Ana Sezione di Milano - Content
xxx
Associazione Nazionale Alpini - Gruppo di San Vittore Olona- Via Alfieri - 20028 San Vittore Olona (MI) tel: 3333450040 - sanvittoreolona.milano@ana.it
Visita il sito
 Il Gruppo :
 Home
 Dove Siamo
 Storia del Gruppo

 Attivitą :
 Protezione Civile
 Squadra Intervento Alpino
 Scuole

 Mediateca :
 Immagini
 Biblioteca
 Archivio Articoli
 Archivio Notiziari

 Statistiche
 Web Links
 

 Downloads

Aggiungi ai preferiti

Contatta il webmaster
03:45:24
Data : 09-06-2023
GMT : +0200

 Cerca :
 Cerca nel sito :



 Cerca fuori :






pagine viste dal September 2007

 Linkaci :


Gruppo Alpini San Vittore Olona


User Info
Benvenuto, Anonymous
Nickname
Password
Codice di Sicurezza: Codice di Sicurezza
Digita il codice di sicurezza

(Registrare)
Iscrizione:
più tardi: MistyPayne
News di oggi: 0
News di ieri: 0
Complessivo: 83

Persone Online:
Visitatori: 143
Iscritti: 0
Totale: 143

Dopo le vacanze (Ottobre 2022)
Postato il di morang

Gruppo

DOPO LE VACANZE

Anche  per chi non le ha fatte. Proprio in questi giorni si parla di fine vacanze/ferie, di rientro a scuola, di ripresa della vita normale, casa - lavoro com’è giusto che sia. Per quanto riguarda la vita del nostro gruppo ci si prova, dopo la batosta del covid che ha creato notevoli disagi, anzi più che notevoli. Sembra brutto dirlo o scriverlo ma quest’accidenti  ha dato, per non dire imposto, l’opportunità di testare la validità della nostra società, della nostra nazione fino a toccare le realtà di tutti noi, famiglia e vita associativa ed è ciò che sta avvenendo anche nel nostro gruppo. Detto questo veniamo al perché di questo articolo. Pensando alle ferie/vacanze mi è venuto spontaneo un paragone con la vita militare, a quando si tornava dalla  licenza più o meno lunga o licenza premio che dir si voglia;  non parliamo poi dell’ ordinaria.   Com’era il rientro, in treno, in pullman poi a piedi fino alla porta carraia dove ti aspettava l’ufficiale di guardia  o il piantone in garitta il quale senza parlare ti faceva capire che la pacchia era finita? A questo proposito mi è capitato fra le mani un ricordo scritto da  un amico, tra l’altro ex tenente alpino. Lui si  è capace di scrivere bene,   anzi, a parer mio, benissimo, a tal punto  che con la penna riesce  quasi a “filmare” quanto scrive. Almeno questo succede a me e lo riconfermo  ma non perché lui è un mio amico, non è una ruffianata, ma perché con il suo stile letterario è capace di farmi vedere, quasi rivivere,  il contenuto di quanto scrive;   in questo modo, o per suggestione o per altro che dir si voglia, ne avvantaggia il piacere della lettura in genere, in particolare  di  questa sua esperienza che  vi propongo sperando che altrettanto avvenga a voi e che alla fine della lettura   riusciate perfino a sorridere … 



La sera di una domenica del gennaio 1974,in treno,Conegliano-Tolmezzo,rientravo in servizio:ero in borghese. Erano tanti i militari che rientravano dalla licenza quella domenica sera nelle caserme del Friuli. Fino a  Udine tutto tranquillo, toni sommessi, dialoghi pacati. Poi,quando il convoglio prese la direzione della Carnia e negli scompartimenti rimasero solo alpini, mi si offrì una immagine piena di poesia e risuonarono dentro di me le note di “quel lungo treno che andava al confine…” Ma solo per poco, perché dagli zaini cominciarono ad uscire pane, salame, formaggi e fiaschi di vino. Assaggia questo, lo ha fatto mio padre, bevi questo è del vigneto di mio nonno, questo è il maiale di casa. Il clima di nonchalance di cui era permeata l’atmosfera prima di Udine mutò in immagini di bella convivialità e gustosa condivisione.  Ma già a Venzone tre alpini scesi dal treno facevano un unico blocco, stretto e compatto, per permettere a quello al centro di rimanere in piedi, vista la presenza in stazione della ronda. Cordialità e adesso anche solidarietà. A Carnia due corriere aspettavano i militari diretti alle caserme di Tolmezzo, Paularo e Paluzza ( quella linea ferroviaria non era più in funzione). Bortolin era un artigliere dell’Ottava del Pinerolo della Cantore. Uno e novanta, era il conducente più bravo, generoso e ben voluto della batteria, aveva un solo difetto: quando beveva non era più Bortolin. Un maresciallo in borghese della Del Din (erano due le caserme a Tolmezzo: la Cantore, Artiglieria, e la Del Din, Alpini) sulla corriera lo richiamò all’ordine. Un battibecco sedato in qualche maniera dai compagni, poi, al momento di scendere e scappare in caserma, dalla bocca di Bortolin un fendente pesante: teron!  La mattina dopo il maresciallo della Del Din era alla Cantore con il permesso del colonnello di cercare l’autore della pesante offesa. E il giorno dopo ancora, al momento dell’alzabandiera, quando tutti gli artiglieri erano schierati in cortile, a passare in rassegna batteria per batteria. Tutti schierati, tutti tranne i cucinieri, cui era stato provvisoriamente aggregato Bortolin per sfuggire alla vendetta del maresciallo degli alpini. Lo sapevano tutti alla  Cantore, tenenti, capitani, forse anche il colonnello, tutti tranne il maresciallo teron.

… meraviglioso esempio di solidarietà alpina!

                                                              PIO


 
Links Correlati
· Inoltre Gruppo
· News by morang


Articolo più letto relativo a Gruppo:
Curiositą (Maggio 2015)


Valutazione Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente


Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Argomenti Correlati

Gruppo

"Dopo le vacanze (Ottobre 2022)" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

 
Web site powered by PHP-Nuke Versione WL-Nuke a cura di Weblord.it

All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2007 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
Engine PHP-Nuke - Powered by WL-Nuke