Ana Sezione di Milano - Content
xxx
Associazione Nazionale Alpini - Gruppo di San Vittore Olona- Via Alfieri - 20028 San Vittore Olona (MI) tel: 3333450040 - sanvittoreolona.milano@ana.it
Visita il sito
 Il Gruppo :
 Home
 Dove Siamo
 Storia del Gruppo

 Attivitą :
 Protezione Civile
 Squadra Intervento Alpino
 Scuole

 Mediateca :
 Immagini
 Biblioteca
 Archivio Articoli
 Archivio Notiziari

 Statistiche
 Web Links
 

 Downloads

Aggiungi ai preferiti

Contatta il webmaster
14:07:03
Data : 29-07-2021
GMT : +0200

 Cerca :
 Cerca nel sito :



 Cerca fuori :






pagine viste dal September 2007

 Linkaci :


Gruppo Alpini San Vittore Olona


User Info
Benvenuto, Anonymous
Nickname
Password
Codice di Sicurezza: Codice di Sicurezza
Digita il codice di sicurezza

(Registrare)
Iscrizione:
più tardi: zuzanna
News di oggi: 0
News di ieri: 0
Complessivo: 71

Persone Online:
Visitatori: 80
Iscritti: 0
Totale: 80

PROGETTO (Aprile 2021)
Postato il di morang

Gruppo

 

PROGETTO

Così è stato definito il recente prodotto televisivo intitolato  “LA CASERMA”. Sono sicuro che avrà suscitato molteplici  reazioni da parte dei telespettatori.  Neanche a farlo apposta sull’ultimo numero del nostro mensile “L’ALPIN0” una signora invia al direttore una lettera inerente a questo programma.  Una valutazione  sullo stesso argomento “la famosa caserma”  mi era venuta immediata già dalla prima puntata,  prima di quella famosa lettera. Mi sono scoperto  curioso e nello stesso tempo leggermente diffidente, sarà una baggianata, un solito minestrone dettato da esigenze televisive e/o  di spettacolo ma con tutta l’ingenuità che posso avere, alla fine non l’ho trovata poi tanto male. Ovviamente non sono in grado di valutarne la tecnica televisiva, la regia c… e men che meno mi  azzardo a conclusioni a dir poco avventate però mi sono scoperto a  riflettere su quanto mi aveva suscitato  da subito. Seduto sul divano mi sono ritrovato   fra quei ragazzi  alle prese con  “Figaro”  l’inesorabile e sadico barbiere, alla vestizione,  al … va là che ti vanno bene camicie, mutandoni più meno felpati abbinati a  pantaloni ascellari … non parliamo poi del cappotto che a tutti i costi era perfetto anche se lo pestavi … non si osava neppure pensare che il maresciallo, lo stilista militare addetto al magazzino  vestiario si sbagliasse … devo essere sincero: si preoccupò seriamente con un tocco di umanità che gli scarponi  fossero perfetti, personalizzati, antivesciche (provali, cammina avanti e in dietro però datti una mossa, sù, sù, desgrubia, sbranina; parole da me mai sentite ma intuite subito, al volo). Lui, burbero benefico,   sapeva bene a cosa  andavamo incontro.



Tornando a noi: le varie puntate si sono succedute nel modo che tanti conoscono. In quelle serate  non credo di essere stato l’unico ex najone davanti alla tv,  con i ricordi che si sono rincorsi, le marce, le sbrandate e i gavettoni assieme alle pacche sulle spalle, a chi portava sopra il proprio  zaino anche quello  di un compagno in crisi, ai moccoli in marcia,  alle  tende “canile“, alle  lettere condivise in camerata, al silenzio “fuori ordinanza”, alla  sera- vigilia del congedo con qualche lacrima sul viso di qualcuno.  Per finire: come si fa a giustificare dopo tanti  anni, il desiderio di rivedersi anche per un solo giorno, reincontrarsi e ridarsi le famose pacche sulla schiena che capisce soltanto chi ha fatto il servizio militare, quella nostra naja,  ritrovarsi nelle nostre baite e poi  con le tute gialle nella Protezione Civile, con il NOSTRO Ospedale da Campo e nei piccoli o grandi impegni che ci hanno visto coinvolti  nelle nostre contrade.  Mi accorgo che dopo 400 parole (è scritto cosi in basso a sin. del PC) devo una spiegazione, il titolo di queste righe: “Progetto” . Ritengo che il programma televisivo sia stato preparato e organizzato prima della bufera chiamata covid-19 che ci sta rubando mesi e mesi di vita sociale e affettiva  costringendoci a combattere una guerra non di trincea ma sempre guerra è. Ho pensato una cosa: sono anni che la nostra Associazione spinge  mediante contatti, ed incontri là nelle sale dei bottoni ad un ritorno del servizio di leva sia pur con tutti i carismi e gli adeguamenti ai tempi attuali; neanche farlo apposta sappiamo tutti chi è il nuovo commissario     della Protezione Civile: un militare e guarda caso un generale alpino; non è da sottovalutare l’attuale maggior presenza del nostro esercito nella vita nazionale, utilizzato in  molteplici attività a differenza di anni or sono;  già nel 2019 si discuteva al governo sul problema “servizio di leva”: non è che per caso si stia muovendo qualcosa magari piano, pianissimo?  Mi tengo stretta questa speranza in eterno conflitto con un’ illusione. Certamente ci vorrà tempo visto che si fa  più in fretta a distruggere che a  ricostruire. Ancora oggi   in molti stati europei vige l’ obbligo del servizio militare per uomini e donne,    in Francia si prospetta addirittura il riutilizzo dei famosi muli come in Germania; del resto il problema “servizio di leva“,  in prospettiva con la sua  valenza, leggi protezione civile e altre operatività  di pubblica utilità è  tuttora  motivo di valutazione di vari  governi  e  se  la RAI-TV: Ente Nazionale,  si è preso la briga di trasmettere sta benedetta “La caserma”   non sarà solo per far trascorrere agli italiani delle serate di nostalgia, sarebbe soltanto riduttivo e di poco conto. E’ azzardato sospettare che l’Ente Televisivo possa lanciare questo  messaggio utile a muovere un po’ le acque, ad influenzare l’opinione pubblica? Si tratta sempre di un’organizzazione nazionale.  Mi è stato ribadito che si tratta di una farsa insignificante, inutile e decisamente poco seria sostenendo  non essere questo il modo per auspicare il ritorno alla leva. Vorrei sapere dove sta la differenza fra questo prodotto televisivo, la “Caserma” appunto e i campi scuola  attualmente proposti, incoraggiati e patrocinati dall’A.N.A. assieme al perché di questi campi scuola.  Per finire e  sò che sarà impossibile, sarebbe interessante intervistare seriamente, ripeto seriamente, a quattro’occhi, i ragazzi e le ragazze che hanno partecipato a quel mese di vita comune, diciamo militare e sentire da loro, a telecamere spente, se corrispondano a verità  le valutazioni di amicizia, collaborazione, spirito di gruppo e di futuro  esaltati da tutti loro in special modo nell’ultima puntata ed, in primis, il parere sulla validità di tale  esperienza: questi giovani non sono i ragazzini dei campi scuola.

                                                                               PIO


 
Links Correlati
· Inoltre Gruppo
· News by morang


Articolo più letto relativo a Gruppo:
Curiositą (Maggio 2015)


Valutazione Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente


Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Argomenti Correlati

Gruppo

" PROGETTO (Aprile 2021)" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

 
Web site powered by PHP-Nuke Versione WL-Nuke a cura di Weblord.it

All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2007 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
Engine PHP-Nuke - Powered by WL-Nuke