Ana Sezione di Milano - Content
xxx
Associazione Nazionale Alpini - Gruppo di San Vittore Olona- Via Alfieri - 20028 San Vittore Olona (MI) tel: 3333450040 - sanvittoreolona.milano@ana.it
Visita il sito
 Il Gruppo :
 Home
 Dove Siamo
 Storia del Gruppo

 Attivitą :
 Protezione Civile
 Squadra Intervento Alpino
 Scuole

 Mediateca :
 Immagini
 Biblioteca
 Archivio Articoli
 Archivio Notiziari

 Statistiche
 Web Links
 

 Downloads

Aggiungi ai preferiti

Contatta il webmaster
16:41:34
Data : 29-11-2021
GMT : +0100

 Cerca :
 Cerca nel sito :



 Cerca fuori :






pagine viste dal September 2007

 Linkaci :


Gruppo Alpini San Vittore Olona


User Info
Benvenuto, Anonymous
Nickname
Password
Codice di Sicurezza: Codice di Sicurezza
Digita il codice di sicurezza

(Registrare)
Iscrizione:
più tardi: normanveltri4756
News di oggi: 0
News di ieri: 0
Complessivo: 77

Persone Online:
Visitatori: 88
Iscritti: 0
Totale: 88

Il viaggio di un simbolo (Gennaio 2021)
Postato il di morang

Sezione ANA Milano

IL VIAGGIO DI UN SIMBOLO


Nella sua storica sede di Milano, situata in Galleria Vittorio Emanuele, la locale Sezione del CAI aveva posizionato un bassorilievo e una lapide commemorativa che riportava i nomi di 71 Soci, molti dei quali militanti nelle Truppe Alpine, caduti in guerra. Negli ultimi tempi, a seguito dell’uscita dalla sua storica sede, per il Consiglio Direttivo del CAI, è nata la necessità di togliere questo cimelio dalla sua originaria sede e la volontà di ricollocarlo in un ambiente più consono e rappresentativo per ciò che l’opera rappresenta e la scelta è caduta sulla sua collocazione presso la sala intitolata a Carletto Negri, uno dei fondatori della scuola di alta montagna del CAI, presso il Rifugio Carlo Porta posto a 1.426 mt.  ai Piani dei Resinelli, da sempre considerato la sede in ambiente montano del sodalizio milanese. Nasceva a questo punto il problema di asportare l’opera senza rovinarla, portarla dal salone principale al piano terra, trasferirla e ricollocarla all’interno del Rifugio Porta tenendo presente che la stessa, seppur suddivisa in 4 pezzi, pesava circa una tonnellata. Ed è qui che entrano in scena gli alpini della Protezione Civile di Milano che sotto la direzione del Vicepresidente Carlo Tagliabue portano a termine l’impresa sino ad arrivare al fatidico giorno di sabato 26 settembre quando nel corso di una cerimonia, purtroppo in forma raccolta a causa delle limitazioni legate al Coronavirus, è stata inaugurata la (si spera definitiva) collocazione di questo documento marmoreo destinato a ricordare alcuni dei tanti non tornati dalle brutture della guerra.



Alla cerimonia dell’inaugurazione erano presenti una rappresentanza dei soci CAI con il loro Presidente Massimo Minotti, e degli alpini di Milano con il Presidente Luigi Boffi che, dopo la cerimonia dell’Alzabandiera hanno reciprocamente salutato i presenti ed illustrato lo scopo della manifestazione.  E’ seguita la parte più significativa della cerimonia con lo scoprimento del bassorilievo all’interno del Rifugio, che ho avuto l’onore di eseguire personalmente, sulle note del silenzio e successivamente abbiamo assistito (naturalmente distanziati e fermi sui propri segnaposto) agli interventi di Dino Marcandalli figlio di un Reduce che ha raccontato la storia del padre che si fece 3 anni nel corso della 1° guerra mondiale più uno di prigionia e della Sig.ra Luisa Ruberl, storica del CAI di Milano che ha illustrato la collaborazione tra CAI di Milano e Alpini nel corso del conflitto ricordando l’impegno delle donne del sodalizio che aiutavano i soldati italiani al fronte confezionando e spedendo indumenti, calze e vestiario ai soci impegnati sui vari fronti, mentre i soci anziani si prodigavano per istruire gli alpini provenienti dalle zone del meridione d’Italia sul comportamento da tenere in ambiente montano. E’ stato ricordato altresì l’aiuto dato dalle Sezioni del CAI situate in zone di guerra, specialmente in Veneto, Lombardia e Friuli, ai reparti alpini lassù dislocati. E’ stata veramente una bella manifestazione conclusasi, e non poteva essere altrimenti, a tavola coccolati e rifocillati dal magnifico staff del Rifugio capitanato dal gestore Marta Rivetti coadiuvata da Davide e Luca che ci hanno deliziato con piatti della tradizione locale cucinati con maestria sino ai saluti finali, naturalmente con un arrivederci alla prossima occasione (che sarà certamente fra poco).

Franco Maggioni


 
Links Correlati
· maurizio
· Inoltre Sezione ANA Milano
· News by morang


Articolo più letto relativo a Sezione ANA Milano:
Raduno Sezionale a Ponte Selva (Luglio 2012)


Valutazione Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente


Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


"Il viaggio di un simbolo (Gennaio 2021)" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

 
Web site powered by PHP-Nuke Versione WL-Nuke a cura di Weblord.it

All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2007 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
Engine PHP-Nuke - Powered by WL-Nuke