Ana Sezione di Milano - Content
xxx
Associazione Nazionale Alpini - Gruppo di San Vittore Olona- Via Alfieri - 20028 San Vittore Olona (MI) tel: 3333450040 - sanvittoreolona.milano@ana.it
Visita il sito
 Il Gruppo :
 Home
 Dove Siamo
 Storia del Gruppo

 Attivitą :
 Protezione Civile
 Squadra Intervento Alpino
 Scuole

 Mediateca :
 Immagini
 Biblioteca
 Archivio Articoli
 Archivio Notiziari

 Statistiche
 Web Links
 

 Downloads

Aggiungi ai preferiti

Contatta il webmaster
15:02:13
Data : 29-11-2021
GMT : +0100

 Cerca :
 Cerca nel sito :



 Cerca fuori :






pagine viste dal September 2007

 Linkaci :


Gruppo Alpini San Vittore Olona


User Info
Benvenuto, Anonymous
Nickname
Password
Codice di Sicurezza: Codice di Sicurezza
Digita il codice di sicurezza

(Registrare)
Iscrizione:
più tardi: normanveltri4756
News di oggi: 0
News di ieri: 0
Complessivo: 77

Persone Online:
Visitatori: 111
Iscritti: 0
Totale: 111

Alluvione in Emilia (Gennaio 2021)
Postato il di morang

Protezione Civile

ALLUVIONE IN EMILIA

 

Giovedì  10 dicembre, mentre con altri volontari alpini, stavamo facendo ritorno al 3P dopo essere stati per un servizio a Varese dove, presso la Casa Circondariale, avevamo sostituito una tenda adibita al controllo tampone COVID riservato ai reclusi che era letteralmente crollata a causa della nevicata dei giorni precedenti, arrivava la richiesta di intervento a Nonantola, paese di 16.000 abitanti ad una decina di Km. da Modena dove l’esondazione del fiume Panaro e di alcuni torrenti suoi affluenti aveva provocato una devastante alluvione. Il tempo di rientrare a casa, preparare la borsa e subito ritorno a Cesano Maderno dove era fissato il punto di ritrovo per i volontari della Lombardia facenti parte del 2° raggruppamento che, inquadrati in colonna, verso le 19 partivano alla volta dell’Emilia dove si arrivava  verso le 22,30 nella zona di Formigine dove era stato predisposto il pernottamento. Dopo la cena, un briefing fissava la sveglia alle 6 del mattino successivo per la colazione e partenza per le zone alluvionate che raggiungevamo l’indomani nel piazzale antistante l’Istituto Comprensivo che anche dall’esterno recava i segni della devastante ondata che aveva raggiunto il metro e mezzo di altezza all’interno delle aule e che, ritiratasi l’acqua, lasciava a terra una patina di una ventina di cm. di fango che aveva impregnato tutto quello che era posato a terra, dai computer, alle cassettiere, agli armadi, alle attrezzature da cucina, oltre a banchi, cattedre, giochi fino alle trombe degli ascensori letteralmente sommerse e successivamente svuotate, per non contare tutte le prese elettriche che per 24 ore erano rimaste sommerse.



E’ stato veramente un lavoro titanico anche perché quando pensavi di avere risolto un problema in una tale zona, ti accorgevi che era rimasto un ripostiglio, un anfratto o qualcos’altro che nella frenesia del fare non avevi notato e quindi si ricominciava a pulire mentre altre squadre si impegnavano a lavare e pulire banchi e sedie prima di riportarle all’interno. La cosa positiva è stata la presenza di un buon numero di volontari che, se anche di due diverse associazioni, hanno dimostrato di sapere e potere coordinarsi tra di loro interagendo ed aiutandosi a vicenda a seconda delle situazioni che si presentavano. Arrivata la sera, si faceva ritorno a Formigine per una doverosa doccia, la cena ed un meritato riposo con l’appuntamento l’indomani per riprendere i lavori nella scuola oramai messa quasi a posto ed aiutando il personale scolastico a ripristinare nei limiti del possibile quanto necessario per una ripresa dell’attività scolastica nella settimana successiva. Terminato l’intervento in quel plesso scolastico ci spostavamo nell’edificio adiacente dove, nello scantinato delle Scuole Medie, era ubicato il deposito comunale posto in un gigantesco scantinato a circa due metri sotto il livello stradale …e non vi dico la quantità di materiale stipato nel corso degli anni in quello spazio che era finito letteralmente sottoterra ed acqua e che con l’ausilio di mezzi di spurgo industriali abbiamo liberato per poi procedere praticamente a mano in quanto, vista la minuscola via di entrata che non permetteva l’ingresso ai mezzi, si poteva fare affidamento solo …sulle braccia. Un ulteriore motivo di preoccupazione era dato dal fatto che all’interno dello scantinato c’era un’area riservata al deposito di centinaia di reperti archeologici derivanti da precedenti scavi e ricerche in una zona considerata fra le più importanti strutture insediative del medioevo italiano e che costringeva noi, rozzi volontari abituati a lavorare a testa bassa, a fare ulteriore attenzione a quello che avevamo fra le mani coadiuvando gli specialisti presenti che ripulivano uno ad uno i reperti che tornavano alla luce. Arrivata la sera, ripuliti i mezzi utilizzati, caricati i camion e dopo essersi lavati almeno le mani, riprendevamo la via del ritorno con  un augurio a questi nostri nuovi amici di poter riprendere al più presto la propria normale, ma tanto bella, vita.

 

Franco


 
Links Correlati
· Inoltre Protezione Civile
· News by morang


Articolo più letto relativo a Protezione Civile:
Riunione annuale del nucleo di P.C. sezionale (Gennaio 2015)


Valutazione Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente


Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Argomenti Correlati

Protezione Civile

"Alluvione in Emilia (Gennaio 2021)" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

 
Web site powered by PHP-Nuke Versione WL-Nuke a cura di Weblord.it

All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2007 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
Engine PHP-Nuke - Powered by WL-Nuke