Ana Sezione di Milano - Content
xxx
Associazione Nazionale Alpini - Gruppo di San Vittore Olona- Via Alfieri - 20028 San Vittore Olona (MI) tel: 3333450040 - sanvittoreolona.milano@ana.it
Visita il sito
 Il Gruppo :
 Home
 Dove Siamo
 Storia del Gruppo

 Attivitą :
 Protezione Civile
 Squadra Intervento Alpino
 Scuole

 Mediateca :
 Immagini
 Biblioteca
 Archivio Articoli
 Archivio Notiziari

 Statistiche
 Web Links
 

 Downloads

Aggiungi ai preferiti

Contatta il webmaster
11:00:16
Data : 17-04-2024
GMT : +0200

 Cerca :
 Cerca nel sito :



 Cerca fuori :






pagine viste dal September 2007

 Linkaci :


Gruppo Alpini San Vittore Olona


User Info
Benvenuto, Anonymous
Nickname
Password
Codice di Sicurezza: Codice di Sicurezza
Digita il codice di sicurezza

(Registrare)
Iscrizione:
più tardi: MistyPayne
News di oggi: 0
News di ieri: 0
Complessivo: 83

Persone Online:
Visitatori: 80
Iscritti: 0
Totale: 80

Con le scuole a cima Grappa (Novembre 2023)
Postato il di morang

Protezione Civile

CON LE SCUOLE A CIMA GRAPPA

L’articolo 2 dello Statuto dell’Associazione Nazionale Alpini recita nella voce “Scopi”: “Tenere vive e tramandare le tradizioni degli Alpini, difenderne le caratteristiche, illustrarne le glorie e le gesta” ed in senso lato per quanto riguarda glorie e gesta penso che il discorso si possa allargare al sacrificio di ogni soldato, di ogni arma e di ogni esercito, caduto compiendo il proprio dovere. E’ con questo spirito che sabato 30 settembre alcuni soci della S.I.A. insieme ad alpini dei Gruppi di Melzo e Cernusco Sul Naviglio hanno accompagnato una classe, esattamente la 4°C del Liceo Machiavelli di Pioltello accompagnata delle insegnanti Arianna Zanotti e Paola Guidotti (Paola tra l’altro è volontaria della nostra P.C. sezionale), ad una visita di notevole interesse storico al Sacrario Militare del Monte Grappa dove riposano i Resti di 22.950 soldati sia italiani che austroungarici dei quali solo 2.578 identificati, tutti vittime dello stesso tragico destino che oltre un secolo fa li vide nemici su opposti fronti e che ora li accomuna nella pace eterna. Naturalmente, vista la distanza, la partenza si è svolta a un’ora antelucana e puntualmente alle 6 l’autobus ha imboccato la lunga strada che in poco più di 4 ore ci ha condotto al posteggio del Sacrario posto al termine della spettacolare Strada Cadorna, viaggio intervallato dagli interventi di due alpini che hanno illustrato il contesto storico che ha preceduto la costruzione del mausoleo e le caratteristiche dello stesso. Giunti sul posto siamo stati accolti da Fidenzio Grego un alpino della Sezione “Monte Grappa” che ci ha fatto da guida per tutta la mattinata spiegandoci con dovizia di particolari ed aneddoti sia la storia del Sacrario che le vicende belliche che si sono succedute su quella montagna che si è guadagnata l’appellativo di “Sacra alla Patria”.



Abbiamo visitato per primo il settore Nord che ospita l’ossario austroungarico con i suoi 10.295 Caduti con una sosta particolare davanti alla tomba del soldato Peter Pan un ragazzo ungherese di 21 anni davanti alla lapide del quale, come tradizione vuole, i ragazzi hanno deposto sassolini e conchiglie come quelle trovategli addosso dopo la sua morte e successivamente siamo scesi nel vallone sottostante per visitare le trincee e le gallerie dove si appostavano i soldati e gli addetti ai pezzi di artiglieria. Risaliti in vetta, abbiamo poi sostato davanti al Portale Roma sul quale è scolpita la frase “Monte Grappa tu sei la mia Patria” il primo verso della Canzone del Grappa e successivamente, inquadrati con i ragazzi che reggevano una corona di alloro, abbiamo percorso in silenzioso corteo la Via Eroica lunga 300 metri con a lato i 14 grandi cippi recanti i nomi delle cime teatro di guerra sino ad arrivare all’ossario italiano, luogo di riposo di 12.615 Caduti, dove al centro sorge il sacello della Madonna del Grappa, la Vergine Ausiliatrice posta sulla vetta il 4 agosto 1901 dal futuro Papa Pio X e proprio lì di fronte abbiamo improvvisato una cerimonia molto sentita e coinvolgente insieme ad un altro gruppo di studenti che si sono uniti ai “nostri”, tutti schierati in religioso silenzio, alla presenza anche del Vice Presidente della Sezione Monte Grappa che per dovere di ospitalità mi ha concesso l’onore di recitare la Preghiera dell’Alpino seguita dal canto “Signore delle Cime”. La corona di alloro dopo un viaggio di centinaia di Km. è stata infine deposta sulla tomba del Generale Gaetano Giardino che qui comandò l’Armata del Grappa portandola alla vittoria finale e che qui volle essere sepolto insieme ai suoi soldati in onore dei quali abbiamo cantato tutti insieme l’Inno di Mameli. Terminata la visita storica abbiamo potuto godere, complice la giornata eccezionalmente bella e calda, di un panorama mozzafiato dai 1.176 mt. di quota dove la vista spaziava dall’altopiano di Asiago, alle vette feltrine, dal Monte Pavione alle cime dolomitiche con le Pale di San Martino e all’immensa pianura sottostante che avrebbe costituito in caso di vittoria nemica una via d’accesso sicura verso il mare e la pianura padana, rischio scongiurato grazie al sacrificio di questi nostri sfortunati fratelli la maggior parte dei quali di età poco superiore a quella dei ragazzi che accompagnavamo. La splendida giornata ci ha consentito di consumare il pranzo al sacco nella bella area pic-nic all’aperto di fronte al Rifugio Bassano e il momento conviviale ha rinsaldato il clima di amicizia fra alpini e ragazzi fra l’altro già conosciuti durante l’escursione valdostana dello scorso aprile, sino a quando è balenata l’idea di un cambio di programma con richiesta particolare al gentilissimo autista dell’autobus che ha acconsentito ad anticipare la partenza con sosta fuori programma a Bassano del Grappa dove abbiamo visitato la città e sostato naturalmente, e non poteva essere altrimenti, sul mitico Ponte degli Alpini con foto ricordo e sorpresa dei tanti turisti che sul “loro” ponte hanno visto i padroni di casa. Ma oramai la giornata volgeva al termine e risaliti sul bus ci siamo sciroppati un bel viaggio di ritorno con code autostradali incorporate che a sera ci ha ricondotti a Pioltello dove i genitori attendevano i nostri giovani amici che abbiamo salutato con affetto e un arrivederci magari in altre occasioni, certi comunque di avere contribuito a lasciare qualcosa in fondo al cuore delle ragazze e ragazzi con questa giornata che è stata non una gita ma parte di un percorso umano che non può che averli arricchiti. Un ringraziamento particolare alle insegnanti Paola e Arianna per la dedizione con cui svolgono il loro lavoro e la pazienza dimostrata con tutti, specialmente con gli alpini.

Franco Maggioni


 
Links Correlati
· Inoltre Protezione Civile
· News by morang


Articolo più letto relativo a Protezione Civile:
Riunione annuale del nucleo di P.C. sezionale (Gennaio 2015)


Valutazione Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente


Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Argomenti Correlati

Protezione Civile

"Con le scuole a cima Grappa (Novembre 2023)" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

 
Web site powered by PHP-Nuke Versione WL-Nuke a cura di Weblord.it

All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2007 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
Engine PHP-Nuke - Powered by WL-Nuke