Ana Sezione di Milano - Content
xxx
Associazione Nazionale Alpini - Gruppo di San Vittore Olona- Via Alfieri - 20028 San Vittore Olona (MI) tel: 3333450040 - sanvittoreolona.milano@ana.it
Visita il sito
 Il Gruppo :
 Home
 Dove Siamo
 Storia del Gruppo

 Attivitą :
 Protezione Civile
 Squadra Intervento Alpino
 Scuole

 Mediateca :
 Immagini
 Biblioteca
 Archivio Articoli
 Archivio Notiziari

 Statistiche
 Web Links
 

 Downloads

Aggiungi ai preferiti

Contatta il webmaster
16:41:59
Data : 29-11-2021
GMT : +0100

 Cerca :
 Cerca nel sito :



 Cerca fuori :






pagine viste dal September 2007

 Linkaci :


Gruppo Alpini San Vittore Olona


User Info
Benvenuto, Anonymous
Nickname
Password
Codice di Sicurezza: Codice di Sicurezza
Digita il codice di sicurezza

(Registrare)
Iscrizione:
più tardi: normanveltri4756
News di oggi: 0
News di ieri: 0
Complessivo: 77

Persone Online:
Visitatori: 88
Iscritti: 0
Totale: 88

Fondi ben spesi e buoni frutti (Ottobre 2021)
Postato il di morang

ANA

FONDI BEN SPESI E BUONI FRUTTI

Nel corso delle mie vacanze estive, girovagando in moto per la Penisola, ho voluto fare ritorno in Abruzzo e ho fatto tappa per un paio di giorni all’Aquila per rivedere quella bella città che nei miei ricordi significava morte e distruzione a seguito del disastroso terremoto che nella notte fra il 5 e 6 aprile 2009 provocò 309 vittime e che mi vide, in compagnia di tanti amici alpini, prestare soccorso a quelle povere genti private di tutto in un lungo attimo. Il terribile ricordo di quelle giornate passate ad aiutare nella gestione del Campo Globo e ad accompagnare gli sfollati a recuperare le poche cose rimaste nelle loro abitazioni, è stato solo in parte mitigato da quello della grande Adunata Nazionale del 2015 quando l’Associazione Nazionale Alpini decise di tornare in massa su quei luoghi tanto provati per dare un segnale di rinascita ed un aiuto concreto all’economia di una zona altrimenti destinata ad un lento declino. Se nel periodo dell’emergenza terremoto il clima era di grande dolore, quello dell’Adunata che, seppur rispecchiando un senso di comunanza ed allegria che voleva essere da sprone alla popolazione, era comunque, come tutte le nostre Adunate, molto caotico e troppo affollato per consentire di apprezzare le bellezze della città. 


 

 

 

 



Per questo avevo il desiderio di vivere qualche giorno nel clima “normale” dell’Aquila, senza la folla chiassosa ed apprezzando quanto la città delle 99 piazze, 99 chiese e 99 fontane aveva da offrire cercando i segni di quella rinascita che tutti noi ci auguravamo e per la quale ci eravamo spesi. Ebbene il risultato è stato veramente soddisfacente e benché la ricostruzione, seppur a distanza di 12 anni sia arrivata “solo” al 65% è giusto tenere presente che stiamo parlando di un centro particolare dove i lavori devono seguire dei criteri particolari di rispetto paesaggistico ed artistico e che pur essendo un immenso cantiere mi ha fatto un immenso piacere ed emozionato in maniera particolare vedere nel loro splendore le facciate dei palazzi del centro storico che ricordavo solo crollate o impacchettate da ponteggi ed impalcature. Ho potuto così ammirare in tutta tranquillità il Forte Spagnolo, la Fontana delle 99 cannelle, la Basilica di S. Bernardino, la maestosità della basilica di Collemaggio e passeggiare senza folla nella bella Piazza del Duomo e nelle vie del centro storico sino alla Fontana luminosa che proiettava nel cielo il Tricolore. Altro motivo di soddisfazione è stato quello di essere ospite in un bed and breakfast in pieno centro di proprietà di Armando, un alpino locale che ci ha fatto sentire come a casa in una struttura completamente rinnovata dimostrando (e non sempre è così) che i soldi impegnati sono stati ben spesi. Ma la cosa che in assoluto mi ha fatto più piacere e riempito di orgoglio, ritenendo di avere in infinitesimale parte contribuito, è stato constatare che praticamente tutte le attività del centro storico, dai negozi, ai bar, ai ristoranti, ai servizi, sono gestiti da giovani trentenni che 12 anni fa, al momento del disastro, si affacciavano al mondo del lavoro e della vita e che hanno saputo scommettere sulla rinascita della LORO  città evitando di farla cadere nell’oblio e creandosi una opportunità per il loro futuro. Ecco, questo è il più grande riconoscimento per un vecchio volontario quale sono e che ripaga tutti noi dell’impegno profuso in questa ed in altre occasioni, sapere e soprattutto toccare con mano che il seme della speranza gettato allora ha dato buoni frutti.

Franco Maggioni


 
Links Correlati
· God
· Inoltre ANA
· News by morang


Articolo più letto relativo a ANA:
Adunata a Latina: considerazioni ( Giugno 2009 )


Valutazione Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente


Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Argomenti Correlati

ANA

"Fondi ben spesi e buoni frutti (Ottobre 2021)" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

 
Web site powered by PHP-Nuke Versione WL-Nuke a cura di Weblord.it

All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2007 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
Engine PHP-Nuke - Powered by WL-Nuke