Ana Sezione di Milano - Content
xxx
Associazione Nazionale Alpini - Gruppo di San Vittore Olona- Via Alfieri - 20028 San Vittore Olona (MI) tel: 3333450040 - sanvittoreolona.milano@ana.it
Visita il sito
 Il Gruppo :
 Home
 Dove Siamo
 Storia del Gruppo

 Attivitą :
 Protezione Civile
 Squadra Intervento Alpino
 Scuole

 Mediateca :
 Immagini
 Biblioteca
 Archivio Articoli
 Archivio Notiziari

 Statistiche
 Web Links
 

 Downloads

Aggiungi ai preferiti

Contatta il webmaster
10:59:40
Data : 17-04-2024
GMT : +0200

 Cerca :
 Cerca nel sito :



 Cerca fuori :






pagine viste dal September 2007

 Linkaci :


Gruppo Alpini San Vittore Olona


User Info
Benvenuto, Anonymous
Nickname
Password
Codice di Sicurezza: Codice di Sicurezza
Digita il codice di sicurezza

(Registrare)
Iscrizione:
più tardi: MistyPayne
News di oggi: 0
News di ieri: 0
Complessivo: 83

Persone Online:
Visitatori: 80
Iscritti: 0
Totale: 80

Protezione Civile (Febbraio 2024)
Postato il di morang

Protezione Civile

PROTEZIONE CIVILE: CORSO HCP


Nell’ambito delle normative dettate dal Dipartimento di P.C. e dalla Regione Lombardia, si è tenuta nella giornata di sabato 20 gennaio presso l’aula-studio del 3P di Cesano Maderno un corso Idro Alto Pompaggio HCP (Higt Capacity Pumping) riservato ai Volontari del 2° Raggruppamento (Lombardia ed Emilia Romagna) già in possesso dei requisiti del corso idrogeologico base e finalizzato all’utilizzo delle motopompe GODWIN con capacità di utilizzo fino a 500 metri-cubi all’ora. La presenza a questo corso è stata preceduta dalla compilazione nei giorni precedenti di un questionario riportante la disponibilità dei volontari all’intervento H24 e la partenza entro le 24 ore dalla chiamata in caso di calamità. Erano presenti 25 volontari che sotto la guida dei due docenti Paolo Brambilla e Luca Vianello hanno impegnato la mattinata con la parte teorica riguardante il corretto utilizzo, le prestazioni delle macchine, il comportamento da tenere durante le emergenze anche sotto il profilo della responsabilità accentuata dalle dimensioni dei macchinari e delle attrezzature utilizzate, forti anche dell’esperienza maturata sul campo nel corso dello scorso anno con gli interventi a Bagnacavallo in Emilia Romagna e a Campi Bisenzio in Toscana zone gravemente colpite dalle terribili inondazioni. Infatti possiamo studiare, prevenire ed immaginare ciò che bisogna fare, ma è dall’esperienza sul campo che scaturiscono le criticità e i problemi reali che, a bocce ferme, vengono analizzati, risolti ed entrano a far parte delle regole e comportamenti da applicare in futuro. Prima di iniziare il corso è intervenuto il coordinatore del 2° Raggruppamento, Ettore Avietti, che ha portato il saluto è l’augurio per la giornata rimarcando l’importanza di una formazione adeguata all’impiego operativo perché ora più che mai non è più possibile intervenire armati della sola buona volontà ma occorre essere formati, essere in possesso dei brevetti richiesti dalla legge e rispettare le disposizioni in materia antinfortunistica, unico modo questo per essere sempre in regola e per non rischiare di diventare a nostra volta parte del problema che dovremmo risolvere.



Si è infatti parlato dei sistemi di collegamento, delle tubazioni e dei filtri e delle rispettive caratteristiche tecniche, della sicurezza del cantiere, del rumore e della movimentazione dei carichi, dei ruoli degli operatori e dei calcoli di portate e perdite sulla linea. Grazie alla capacità oratoria dei docenti il tempo nella mattinata è trascorso velocemente e avvicinandosi l’ora del ristoro, ci siamo portati al piano terra dove nella sala mensa le volontarie addette alla cucina avevano allestito il “rancio” che è stato apprezzato da tutti i presenti, al termine del quale siamo usciti nel piazzale esterno dove, suddivisi in due squadre, sono state effettuate le prove pratiche con la stesura delle linee di pompaggio collegate alle “bestie”, le motopompe ad alta capacità Godwin, simulando un intervento compreso l’utilizzo delle attrezzature atte a consentire la circolazione anche di mezzi pesanti sopra le grandi manichette collegate alle macchine anche se la temperatura veramente bassa ha sconsigliato l’uso effettivo dell’acqua. Terminata questa parte del corso siamo ritornati in aula dove ci sono stati consegnati i fascicoli per effettuare il test di valutazione che rimarcava tutte le nozioni apprese nel corso della giornata, terminato il quale è scattata la fase saluti specialmente agli amici che venivano da lontano e che si accingevano a fare rientro a casa, tutti comunque consapevoli dell’importanza di questi corsi volti ad assicurare e mettere in atto la regola primaria di ogni intervento: la sicurezza degli operatori per poter meglio portare aiuto a chi ne ha bisogno.

Franco Maggioni


 
Links Correlati
· Inoltre Protezione Civile
· News by morang


Articolo più letto relativo a Protezione Civile:
Riunione annuale del nucleo di P.C. sezionale (Gennaio 2015)


Valutazione Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente


Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Argomenti Correlati

Protezione Civile

"Protezione Civile (Febbraio 2024)" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

 
Web site powered by PHP-Nuke Versione WL-Nuke a cura di Weblord.it

All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2007 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
Engine PHP-Nuke - Powered by WL-Nuke