversario al S. Matteo (Ottobre 2014)" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

 
Web site powered by PHP-Nuke Versione WL-Nuke a cura di Weblord.it

All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2007 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
Engine PHP-Nuke - Powered by WL-Nuke