Ana Sezione di Milano - Content
xxx
Associazione Nazionale Alpini - Gruppo di San Vittore Olona- Via Alfieri - 20028 San Vittore Olona (MI) tel: 3333450040 - sanvittoreolona.milano@ana.it
Visita il sito
 Il Gruppo :
 Home
 Dove Siamo
 Storia del Gruppo

 Attività :
 Protezione Civile
 Squadra Intervento Alpino
 Scuole

 Mediateca :
 Immagini
 Biblioteca
 Archivio Articoli
 Archivio Notiziari

 Statistiche
 Web Links
 

 Downloads

Aggiungi ai preferiti

Contatta il webmaster
04:36:23
Data : 14-06-2024
GMT : +0200

 Cerca :
 Cerca nel sito :



 Cerca fuori :






pagine viste dal September 2007

 Linkaci :


Gruppo Alpini San Vittore Olona


User Info
Benvenuto, Anonymous
Nickname
Password
Codice di Sicurezza: Codice di Sicurezza
Digita il codice di sicurezza

(Registrare)
Iscrizione:
più tardi: MistyPayne
News di oggi: 0
News di ieri: 0
Complessivo: 83

Persone Online:
Visitatori: 274
Iscritti: 0
Totale: 274

Con le scuole a cima Grappa (Novembre 2023)
Protezione Civile

CON LE SCUOLE A CIMA GRAPPA

L’articolo 2 dello Statuto dell’Associazione Nazionale Alpini recita nella voce “Scopi”: “Tenere vive e tramandare le tradizioni degli Alpini, difenderne le caratteristiche, illustrarne le glorie e le gesta” ed in senso lato per quanto riguarda glorie e gesta penso che il discorso si possa allargare al sacrificio di ogni soldato, di ogni arma e di ogni esercito, caduto compiendo il proprio dovere. E’ con questo spirito che sabato 30 settembre alcuni soci della S.I.A. insieme ad alpini dei Gruppi di Melzo e Cernusco Sul Naviglio hanno accompagnato una classe, esattamente la 4°C del Liceo Machiavelli di Pioltello accompagnata delle insegnanti Arianna Zanotti e Paola Guidotti (Paola tra l’altro è volontaria della nostra P.C. sezionale), ad una visita di notevole interesse storico al Sacrario Militare del Monte Grappa dove riposano i Resti di 22.950 soldati sia italiani che austroungarici dei quali solo 2.578 identificati, tutti vittime dello stesso tragico destino che oltre un secolo fa li vide nemici su opposti fronti e che ora li accomuna nella pace eterna. Naturalmente, vista la distanza, la partenza si è svolta a un’ora antelucana e puntualmente alle 6 l’autobus ha imboccato la lunga strada che in poco più di 4 ore ci ha condotto al posteggio del Sacrario posto al termine della spettacolare Strada Cadorna, viaggio intervallato dagli interventi di due alpini che hanno illustrato il contesto storico che ha preceduto la costruzione del mausoleo e le caratteristiche dello stesso. Giunti sul posto siamo stati accolti da Fidenzio Grego un alpino della Sezione “Monte Grappa” che ci ha fatto da guida per tutta la mattinata spiegandoci con dovizia di particolari ed aneddoti sia la storia del Sacrario che le vicende belliche che si sono succedute su quella montagna che si è guadagnata l’appellativo di “Sacra alla Patria”.

Postato da morang il (51 letture)
(Leggi Tutto... | 6960 bytes aggiuntivi | commenti? | Voto: 0)



Giornata della Protezione Civile Regionale (Ottobre 2023)
Protezione Civile

GIORNATA DELLA PROTEZIONE CIVILE REGIONALE

Sabato 23 settembre in occasione della festività di San Pio da Pietrelcina, patrono della Protezione Civile, la Regione Lombardia si è fatta promotrice di una giornata dedicata al ringraziamento dei 1.600 volontari lombardi che nel periodo di maggio e giugno sono stati impegnati nell’emergenza nelle zone dell’Emilia Romagna colpite dalla tremenda alluvione, in rappresentanza degli oltre 24.000 volontari che costituiscono la forza della Protezione Civile lombarda. Erano presenti alla cerimonia, svoltasi a Palazzo Lombardia,  numerose delle 260 associazioni coinvolte, e i rappresentanti dei tre comuni gemellati con i confratelli romagnoli, nonché le delegazioni dei comuni colpiti che hanno voluto testimoniare con la loro presenza la riconoscenza dei loro concittadini per l’aiuto ricevuto nel corso di questa calamità che ha profondamente segnato un intero territorio che ancora adesso sta facendo i conti con quanto è accaduto. Puntualmente alle 10 si è aperta la cerimonia con l’Inno di Mameli cantato da tutti i presenti seguito dagli interventi dell’Assessore regionale alla Protezione Civile La Russa e dal Presidente del Consiglio Regionale Romani che hanno rivolto parole di ringraziamento ed elogio a quanti si sono prodigati nell’emergenza non solo nel quadro della Romagna ma anche per tutte le iniziative che nell’ultimo anno ci hanno visto operare dall’aiuto ai profughi ucraini, al COVID sino agli ultimi interventi per il maltempo gli ultimi dei quali risalenti a solo poche ore prima. A seguire quello del Capo della Protezione Civile nazionale della P.C. Fabrizio Curcio che ha sottolineato l’importanza della prevenzione e dell’addestramento che deve essere alla base di ogni intervento per far si di poter operare tempestivamente e soprattutto in sicurezza ogni qualvolta si viene chiamati ad operare, così come i successivi oratori rappresentanti della città metropolitana e comunale che hanno rimarcato l’importanza del volontariato che essendo completamente gratuito e volontario costituisce una marcia in più perché svolto da persone che si impegnano operando col cuore prima che con le mani. Molto toccanti sono stati gli interventi dei rappresentanti dei comuni colpiti che hanno visto operare i volontari lombardi sul loro territorio come Sant’Agata del Santerno, Bagnacavallo, Massalombarda che hanno portato il ringraziamento delle loro genti per la solidarietà e l’aiuto, non solo “fisico” ricevuto in un frangente così tragico. Al termine di tutti gli interventi sono stati consegnati ai rappresentanti di tutte le Associazioni presenti gli attestati di ringraziamento per l’opera svolta e per tutto il lavoro che ancora resta da fare, soprattutto per quanto riguarda l’addestramento costante per farsi trovare pronti nelle calamità che purtroppo con sempre maggiore frequenza colpiscono le nostre comunità.

Franco

Postato da morang il (89 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Miniraduni in montagna (Ottobre 2023)
Gruppo

Miniraduni in montagna

 

Così si possono definire le feste alpine che si susseguono nelle diverse località montane durante tutto il periodo estivo e autunnale. Senza voler nulla togliere agli incontri che si svolgono in altre località, quelle in montagna hanno una loro caratterizzazione particolare. Indubbiamente l’ambiente montano crea le condizioni ideali per questi appuntamenti, ma è lo spirito della gente di montagna che li rende unici. Sono appuntamenti aspettati per tutto l’anno dalle persone del luogo come i più importanti fra le poche occasioni che hanno per incontrarsi, stare insieme in allegria, passare una giornata di festa. E gli alpini sanno interpretare nella maniera migliore lo spirito di attesa e di partecipazione. I Gruppi Alpini del posto si danno da fare, come di consueto, per organizzare questi appuntamenti, spesso gareggiando per dimostrare di aver organizzato la festa migliore. Accade così che il Gruppo Alpini della frazione di un comune organizzi la festa migliore del Gruppo Alpini del comune stesso: si perché in queste località addirittura coesistono nello stesso piccolo comune più Gruppi Alpini! La festa si tiene normalmente in un luogo fuori dal paese, spesso accanto a chiesette o cippi commemorativi degli Alpini. Nel tempo questi luoghi sono anche migliorati sotto il profilo logistico e organizzativo ma quello che li caratterizza è lo scenario alpino che rende ancora più particolare e suggestiva la manifestazione. I preparativi iniziano diversi giorni prima con l’imbandieramento del paese, la pubblicazione delle locandine con il programma della festa, la raccolta di generi alimentari che le aziende agricole locali offrono  volentieri per la manifestazione. Nel tempo questi appuntamenti si sono anche arricchiti di incontri culturali quali mostre e convegni relativi all’ambiente alpino e alla vita in montagna. Il giorno della festa è preceduto da una serata in cui si esibiscono diversi cori e, fra un coro e l’altro, si inizia a “carburare “ la manifestazione! La sfilata dei gagliardetti di tutti i Gruppi Alpini della valle apre il corteo accompagnato dal “33” suonato dalla banda del paese (con qualche piccola stonatura che rende ancora più “rustica”la manifestazione).

Postato da morang il (79 letture)
(Leggi Tutto... | 5668 bytes aggiuntivi | commenti? | Voto: 0)



Dalla redazione (Ottobre 2023)
Gruppo

DALLA REDAZIONE

 L’altra sera, venerdì 22 u.s. in sede c’era un po’ di “ accidenti ”, niente di grave ma il problema c’era ed era da risolvere. Cosa scriviamo sul prossimo numero? Tu cosa hai preparato, e tu? silenzio. In sostanza manca la materia prima per il numero di ottobre. Quasi certamente  il nostro camminatore (Franco) avrà fatto un resoconto sulle ultime sue scorribande sulle Dolomiti, beato lui. Poi vuoto, siamo a “secco”, niente  da pubblicare. Il nostro notiziario, a giusto titolo si può fregiare di essere un veterano con i suoi 37 anni di vita e con  settembre 2023, siamo al numero 425,  non sono bruscolini; inoltre, e da sottolineare, il nostro mensile non ha perso un colpo dalla sua nascita. Agli inizi, la redazione alle prime armi era itinerante e   passando casa per casa   ascoltava  i nostri “veci”, i loro racconti ed esperienze del tempo che fu,  lavoro, guerra o di immigrazione; materiale a non finire,  ultrabbondante per riempire le una/due pagine del nostro neonato  notiziario: le acrobazie per la stampa, poi, erano un’altra cosa; comunque fra un miracolo e l’altro, fino a qui ci siamo arrivati. Ora i tempi sono mutati, sono cambiate le tecniche,    migliorate e, addirittura  semplificate ma … ma mancano le firme, manca chi può dare una mano, manca qualche penna che  scriva qualcosa, non sono richieste tesi di laurea. Qualcuno, fra noi, sicuramente  avrà qualcosa  d’interesse  da raccontarci, qualche stranezza capitata o episodio magari del proprio  servizio militare; io credo che alpinità possa significare anche questo. Addirittura nel nostro “Alpino” troviamo la rubrica “Scritti con la divisa” dove si è invitati a raccontare, a rendere partecipi i soci della corrispondenza dei nostri soldati sparsi in ogni dove,   perché non possiamo farlo anche noi nel  Penna Nera? Se qualche socio guarda in qualche cassetto, in soffitta o fra i ricordi di famiglia sicuramente troverà  qualcosa, che ne so, un diario dal quale “rubare“ qualche pagina che si potrebbe pubblicare nel nostro giornalino. Può essere un’idea, perché non provarci?

                                             PIO       

Postato da morang il (64 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Il nostro futuro (Settembre 2023)
ANA

IL NOSTRO FUTURO

 Venerdì 7 luglio, come da tempo programmata, si è tenuta presso la nostra sede una Assemblea Straordinaria riguardante il nostro futuro associativo che, se è vero che riguarda l’intera Associazione Nazionale Alpini, parte proprio dalla base e cioè dai Gruppi come il nostro che ne sono l’ossatura e struttura portante. Devo dire che malgrado la buona presenza di soci mi aspettavo una maggiore partecipazione perché il tema è fra i più importanti e riguarda tutti noi e va al di la delle Adunate, delle iniziative e delle manifestazioni che sono tutte cose che dipendono direttamente dalla risposta che sapremo dare alla domanda: “Che futuro avremo?” e di conseguenza che futuro avrà la società e le comunità che dagli alpini hanno sempre ricevuto aiuto e sui quali si è sempre potuto contare come esempio civico ed aiuto in calamità ed emergenze. Ebbene il tema affrontato quella sera verteva sul fatto che la sciagurata legge che ha temporaneamente SOSPESO (è giusto ricordare che l’art. 52 della nostra Costituzione non ne consente l’abrogazione) il servizio di leva come l’abbiamo conosciuto ha avuto come conseguenza il blocco di un ricambio generazionale nelle nostre fila, cosa che per oltre un secolo ha permesso all’ A.N.A. di crescere e diventare l’Associazione d’Arma più numerosa al mondo con le ramificazioni al suo interno dalla Protezione Civile, al volontariato, agli incontri con le scolaresche che oramai si dava per scontato sarebbero sempre esistite. Ma questa flusso che è stato interrotto è destinato a ripercuotersi sulla nostra vita associativa e del futuro dell’A.N.A. se ne parla oramai da tanti, troppi anni e le inevitabili decisioni hanno creato due linee di pensiero, una composta da Sezioni come la nostra con un numero limitato di iscritti e dove l’età media sale inesorabilmente senza ricambi che vede assottigliarsi le fila e disponibili ad aprirsi a nuovi scenari, l’altra dalle Sezioni chiaramente poste in aree di grande reclutamento alpino e che contano decine di migliaia di soci che non vedono imminente il “pericolo” anche se a mio avviso questo atteggiamento non è che un procrastinare una situazione che presto o tardi interesserà l’intera Associazione. La domanda che quindi è stata posta ai soci riuniti in Assemblea è stata quella di esprimere un parere riguardo la possibilità di aprirsi all’ingresso di persone che pur non avendo svolto il servizio militare nel Corpo degli Alpini, posseggano le caratteristiche richieste a ognuno di noi per far parte dell’Associazione, per intenderci quelli che da sempre sono chiamati e già iscritti come Amici degli Alpini, percorso che si raggiunge dopo essere ammessi come soci aggregati. Le ultime disposizioni dalla Presidenza Nazionale danno la possibilità ai singoli Gruppi di poter includere nel Consiglio di Gruppo la figura del rappresentante degli Amici con la possibilità di partecipare alle riunioni di Consiglio e per quanto riguarda noi la decisione da parte dei presenti è stata praticamente unanime nell’approvare tale proposta in quanto da sempre i nostri Consigli sono stati aperti a tutti e sinceramente nel nostro caso la presenza e la partecipazione del gruppetto di Amici risulta fondamentale ed indispensabile per la vita e il buon andamento del Gruppo anche se mi auguro con tutto il cuore che questa decisione non deve significare un delegare ulteriormente ad altri ciò che ognuno di noi potrebbe fare, ma sia un rinnovato stimolo per impegnarsi TUTTI ognuno con le proprie possibilità per andare avanti sulla strada che ci hanno indicato i nostri Veci ricordandoci che chiunque può aiutare a portare lo zaino dell’altro quando diventa pesante e la salita si fa più aspra.

                                                                      

                                                                                                                                        Il Capogruppo

Postato da morang il (302 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Anniversario (Settembre 2023)
Gruppo

ANNIVERSARIO

           

 Non ci si pensa  ma è costantemente presente nella nostra vita ‘sto motore del tempo;  non va a benzina o corrente, caspita, sembra   autoalimentato, insomma un fai da te,  gratis,  ma le cose non stanno proprio cosi. Ognuno di noi lo vive nella propria esistenza con una regolarità e scadenza da superare qualsiasi cambiale. I primi anni è tutto un festeggiare poi pian piano questa giornata non si vorrebbe neppur nominare ma  questa data si ripresenta inesorabilmente ogni anno  E’ toccato anche al nostro socio, all’alpino Nuccio Meraviglia,  ottanta cambiali pagate oppure detto con un po’ d’ironica suggestione: un  20 per 4… Gli annali della storia ricordano come il suo servizio militare sia trascorso presso la Brigata Alpina Orobica /Unità Servizi dalla quale fu congedato nel 1965,  insomma  qualche anno fa,   per continuare poi  la sua vita lavorativa nell’ambito calzaturiero. Finalmente è  arrivato al meritato riposo  nell’ambito della sua famiglia  e le frequenti “fughe” in montagna da vero alpino. Recentemente il nostro capogruppo accompagnato da due amici/soci si è recato  a trovarlo per una visita e con una targa ricordo,  non c’è che dire,  80 anni,  un bel traguardo!

                                                              PIO

 

Postato da morang il (59 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Ciao Antonietta (Settembre 2023)
Gruppo

CIAO ANTONIETTA

Lo scorso 24 luglio è venuta a mancare la Sig.ra Antonietta Catozzo, per quanti di noi la conoscevano l’Antonietta. Era la vedova dello storico Segretario del Valle Olona, Giuseppe Bertacco che 50 anni fa affiancava il Capogruppo Brunello nella conduzione del Gruppo ed era sempre presente alle nostre manifestazioni, tanto da diventare Madrina del nostro Gruppo presente alla benedizione del nuovo Gagliardetto e in diverse occasioni prestatasi in cucina per la preparazione dei pranzi sociali. Ultimamente anche se per problemi di salute non poteva più essere presente fisicamente non mancava mai di interessarsi alla nostra vita associativa quando alcuni di noi si recavano a trovarla o a sentirla per telefono. Ora riposa vicino al suo Giuseppe e alla figlia Lia e a tutta la sua famiglia il Gruppo porge le più sentite condoglianze e la promessa che verrà ricordata in occasione della ricorrenza dei defunti quando ci recheremo a ricordare i nostri Veci andati avanti.

Postato da morang il (83 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Uno sguardo al passato (Luglio 2023)
Gruppo

UNO SGUARDO AL PASSATO

Quello della “Cappelletta” è sicuramente stato uno dei più bei periodi della storia recente del nostro Gruppo che nel lontano 1987 vide la corale partecipazione di Soci ed Amici uniti nella realizzazione di questo manufatto eretto con lo scopo di raccogliere i poveri resti dei defunti vittime della terribile pestilenza che nel lontano 1630 fece oltre un milione di vittime e che colpì in modo significativo anche Canegrate contando più di 400 morti su una popolazione di circa 700 persone. La zona adiacente il corso dell’Olona venne utilizzata come luogo di sepoltura e nel corso dei secoli quasi dimenticato sino all’inizio del secolo scorso quando, scavando nel terreno argilloso necessario alla costruzione dei mattoni della nuova fornace, iniziarono a venire alla luce i poveri resti, e qui entriamo in gioco noi alpini che, come sempre a nostre spese e la gratuita ed entusiasta manodopera, in poco tempo realizzammo questa piccola grande opera per dare degna sepoltura a quei lontani fratelli e dopo l’inaugurazione e la relativa consacrazione, per diversi anni abbiamo festeggiato in loco l’evento organizzando le memorabili feste campestri che vedevano la partecipazione di centinaia di persone. Purtroppo l’incedere del tempo e l’inesorabile avanzamento dell’età dei Soci ha interrotto queste manifestazioni sino a questo anno quando un’idea si è fatta largo: perché non tornare, anche se per poco tempo a ritrovarci davanti alla nostra Cappelletta anche se solo per una preghiera? E’ stato cosi che martedì 23 maggio ci siamo nuovamente riuniti sulle rive dell’Olona per la celebrazione del Rosario grazie soprattutto alla disponibilità di Don Nicola, coadiutore della parrocchia di Canegrate che ha coinvolto tutti nella cerimonia con i suoi modi schietti e la carica di simpatia che ha conquistato i presenti e che, restando a sua volta stupito davanti alla Cappelletta della quale ne’ lui ne’ il Parroco erano a conoscenza dell’esistenza, ha prospettato la possibilità di ripetere la bella esperienza il prossimo anno magari in maniera più completa radunando le persone della zona.

F.M.

Postato da morang il (74 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Alluvione in Romagna (Luglio 2023)
Protezione Civile

EMERGENZA ALLUVIONE IN ROMAGNA

E se credevamo che la pioggia ininterrotta che ci ha un po’ rovinato la festa dell’Adunata di Udine fosse una mezza catastrofe, la possiamo considerare una goccia nel mare rispetto a quanto è capitato alle genti dell’Emilia Romagna che si sono trovati a subire una situazione terrificante che ha provocato 15 vittime, migliaia di sfollati e danni per miliardi con una ricaduta sull’economia dell’intera Regione che avrà bisogno di anni per tornare alla normalità. Come sempre i nostri volontari sono stati fra i primi ad accorrere a prestare assistenza e ad intervenire con uomini e mezzi per aiutare la popolazione a liberare strade ed abitazioni dal fango trasportato dall’acqua anche se gli interventi più consistenti si sono potuti effettuare dopo il graduale ritiro di quel mare che nel giro di poche ore ha sommerso oltre 800 Km. quadrati di territorio. Le colonne mobili dell’A.N.A. hanno mobilitato centinaia di volontari e la nostra Sezione è stata operativa nella zona di S. Agata sul Santerno, uno dei paesi maggiormente colpiti e devo dire che personalmente reputo questo uno dei peggiori scenari che ho potuto vedere in quasi 40 anni di Protezione Civile anche perché l’area interessata era veramente vasta. Come sempre intervenire in queste situazioni crea anche un disagio psicologico nel vedere tanta devastazione ed immedesimarsi nella disperazione della gente che ha perso veramente tutto a cominciare dagli oggetti, magari piccole cose, ma ricordi di una vita che purtroppo non ci sono più e che ti mette in difficoltà dovere rimuovere, accatastare e buttare negli enormi mucchi di detriti che venivano poi portati in improvvisate discariche tanto da decidere di perdere del tempo per ripulire pazientemente delle vecchie fotografie letteralmente coperte di fango e riconsegnarle all’anziana signora che guardava sconsolata i muri della sua casa desolatamente svuotata di tutto e sentirsi ringraziare perché erano le foto di suo figlio scomparso e dei suoi nipoti da piccoli. Naturalmente fra di noi, malgrado la situazione non sono mancati i momenti piacevoli, specialmente alla sera quando ci si ritrovava, certamente stanchi ma più puliti e con la voglia di stare insieme, volontari di varie Sezioni accumunati dallo stesso spirito. Al momento di scrivere l’emergenza può dirsi conclusa e le colonne sono rientrate tutte, ma se è vero, come penso che sia, che la natura alla fine presenta sempre il conto c’è da augurarsi veramente che si possa imparare dagli errori e fare in modo di non incorrere più in simili disastri.

Franco Maggioni

Postato da morang il (62 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Vita di Gruppo (Luglio 2023)
Gruppo

VITA DI GRUPPO


Queste quattro righe traggono lo spunto da un momento di convivialità. Eravamo in sede: in uno dei vari capannelli ascoltavo quanto un socio  ci raccontava ossia come avesse dovuto spiegare ad un suo, presumo, conoscente, che l’attività degli Alpini non fosse  quella ed esclusivamente unica  di essere simpatizzanti delle tavolate e dei vari  prodotti etilici ma che gli iscritti dell’ANA si occupassero anche di ben altro. Ho avuto la sensazione che avesse dovuto faticare non poco per contestare le osservazioni che gli venivano fatte  concludendo finalmente,  dopo svariate argomentazioni, che  noi in sede, oltre a ritrovarci armati di forchette e coltelli,  organizziamo anche serate a tema culturale, musicale o di interesse collettivo.  Il suo interlocutore alla fine tirò i remi in barca con la classica affermazione:  ah però, non lo sapevo.   Questo, presumo sia il frutto,  grazie ai mass-media immediatamente pronti a cavalcare notizie pruriginose, vedi l’esperienza dell’Adunata di Rimini o il comportamento di  qualche deficiente, peggio se tesserato “alpino” che, per forza di cose, non manca mai ed ignorare se gli Alpini siano presenti in Emilia Romagna nei terreni alluvionati. Sarei contento se qualcuno mi smentisse. Personalmente nei vari telegiornali non ho visto  finora uno straccio di qualche servizio sulla nostra Protezione Civile Alpina   attualmente presente ed impegnata assieme ai tanti ”angeli del fango” a farsi un mazzo così,    forse per non far torto a nessuno o, diversamente, sarò io che sono poco attento. Riandando alle prime righe a proposito del solito personaggio che ignora: mi sono riguardato il programma del mese di maggio esposto nel nostro mensile “Penna Nera”: riunione mensile  di consiglio con valutazioni di eventuale partecipazione all’Adunata alpina in quel di Udine, a seguire, disnarello in sede, una volta al mese e  ci sta, a seguire un’ altro impegno in quel di Canegrate sulle rive del fiume Olona: recita del S.to Rosario in ricordo dei soci Alpini andati avanti, presso la nostra  Cappelleta  (nostra perché edificata da noi).  

Postato da morang il (50 letture)
(Leggi Tutto... | 6806 bytes aggiuntivi | commenti? | Voto: 0)



Ponte Selva (Luglio 2023)
Sezione ANA Milano

PONTE SELVA

Dopo la forzata pausa causata dalla pandemia che ha visto cancellare per due anni ogni iniziativa associativa, domenica 11 giugno è stato ripreso il Raduno Sezionale di Ponte Selva, presso quella che è nata come Casa dell’Orfano voluta da Mons. Antonietti nel 1925 per accogliere i bambini rimasti orfani nel dopoguerra a causa del conflitto e che ha visto nel corso degli anni passare centinaia di piccoli ospiti e che ora, dopo la recente scomparsa di Padre Arturo ultimo custode del posto, viene utilizzata come campo estivo e di ritiro per squadre sportive. Alcuni di noi sono arrivati sul posto sabato pomeriggio per allestire le tende che sarebbero servite l’indomani per il rancio alpino e come spesso capita in quella valle, appena terminato il cielo ha pensato bene di iniziare a scaricare acqua forse per non farci perdere l’abitudine presa con l’Adunata di Udine, ma tant’è…l’Alpino non è solubile e sempre si adatta. La mattina della domenica al risveglio una coltre di nebbia lasciava presagire una bella giornata (e così è stato) ed abbiamo atteso l’arrivo degli alpini e famigliari decisi a passare una bella giornata in compagnia, giornata iniziata con l’Alzabandiera e proseguita con il corteo e la successiva S. Messa accompagnati dalla nostra Fanfara e dal Coro ANA di Milano. Terminata la funzione è stato servito un generoso aperitivo mentre iniziavano le gare di tiro, briscola e freccette fra le squadre intervallate dal rancio allietato dai brani suonati dalla Fanfara e dal concerto del Coro nella Chiesetta. Purtroppo bisogna dire che l’affluenza è stata certamente inferiore alle precedenti edizioni e ciò pone un interrogativo sulle prossime manifestazioni ma qualunque sarà la decisione che verrà presa, l’importante è non perdere la voglia e la gioia di stare insieme.

 

Postato da morang il (52 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Adunata Udine 2023 (Giugno 2023)
ANA

ADUNATA UDINE 2023

TANTO TUONO’ CHE PIOVVE

Vabbé di tuoni non ne abbiamo sentiti, quanto a pioggia questa Adunata di Udine sarà ricordata, se non la peggiore, certamente fra le più annacquate della storia, una intera settimana di rovesci anche molto violenti interrotti saltuariamente da manciate di minuti di tregua che consentivano di spostarsi da un riparo all’altro, e malgrado il detto che gli alpini non sono solubili all’acqua, ci siamo andati molto vicini. Comunque il maltempo non ha impedito il regolare svolgimento delle manifestazioni previste che hanno catalizzato la presenza degli alpini convenuti nel capoluogo per la loro 94° Adunata Nazionale a 27 anni di distanza dall’ultima del 1996 tenutasi in occasione del 20° anniversario del terribile terremoto (soprannominato dai locali Orcolat, orcaccio in lingua friulana) di magnitudo 6.4 che il 6 maggio 1976 colpì l’intera regione in particolare la media valle del fiume Tagliamento provocando 965 morti. Ma se il meteo ha in qualche modo rovinato la festa, non è riuscito a spegnere l’entusiasmo e la riconoscenza che i friulani hanno da allora nei confronti degli alpini che allora, sotto la guida di quel galantuomo che fu l’Onorevole Giuseppe Zamberletti, furono gli artefici principali della ricostruzione, riconoscenza ed affetto dimostrati in ogni modo possibile arrivando ad aprire le proprie case a perfetti sconosciuti che hanno come unico segno distintivo un cappello con la penna. E chi scrive lo può attestare in prima persona essendo stato contattato alla vigilia della partenza da una amica conosciuta appunto 27 anni fa nel corso dell’Adunata e mai più rivista ma che, saputo della difficoltà di trovare posti in cui accamparsi, mi ha detto (testuali parole): “Se i miei amici sapessero che ho lasciato un alpino in tenda sotto l’acqua non mi parlerebbero più, la mia casa  è la tua” e così per 4 giorni sono stato ospitato e coccolato come fossi davvero a casa mia insieme a mio figlio e con la raccomandazione che se avessi trovato qualcun altro senza riparo, altri due o tre posti sarebbero saltati fuori. Che dire quindi se non che se si semina bene, altrettanto bene si raccoglie? Detto questo la cronaca ha ripetuto il tradizionale copione con gli appuntamenti sempre intensamente partecipati da tutti come l’Alzabandiera con il Tricolore issato sulla sommità del Castello il venerdì mattina, mentre in Piazza Libertà venivano resi gli onori al Labaro dell’Associazione alla presenza delle massime autorità, seguito dalla cerimonia al Tempio Ossario dove riposano i resti di 25.000 Caduti e al cippo della Divisione Julia. È seguita al Parco Moretti l’inaugurazione della Cittadella degli Alpini, in cui sono esposti mezzi e dotazione della Truppe Alpine, della Protezione Civile dell’ANA e della Sanità Alpina, subito presa d’assalto dagli alpini partecipanti all’Adunata e da un folto pubblico. Nel pomeriggio la sfilata per le vie del centro cittadino delle tre Bandiere di guerra dell’8° reggimento alpini, del 14° Reparto Comando e Supporti Tattici, del 3° Artiglieria e lo stendardo del reggimento Piemonte Cavalleria, che davanti al Municipio, in piazza della Libertà, sono state accolte dal saluto del sindaco De Toni. Sabato mattina l’incontro tra il Presidente Ana, Cdn, Sezioni all’estero, delegazioni Ifms e i militari stranieri al Teatro Nuovo Giovanni da Udine e al pomeriggio la S. Messa nella Cattedrale S. Maria Annunziata, il Duomo di Udine, celebrata dall’Arcivescovo Mons. Bruno Mazzoccato che ha ricordato l’impegno costante e prezioso degli alpini nella vita quotidiana delle comunità che sanno sempre su chi contare nel bisogno. La sera come sempre la grande festa premiata con gli unici momenti di tregua del maltempo purtroppo ancora disturbata dagli alpini idioti che malgrado le disposizioni creano disagio e soprattutto pericolo con i trabiccoli che ogni anno vengono banditi, ma che ogni anno continuano imperterriti a circolare e sarebbe utile a mio parere tornare a una pratica adottata alcuni anni fa quando sulla nostra stampa associativa venivano pubblicate le foto di questi cialtroni con i loro veicoli sopra i  quali si vantano di mettere pure il nome del proprio Gruppo o paese, mettendoli ufficialmente alla berlina con la speranza che i Presidenti di Sezione interessati prendano finalmente provvedimenti. Naturalmente non ci sono stati solo momenti da dimenticare come questi, perché nelle stesse ore in centinaia di paesi, teatri, chiese e comunità sparse in tutta la Regione si tenevano concerti corali, musicali e spettacoli che vedevano gli alpini coinvolgere la popolazione ospitante nella grande festa verde. E come sempre la domenica mattina tutto torna all’ufficialità con l’arrivo dei pullman provenienti da tutta Italia che scaricano migliaia di alpini e famigliari desiderosi di mostrare anche questa volta di esserci e di essere uniti nel rispetto degli ideali tramandati dai nostri Veci ed è significativo il fatto che calando per forza di cose il numero dei Reduci, aumenti quello delle ragazze e ragazzi dei campi scuola quale segno di continuità associativa. Purtroppo il maltempo ha certamente scoraggiato alcuni a sfilare, ma le cifre ufficiali parlano comunque di quasi 90.000 partecipanti inquadrati nelle varie Sezioni precedute dagli alpini della seconda naia, quelli delle Sezioni estere che tutti gli anni intendono con la loro presenza testimoniare la vicinanza all’Associazione e all’Italia in un corteo che è durato oltre 10 ore. E comunque, e chi l’ha provato sa cosa intendo dire, malgrado la pioggia, durante la sfilata quasi non ci si accorge del disagio e in poco tempo ci si ritrova allo scioglimento e dopo un veloce saluto agli amici del Gruppo e della Sezione ci si congeda con un arrivederci il prossimo anno a Vicenza.

Franco

Postato da morang il (81 letture)
(commenti? | Voto: 0)



25 Aprile fra memoria ed educazione (Giugno 2023)
Gruppo

25 APRILE

FRA MEMORIA ED EDUCAZIONE

Come di consueto martedì 25 aprile il nostro Gruppo ha partecipato compatto ed in buon numero alla cerimonia in occasione della ricorrenza dell’anniversario della liberazione e, complice anche la bella giornata, ha testimoniato con la sfilata attraverso le vie del paese l’importanza dell’evento. Il fatto poi di essere accompagnati da una numerosa delegazione di sanvittoresi che malgrado il lungo “ponte” festivo hanno voluto essere presenti ed il fatto che, forse perché siamo un paese, una comunità dove si guarda più alla sostanza che alle ideologie che alla fine dividono, hanno fatto si che alla fine tutto sia andato per il meglio con finale come sempre molto sentito con la visita insieme agli amici del Complesso Bandistico Sanvittorese alla Casa Famiglia (RSA) dove gli ospiti hanno partecipato con gioia all’esibizione del “banditi”. Ma se a livello istituzionale ed organizzativo tutto è filato per il meglio, mi vorrei riallacciare all’intervento finale del Sindaco Daniela Rossi al termine della cerimonia al Cimitero quando si è tolta il classico “sassolino dalla scarpa” sottolineando la delusione riguardo l’assenza dei bambini delle scuole alla manifestazione, tutti forse coinvolti nel ponte festivo. Eppure scusate ma, personalmente e col senno di poi, a me non è spiaciuta questa assenza e vi spiego il perché. Da circa 30 anni noi alpini andiamo nelle scuole sanvittoresi (e anche fuori paese) nella ricorrenza del 4 novembre, Festa della fine della 1° Guerra mondiale, delle Forze Armate e dell’Unità d’Italia e queste occasioni di incontro con i futuri cittadini iniziano sempre con la cerimonia dell’Alzabandiera durante la quale spieghiamo ai bambini l’importanza di quanto stiamo facendo, del significato di rendere onore a quel Drappo che ci rappresenta in quanto Popolo, una Bandiera nel nome della quale molti giovani hanno dato la vita e che molti prigionieri di guerra hanno diviso in pezzi e si sono cucita addosso per poterla ricomporre una volta tornati a baita perché Essa rappresentava un sacro legame con la propria Patria (terra degli Avi). Ebbene anche in questa occasione di festa, dove tutto è andato bene, l’unica nota stonata, veramente stonata, riguarda il fatto che mentre davanti al Comune veniva issata la Bandiera e successivamente venivano tributati gli Onori ai Caduti al relativo monumento, tutti gli avventori del bar a due metri di distanza se ne stavano spaparanzati sulle sedie bevendo caffè e aperitivi, ciarlando come niente fosse e non mostrando il minimo interesse ne’ rispetto per quanto stava accadendo davanti a loro…e non è la prima volta. Se quel giorno fossero stati presenti i bambini, il prossimo 4 novembre mi sentirei molto ipocrita a spiegare loro come ci si deve comportare durante queste cerimonie dove l’educazione ed il rispetto giocano un ruolo fondamentale e che è importante per costruire le fondamenta della coscienza del futuro cittadino….a meno di non sfruttare questo  comportamento per far capire come NON ci si deve comportare e magari suggerendo loro di farsi portavoce verso i cosiddetti “più grandi” dimostrando con l’esempio di avere recepito l’importanza del contegno da tenere in tali circostanze. Beh, può essere un’idea.

Franco Maggioni

Postato da morang il (53 letture)
(commenti? | Voto: 0)



A scuola di montagna con gli alpini (Giugno 2023)
Sezione ANA Milano

A SCUOLA DI MONTAGNA CON GLI ALPINI

Sabato 29 aprile una squadretta della S.I.A. con una spolverata di coristi del gruppo di Melzo ha accompagnato una ventina di studenti della classe 3C del Liceo IIS Machiavelli di Pioltello in Val d’Aosta e precisamente nella valle del Lys sopra Gressoney Saint Jean per visitare l’antico insediamento Walser di Alpenzù un luogo magico, arroccato su un balcone naturale che sovrasta la valle e la cui vista spazia sullo spettacolare massiccio del Monte Rosa, vista che ci è stata purtroppo negata dalle condizioni climatiche avverse. La cronaca della giornata ha visto l’appuntamento in valle fra il pullman della scuola, noi alpini partiti dalla periferia milanese e la nostra guida locale, il mitico “zio” Franco torinese da tempo oramai residente in Valle con il quale ci siamo consultati riguardo il tempo che fino a qualche minuto prima non dava speranze per la giornata ma che in quel momento sembrava concedere una tregua tanto da farci decidere di effettuare egualmente l’escursione prevista al grido di “se pioverà la prenderemo”. Posteggiati i mezzi e caricati gli zaini in spalla, dopo una breve spiegazione sull’uscita e sul comportamento da tenere, i ragazzi inquadrati dalle insegnanti Paola Poltronieri e Paola Guidotti (anch’essa volontaria nella nostra P.C.) iniziavano la salita non prima di avere lanciato uno sguardo alle case del borgo nostra mèta che si vedevano abbarbicate lassù…per qualcuno un po’ troppo lassù. E comunque chi prima e chi dopo tutti siamo arrivati alla destinazione prefissata e dopo una breve pausa ci siamo recati presso la baita dello “zio” dove quest’ultimo ha illustrato le condizioni di vita e di lavoro nella valle e specialmente nel villaggio che ci ospitava con particolare riferimento alle difficoltà quotidiane che dovevano affrontare gli abitanti di tutte le età per sopravvivere e mantenersi con i prodotti che la terra offriva e che a costo di pesanti sacrifici dovevano coltivare, nonché al fatto che la ristrutturazione e il mantenimento dell’abitato sia stato possibile grazie alla volontà e all’impegno di volontari che hanno inteso salvaguardare una realtà storica che rischiava di scomparire. Abbiamo anche potuto visitare alcune abitazioni nelle quali erano stati ricreati gli ambienti originari. Dopo questa lezione storica ci siamo recati e schierati nella “piazzetta” dove grazie ad un rudimentale pennone abbiamo eseguito l’Alzabandiera, cerimonia questa per la maggior parte dei ragazzi vissuta per la prima volta ma comunque da tutti partecipata. E poiché tutti i salmi finiscono in gloria, al “rompete le righe” ci siamo fiondati tutti nell’area pic-nic del vicino rifugio dove è stato consumato il rancio al sacco al termine del quale, complici i coristi, sono iniziati i canti ai quali si sono subito uniti molti ragazzi (e specialmente ragazze) che hanno dimostrato di apprezzare questo modo di stare insieme che per noi è naturale, ma che per loro è stata una autentica nuova esperienza vissuta senza l’ausilio dei telefonini. Buon ultimo le foto di rito prima di imboccare il sentiero di rientro a fondo valle e dopo esserci ricompattati sui mezzi, prima della partenza abbiamo fatto un tappa a Saint Jean dove abbiamo incontrato il capogruppo alpino locale col quale c’è stato uno scambio di doni prima di riprendere la via del ritorno noi soddisfatti di avere condiviso questa bella esperienza con i ragazzi e la speranza, per quanto riguarda loro, di essere stati contenti di avere passato una giornata particolare con i loro nuovi amici alpini.

Franco

Postato da morang il (54 letture)
(commenti? | Voto: 0)



La Ritirata di Russia (Giugno 2023)
Gruppo

La ritirata di Russia

 

Bella serata quella organizzata per  “La Campagna di Russia, ieri ed oggi: storia e testimonianze di un sofferto sacrificio a 80 anni dalla tragica conclusione.”  A dire il vero l’aspettativa era per un maggior numero di presenti tenendo conto dell’argomento trattato e dell’impegno che comporta l’organizzazione di serate come queste. Peccato, perché  rispetto al  “solito”,  per quanto interessante, racconto della ritirata di Russia,  la presentazione fatta nella serata da parte di Danilo Dolcini,  uno dei massimi esperti delle vicende relative alla campagna di Russia e membro dell’Associazione culturale sulle orme della storia,  è risultata originale coinvolgendo i presenti nei tre momenti in cui si è articolata: la ricostruzione dettagliata delle forze italiane e della loro dislocazione sul territorio durante le diverse fasi della ritirata, la testimonianza attraverso aneddoti e informazioni  (gli scarponi,  i rifornimenti,  il vestiario,  eccetera) delle condizioni di vita dei soldati,  il racconto fatto dal diretto interessato del percorso effettuato in più occasioni esattamente sul tracciato della ritirata delle nostre truppe.  Il tutto supportato da una presentazione multimediale.  Molto interessante la rappresentazione supportata da cartine dettagliate degli schieramenti delle truppe e in particolare delle divisioni alpine,  le battaglie principali, i movimenti per contrastare le forze avversarie e per sfuggire agli accerchiamenti. Non sono mancati momenti significativi di battaglie come quella nella “valle della morte”, sicuramente il più importante fatto d’arme in Russia almeno per le perdite dalle nostre truppe: dei 25mila soldati circa ”insaccati” in questa località dal 21 al 24 dicembre 1942,  solo circa 5mila ne uscirono vivi;  tutti gli altri uccisi o presi prigionieri. Si è passati poi a parlare delle condizioni dei nostri soldati, dei supporti tecnici del vestiario,  delle scarpe,  ecc. ed è stato interessante scoprire attraverso documentazioni e testimonianze che in realtà non eravamo mal messi come in generale si ritiene.  Le dotazioni e la qualità delle stesse,  pur non essendo perfettamente funzionali alle condizioni ambientali,  potevano se opportunamente distribuite e gestite, contenere i disagi e le sofferenze patite dai soldati.  Quello che è emerso quindi è stata una scarsa organizzazione e gestione di tutto il materiale di supporto a di assistenza alle truppe che ha contribuito non poco alla perdita di uomini e mezzi durante tutta la campagna e in particolare durante la ritirata.  Infine la parte sicuramente più originale attraverso il racconto delle visite effettuate in Russia e del percorso a piedi lungo l’itinerario della ritirata dei soldati.  E qui ha destato emozione vedere tramite le ricostruzioni fotografiche le trincee,  gli avamposti e i campi di battaglia.  Esistono ancora,  anche se in parte diroccate, le isbe dove i soldati sostavano per ripararsi dal gelo.  Toccante è stato il racconto del ritrovamento di alcune piastrine di nostri soldati che sono state successivamente riconsegnate ai parenti in Italia. Per ultimo alcune fotografie hanno mostrato come per intere lunghe giornate di marcia si confondessero il manto nevoso con l’ambiente circostante e l’orizzonte plumbeo,  tutto uguale senza punti di riferimento in una situazione ovattata e con temperature polari che da sole rendevano tragica la ritirata.

 

Enrico Girotti    

Postato da morang il (54 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Festa del Gruppo (Maggio 2023)
Gruppo

DOMENICA 26 MARZO  -  FESTA DEL GRUPPO

 
Finalmente!!  Dopo tre  anni di sofferenza abbiamo ricominciato. In particolare negli anni 2020 e 2021 non si fece nulla per le direttive sul maledetto Covid che vietava ogni tipo di aggregazione. L’anno scorso 2022 si era festeggiata con alzabandiera e S. Messa in Santuario. Quest’anno un importante progresso con alzabandiera, S. Messa all’aperto davanti alla sede e pranzo ristretto a soci e familiari. Con questa progressione l’anno prossimo ritorneremo ai festeggiamenti del passato (questo è quello che speriamo). Ma torniamo al 26 marzo; ci ha dato una mano il tempo con una mattinata di sole caldo e assenza di vento mentre al pomeriggio è arrivata la pioggia e temperatura in ribasso. Una discreta presenza tra una ventina di alpini, le autorità civili e militari, il corpo bandistico ed un buon numero di persone sicuramente vicine agli alpini. L’evento è iniziato alle ore 10 con la emozione dell’alzabandiera sulle note dell’inno di Mameli suonato dai musicanti in divisa e con tutti i presenti sull’attenti per rispetto al tricolore e con i gagliardetti del nostro gruppo, quello del gruppo di Legnano ed il gonfalone del comune. La S. Messa celebrata dal parroco Don Marco Longoni che ringraziamo per la presenza e per le parole rivolte al nostro gruppo, è stata accompagnata sempre dai brani suonati dal Corpo Bandistico. Alla fine emozionante canto “Signore delle cime“ e preghiera dell’alpino detta con bravura dal nostro capogruppo. Durante la celebrazione abbiamo raccolto una bella sommetta che abbiamo dato al Parroco per le esigenze parrocchiali. Al termine tutti in libertà per uno scambio di saluti e con il piacere di parlare con persone che magari non vedevi da tempo. A seguire aperitivo in sede preparato dal vice capogruppo (bravo Fabio!) per poi continuare con il pranzo servito con la solita bravura dagli addetti alla cucina (un grande grazie!) ad una ventina di commensali (mi ricordo quando eravamo in sessanta……).  E fuori iniziava a piovere…..  La buona riuscita di questa giornata è anche grazie ai soliti alpini che il giorno prima avevano lavorato rasando il prato e preparando tutto l’occorrente (altarino, sedie, microfono, ecc...….). Bravissimi tutti  mentre io mi sono limitato a raccontarlo. Un arrivederci alla prossima e vi aspettiamo numerosi (alpini in primis).

 

                                                                                                                   Luciano

                                                                                     

 

 

 

Postato da morang il (174 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Il gruppo alle celebrazioni per Don Gnocchi (Maggio 2023)
Sezione ANA Milano

Il Gruppo di S. Vittore O. alla celebrazione al Santuario del Beato don Gnocchi

Il 2 aprile la Lombardia ha celebrato la “Giornata regionale della riconoscenza per la solidarietà e il sacrificio degli Alpini”, istituita simbolicamente nel giorno in cui è iniziata la realizzazione dell’Ospedale in Fiera a Bergamo per far fronte all’emergenza Coronavirus. In quest’ambito la sezione di Como e quella di Bergamo hanno promosso la celebrazione della Santa Messa al Santuario del Beato don Gnocchi presso l’omonima Fondazione a Milano e la presentazione di una sua reliquia  che sarà portata al tempio di Cargnacco in occasione dell’Adunata Nazionale degli Alpini in programma a Udine dall’11 al 14 Maggio. Alla celebrazione era presente anche il vessillo della Sezione di Milano e il gagliardetto con una delegazione del Gruppo di S. Vittore Olona. Semplice e partecipata la celebrazione del Rettore della Fondazione che in occasione della domenica delle Palme ha ricordato anche la figura di don Carlo Gnocchi. Successivamente è stata benedetta la reliquia che verrà portata a tappe a Cargnacco da circa trenta camminatori assistiti dai Gruppi Alpini delle varie sedi attraversate dal percorso. La partenza avverrà sabato 6 maggio per arrivare a Cargnacco venerdì 12 maggio.

Postato da morang il (57 letture)
(Leggi Tutto... | 5341 bytes aggiuntivi | commenti? | Voto: 0)



Cronaca (Maggio 2023)
Gruppo

CRONACA

Domenica 19 marzo il Comune di  Cerro Maggiore, nella persona del Sig.Sindaco, ha voluto riunire presso il Palazzo Comunale quanti hanno partecipato durante tutta la  campagna anti Covid-19 a titolo di supporto nella gestione dell’Hub vaccinale presso il  Movie in adiacente  all’autostrada di Legnano. Ai tempi era stata richiesta la cooperazione anche degli Alpini interpellando allo scopo Matteo Cislaghi allora  capogruppo di Legnano che girò la richiesta anche a noi di San Vittore Olona, ovviamente in base alle disponibilità di ognuno. La volontà  nonché capacità “manageriale” di Teo avviò la macchina  alpina che  si mise in movimento  non perdendo alcun colpo anzi riscuotendo la simpatia dei responsabili nonché di quanti si presentarono per la vaccinazione. Sembra brutto dirlo ma va detto. Visto il nostro incarico nella gestione del flusso agli ambulatori abbiamo avuto molteplici consensi del nostro agire  favorendo agli operatori sanitari la tranquillità del loro lavoro; quando ci siete voi alpini noi si lavora meglio. Che volete di più?   E il di più ci è stato confermato  durante la cerimonia di ringraziamento nella quale il Sindaco evidenziò quanto era stato fatto da tutti i partecipanti elogiando il senso civile di collaborazione sia da chi era  in prima fila sia nelle retrovie evidenziando l’importanza  della collaborazione. Oggi, per darsi un tono, si chiamerebbe lavoro di squadra.  Il  sindaco di Cerro,  volle ringraziare omaggiando sia  il gruppo alpini  di  Legnano e  sia  quello di  San Vittore Olona, con un attestato di riconoscenza che non è roba da poco ma per quanto rammenta speriamo sia l’ultimo.     

                                                                           PIO

Postato da morang il (73 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Ma che musica (Aprile 2023)
Gruppo

MA CHE MUSICA

…o per meglio dire, che cante quelle che gli amici del Coro “Voci del Rosa” di Busto Arsizio hanno generosamente donato nel pomeriggio del 5 marzo agli ospiti della RSA mantovani di San Vittore Olona e ai loro famigliari che hanno potuto godere di un paio d’ore di bel canto che ha coinvolto, anche emotivamente, tutti i presenti. C’era in effetti una certa preoccupazione in quanto l’evento ha rischiato di dover “saltare” a causa di imprevisti organizzativi, ma alla fine tutto è andato per il meglio anche perché se la parte principale riguardava l’esibizione dei coristi diretti dal Maestro Lino Sementa la strada la si poteva considerare già spianata vista l’esperienza da loro maturata e il fatto che si possano oramai considerare “di casa”. Come già detto quindi tutto perfetto compresa la partecipazione dei presenti che si sono immedesimati e partecipato anche attivamente alle canzoni che hanno saputo anche riportare alla luce note e parole scolpite nella memoria. Un ringraziamento quindi per l’accoglienza e il supporto al personale della RSA capitanato da Simona e buon’ultimo quello che nel rugby è chiamato terzo tempo e cioè il trasferimento, al termine del concerto, nella nostra sede dove la festa è continuata in maniera più “ruspante” ed amichevolmente alla buona con ancora molte canzoni accompagnate da un buon bicchiere. Grazie a tutti.

Franco

Postato da morang il (94 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Gli alpini alle Medie di San Vittore Olona (Aprile 2023)
Gruppo

GLI ALPINI ALLE MEDIE DI SAN VITTORE OLONA

Proseguendo nel programma di incontri con gli studenti delle scuole medie, giovedì 16 febbraio una delegazione guidata dal capogruppo Franco, ha effettuato un incontro con gli studenti di terza media delle scuole di S. Vittore Olona. L’incontro fa parte del programma definito con la Direzione Didattica volto a far conoscere agli studenti che affrontano lo studio della Prima guerra mondiale, aspetti concreti della vita dei soldati al fronte e si inquadra nel compito previsto dal nostro Statuto di “tenere vive e tramandare le tradizioni degli Alpini...”. La presentazione effettuata da Franco con l’aiuto di supporti audiovisivi ha destato grande interesse da parte della ventina di studenti presenti con la guida della loro professoressa Utilia Colucci, e ha toccato l'inquadramento storico e sociale, la situazione logistica e organizzativa del fronte, la vita dei soldati durante le lunghe ore di attesa nelle trincee, nelle fasi di attacco e resistenza. Apprezzati sono stati in particolare le esemplificazioni e gli aneddoti che hanno reso viva la partecipazione all’evento rendendo concreta la rappresentazione delle aspettative, delle ansie, delle fatiche e dei dolori sopportati dai soldati al fronte. Ancora più interesse gli studenti hanno mostrato nel vedere e poter toccare con mano alcuni reperti presentati durante l’incontro. Frammenti di granate, proiettili, un elmetto come testimonianza viva della battaglia e una gavetta come esemplificazione della sopravvivenza in trincea. Infine, una curiosità particolare ha destato il frammento di un rampone da applicare allo zoccolo dei muli, cosa che ci ha permesso di raccontare e contestualizzare anche l’impegno e il grande sacrificio dei mai dimenticati amici a quattro zampe degli alpini e degli alpini stessi. Che dire: grazie alla Direzione Didattica al corpo insegnante e ai ragazzi che ci hanno permesso di rappresentare alcuni momenti salienti del conflitto, con l’auspicio che tragedie come quella della Prima guerra mondiale non abbiano a ripetersi.

Enrico Girotti

Postato da morang il (202 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Ciao Vecio (Aprile 2023)
Gruppo

CIAO VECIO

Il giorno 9 marzo è stato un giorno triste per noi alpini che abbiamo dovuto dare l’estremo addio al decano del nostro Gruppo, il Vecio Isidoro Toso è andato avanti. Classe 1931 era nato a Rovigo il 22 febbraio e dal settembre 1952 al marzo del ’54 aveva prestato servizio militare nella Brigata Alpina Tridentina nella 6° Comp. Del Genio Pionieri e sin da subito si era iscritto all’Associazione diventando una figura famigliare per noi (all’epoca) bocia che abbiamo sempre potuto contare sulla sua presenza in sede e alle nostre manifestazioni sino agli ultimi tempi malgrado gli acciacchi e l’inesorabile trascorrere del tempo. Purtroppo la scomparsa dell’amata Angela lo scorso ottobre lo aveva profondamente provato e da allora non si era più ripreso dovendo essere ricoverato presso una struttura per la riabilitazione accudito dai figli Giorgio e Paolo, entrambi alpini e soci del Gruppo che gli sono stati vicini sino alla fine. A noi piace ricordarlo quando nel novembre del 2021 l’abbiamo festeggiato in sede in occasione del suo 90° compleanno, l’ultima volta in cui abbiamo avuto il piacere della sua compagnia. A Paolo, Giorgio e alle loro famiglie l’affetto e la vicinanza del Gruppo.

 

Postato da morang il (144 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Finalmente (Aprile 2023)
Gruppo

FINALMENTE

E' passato tanto tempo, troppo, e come tutti sanno, dopo l’esperienza del biennio/triennio trascorso, finalmente la normalità riprende. Spesso questa interruzione, ovviamente non cercata e tanto meno voluta, mi ricorda un carro  lasciato in perfetta inattività per un tempo infinito e che si riprende ad utilizzare. Qualche asse che si schioda e si stacca , una o due ruote sbilenca  e cigolii a non finire come soffrisse di dolorosissime artrosi;  comunque siamo ripartiti. Nella giornata del 5 marzo ’23 gli amici del coro  “Voci del Rosa”  di Busto Arsizio sono tornati per continuare e, speriamo  tanto nel prossimo futuro, a vivere in collaborazione con il nostro gruppo alpini un momento di compagnia e di musica presso la CASA FAMIGLIA  di San Vittore Olona. Ovviamente  hanno fatto la loro parte in maniera consueta ossia egregiamente mentre gli alpini del gruppo assieme ad amici  e parenti degli ospiti  supportavano   con applausi, ovviamente non richiesti ma dovuti. Il sorriso degli ospiti tradiva la  soddisfazione del momento alternandola a spontanei  “bravi alpini”  in realtà erano i coristi meritevoli, "i bravi” del momento! Mi piace riportare quanto uno dei coristi sottovoce mi disse:  quasi quasi non riesco a capire la differenza fra noi  e loro (gli ospiti)  purtroppo la famosa “livella”, sì quella di Totò,  sorella gemella della carta d’identità non fa sconti a nessuno. 

Postato da morang il (71 letture)
(Leggi Tutto... | 5395 bytes aggiuntivi | commenti? | Voto: 0)



A scuola di Protezione Civile (Aprile 2023)
Protezione Civile

A SCUOLA DI PROTEZIONE CIVILE

Su invito dei Municipi di varie zone di Milano ed in accordo con il CCV (Centro Coordinamento Volontari) della Città Metropolitana sono stati programmati e realizzati numerosi incontri con studenti di vari istituti milanesi di primo e secondo grado con lo scopo di far conoscere la Protezione Civile, di illustrarne gli scopi e le attrezzature, nonché istillare nei ragazzi il senso di responsabilità grazie al quale ognuno di noi nel suo piccolo può contribuire a mitigare i pericoli. Sono stati effettuati appunto una serie di incontri in classe dove con l’aiuto di slide e filmati è stata espletata la parte teorica alla quale hanno fatto seguito degli incontri “sul campo” all’aperto dove i ragazzi hanno potuto venire a contatto fisicamente con le attrezzature utilizzate in ambito di Protezione Civile il tutto, è giusto ricordarlo, grazie all’impegno instancabile dell’alpino Tony Zanghi che ha preso a cuore questa iniziativa ed è diventato il punto di riferimento nel progetto scuole ed il tramite fra i volontari, il Comune e le Direzioni didattiche, cosa questa che richiede uno sforzo paragonabile ad un intervento in emergenza. Personalmente nelle giornate del 14 e 16 marzo ho partecipato agli incontri pratici organizzati presso la scuola secondaria (le medie) Munari di via dei Salici a Milano dove nelle due mattinate (e altre ne erano state effettuate precedentemente) abbiamo coinvolto centinaia di studenti che a rotazione suddivisi in gruppi hanno potuto interagire con i volontari utilizzando personalmente gli apparati radio, le manichette antincendio, i sacchi di sabbia usati nelle alluvioni ed apprendere le nozioni di primo soccorso e le tecniche di rianimazione. Devo dire che personalmente sono stato contento del risultato visto l’interesse dimostrato dai ragazzi che, a parte pochissimi e fisiologici casi, si sono dimostrati attenti e soddisfatti dell’esperienza e chissà (come ho detto al termine di ogni incontro) che un domani non si possa ritrovare qualcuno di loro che, dopo avere deciso di intraprendere questa strada come professione, possa insegnare a noi volontari nuove tecniche e modi di intervento.

Franco Maggioni

Postato da morang il (68 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Assemblea Sezionale (Aprile 2023)
Sezione ANA Milano

ASSEMBLEA SEZIONALE


Domenica 5 marzo si è tenuta presso l’aula magna dell’Istituto Leone XIII a Milano l’annuale Assemblea Generale della nostra Sezione che ha visto, dopo i  rituali onori alla Bandiera, la consegna dei riconoscimenti ai soci con 50 anni di iscrizione all’A.N.A., al termine della quale si è data lettura della Relazione Morale del Presidente e di quella finanziaria entrambe successivamente approvate all’unanimità dall’assemblea. Si è dato poi spazio agli interventi dei soci su vari temi (che potremo leggere integralmente su Veci e Bocia)  ai quali hanno fatto seguito le risposte del Presidente, e successivamente le votazioni per il rinnovo del Consiglio sezionale hanno chiuso i lavori.

Postato da morang il (71 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Giornata della Memoria (Marzo 2023)
Gruppo

GIORNATA DELLA MEMORIA

Venerdì 27 gennaio, su invito dei bambini e delle insegnanti delle Scuole “Madre Geltrude Comensoli” e “Giovanni Paolo II” di San Vittore Olona e di Cerro Maggiore, una nostra rappresentanza ha partecipato alla commemorazione della Giornata della Memoria svoltasi sul piazzale della Chiesa Parrocchiale. E’ stato un momento veramente toccante con tutti i bambini, i loro genitori e le insegnanti riuniti attorno alla ricostruzione di un binario, ricordo dei treni che portavano i deportati, circondato da valige come quelle che i condannati si portavano appresso con le cose più care sulle quali erano riportati i nomi di chi non ha fatto ritorno. Molto partecipato sono stati anche i canti in ebraico che i bimbi hanno intonato al suono della fisarmonica con un impegno davvero ammirevole. Un ringraziamento quindi alle insegnanti che hanno voluto e saputo far capire ai bambini l’assurdità di quanto accaduto quale monito perché ciò non si debba ripetere.

 

Postato da morang il (135 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Raoul Achilli (Marzo 2023)
Gruppo

RAOUL ACHILLI

Nato a Pesaro il 19 giugno 1921, all’inizio degli anni trenta con la sua famiglia si trasferì a San Vittore Olona, e dopo pochi anni si trasferì a Legnano. Non ancora compiuto i diciotto anni si arruolava nel Regio Esercito, frequentando la Scuola Centrale Militare di alpinismo di Aosta in qualità di aspirante specializzato sciatore e rocciatore. Divenuto soldato scelto, nel maggio 1939 fu assegnato al battaglione alpini "Edolo" del 5º Reggimento alpini, e all'atto dell'entrata in guerra del Regno d'Italia, avvenuta il 10 giugno 1940, combatté sul fronte occidentale contro le truppe francesi. Dopo l'inizio della guerra contro la Grecia, nel novembre 1940 partì per l'Albania per combattere su quel fronte.  Nominato comandante di squadra esploratori, e promosso sergente maggiore, nel luglio 1942 partì per il fronte orientale al seguito del suo reggimento, inquadrato nella 2ª Divisione alpina "Tridentina" in forza all'ARMIR. Cadde in combattimento il 26 gennaio 1943, durante il corso della battaglia di Nikolajewka. Per onorarne il coraggio fu decretata la concessione della Medaglia d'oro al valor militare alla memoria. Sabato 28 gennaio gli alpini del Gruppo di Legnano hanno voluto onorarne la memoria con una brave ma significativa cerimonia nella piazzetta che porta il suo nome e dove è posta una targa ricordo, ai piedi della quale è stata deposta una corona di alloro ed è stata letta la motivazione dell’onoreficenza. Anche il nostro Gruppo ha voluto essere presente con una piccola rappresentanza ed il Gagliardetto per onorare questo nostro concittadino.

Postato da morang il (74 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Uscita SIA (Marzo 2023)
Squadra Intervento Alpino

USCITA S.I.A.

Il programma della Squadra prevedeva per domenica 12 febbraio l’uscita in ambiente innevato in Val Locana con destinazione il Rifugio Jervis, ma purtroppo vista la scarsità della materia prima (la neve) in quella zona e il fatto che avremmo dovuto attraversare la zona di Ivrea dove si sarebbe festeggiato il carnevale con gli inevitabili problemi di traffico, si è deciso di “accontentarsi” di una meta più vicina seppur non così leggera quale la salita ai Piani di Artavaggio con partenza da Moggio in Valsassina.Così di buon mattino una dozzina di vecchi e nuovi soci della SIA si sono dati appuntamento al parcheggio all’uscita dell’abitato di Moggio e senza indugio, anche per contrastare il freddo pungente, hanno imboccato il sentiero n. 724 denominato “del Vallone” che risalendo la destra orografica dell’omonimo torrente dopo circa due ore e 800 mt. di dislivello arriva nella conca dei Piani di Artavaggio sempre rimanendo sotto il tracciato della funivia. Arrivati in quota una giornata limpidissima all’insegna del sole più “sfacciato” certamente non riconducibile al periodo invernale ci ha convinti a raggiungere al più presto il “nostro” posto alle spalle dello storico Albergo Sciatori purtroppo da tempo chiuso e abbandonato dove abbiamo consumato il rancio al sacco e facendo letteralmente sparire in un attimo il monumentale salame come sempre portato in quota dall’amico Ciccio di Melzo. Terminato il momento conviviale abbiamo dato inizio all’esercitazione di ricerca sotto valanga accontentandoci della neve presente che ci ha comunque consentito di spiegare l’utilizzo dell’ apparato ARVA ricercando quello nascosto sotto lo strato nevoso e di esercitarci nella ricerca con la sonda al fine di imparare a “sentire” la differenza di profondità causata dagli eventuali reperti sepolti. Dopo alcune prove, abbiamo richiuso gli zaini e ripreso il sentiero del ritorno, questa volta calzando i preziosi ramponcini per evitare pericolose scivolate sul terreno che era diventato alquanto insidioso a causa della neve e del ghiaccio sottostante e fatto ritorno alle auto con l’appuntamento alla prossima occasione.

Franco

Postato da morang il (106 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Ul falò da S. Antoni ( Febbraio 2023)
Gruppo

UL  FALO’ da Sant’ Antoni


Da subito,  la parola  “ul falò“,  ti suscita un qualcosa di misterioso, inspiegabile   forse  meraviglioso; riconosco che può sembrare una forzatura ma questa vocabolo accentato mi suggerisce questa sensazione: UL FALO’, questo falò, se ci pensiamo un attimo, ha la magia di trasportarci  nel mondo dell’innocenza quando si credeva alle fate, agli gnomi, alle streghe, ecc., ecc. Sono convinto che la maggior parte della gente presente la sera del 14 u.s. nel prato della nostra sede sia stata coinvolta in questo mondo incantato quando alle 21 veniva accesa la catasta eretta dagli alpini per rinnovare ancora una volta questa tradizione che rischia di scomparire col passare del tempo. L’affluenza della cittadinanza ha superato ogni  rosea aspettativa. In realtà la serata era stata pubblicizzata  ma fino all’ultimo momento al gruppo degli alpini la  speranza la faceva da padrona, siamo stati premiati.  La numerosa collaborazione  dei soci è stata encomiabile sia nei giorni precedenti con la potatura delle piante e sia nell’allestimento e preparazione della  serata  evidenziando come l’unione faccia la forza attenuando la fatica dell’impegno intrapreso dal gruppo. Una cena veloce in sede  rinforzò anima e corpo dei “ baldi alpini “ mentre pian piano la gente si radunava lungo le transenne poste a protezione. A supporto  arrivarono anche alcuni componenti del servizio d’ordine sezionale a cui va un sentito grazie   mentre dei soci del gruppo cinofilo aggregato a noi parteciparono con i loro cani;  originale presenza coreografica apprezzata particolarmente dai bambini.

Postato da morang il (96 letture)
(Leggi Tutto... | 6940 bytes aggiuntivi | commenti? | Voto: 0)



A scuola (Febbraio 2023)
Gruppo

A SCUOLA

E grazie alla disponibilità della Dirigenza e delle insegnanti del ICS Carducci di San Vittore Olona, nella mattinata di giovedì 19 abbiamo avuto la possibilità di avere due incontri con gli studenti delle classi 3B e 3C della Scuola Secondaria di Primo grado (per noi oltre gli anta “le medie”) “G. Leopardi”. Come sempre, grazie all’aiuto indispensabile delle insegnanti che già avevano introdotto l’argomento parlando della componente storica relativa alla prima Guerra mondiale, ci siamo trovati la strada spianata e abbiamo potuto constatare l’interessamento degli studenti che dopo le spiegazioni sul cambiamento avvenuto a livello militare all’inizio del 1900 e sulle condizioni di vita dei soldati e della popolazione civile in quel periodo, seguite da un filmato che illustrava la costruzione e l’utilizzo delle trincee, hanno soddisfatto le loro curiosità sull’argomento dimostrandosi particolarmente interessati ai reperti originali recuperati sui ghiacciai e che avevamo portato per mostrarli a questi nuovi amici e far loro “toccare con mano” ciò di cui si parlava. Non possiamo quindi che dirci soddisfatti dell’esperienza e, rispettando quanto indicato nel nostro Statuto associativo, di avere avuto la possibilità di tramandare ai giovani quello che ci hanno trasmesso i nostri Veci, con un ringraziamento particolare alle Prof.sse Laura Ori e Isabella Aura per l’aiuto prezioso che ci hanno dato con l’appuntamento al prossimo mese.

Franco

Postato da morang il (79 letture)
(commenti? | Voto: 0)



Uscita SIA (Febbraio 2023)
Squadra Intervento Alpino

USCITE S.I.A.

Gli ultimi due appuntamenti della Squadra si sono tenuti il 18 dicembre con il tradizionale ritrovo al Rifugio Piazza sul Monte S. Martino sopra Lecco, ospiti degli amici del Gruppo di Rancio, dove è stato stilato il programma con le uscite del 2023 naturalmente dopo avere ricordato i nostri soci “andati avanti” nella piccola cappella annessa al Rifugio, e domenica 15 gennaio con la salita all’Alpe Campra in Val Vigezzo. In entrambe le occasioni i soci sono stati presenti in buon numero anche se i numerosi impegni di ognuno rendono sempre difficoltoso incastrare i giorni disponibili, ma tant’è Tasi e Tira. Le uscite dell’anno entrante sono state comunque programmate e l’occasione è servita anche a fare un bilancio delle attività svolte nel 2022, attività che comunque all’inizio dell’anno trascorso hanno ancora risentito degli effetti della pandemia e che ci hanno visto attivi nei servizi richiesti, nonché a scambiarci gli auguri natalizi. La trasferta in Val Vigezzo invece ha permesso di effettuare una progressione in ambiente innevato e utilizzare la pausa post-rancio per un ripasso dell’utilizzo delle attrezzature di auto soccorso quali pala, sonda e Arva per la ricerca sotto le valanghe.

F.M.

Postato da morang il (72 letture)
(commenti? | Voto: 0)



649 articoli totali
(22 pagine - 30 articoli per pagina)

Vai alla pagina

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22
Calendario Eventi
Giugno 2024
  1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 Oggi:
 Disnarello in Sede

Notiziario
Documento senza titolo
Ultimo numero del notiziario Giugno 2024

www.ana.it
Documento senza titolo
Visita il portale ufficiale dell'Associazione Nazionale Alpini

ana.milano.it
Documento senza titolo
Dalla sezione

Veci e Bocia
Documento senza titolo
Leggi il notiziario della Sezione

WikiPedia
Cerca in WikiPedia

made for PHP-Nuke
by Claus Bamberg


Sondaggio
Cosa pensi di questo sito?

Ummmm, niente male
Bello
Orribile
Il migliore!
Discreto



Risultati
Sondaggi

Voti: 49
Commenti: 78


 
Web site powered by PHP-Nuke Versione WL-Nuke a cura di Weblord.it

All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2007 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
Engine PHP-Nuke - Powered by WL-Nuke